19 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/06/2016, 09.30

    ISLAM

    Ramadan e Giubileo misericordia, cristiani e musulmani in digiuno e preghiera per la pace



    Il patriarcato caldeo in Iraq invita la comunità cristiana a osservare il digiuno musulmano il prossimo 17 giugno. In Pakistan le comunità cristiane organizzano pasti dell’Iftar aperti a fedeli di tutte le religioni. Ad Aleppo iniziative di solidarietà per famiglie musulmane povere. Per l’emerito di Davao (Filippine) il digiuno diventa “modalità di dialogo”.

     

    Baghdad (AsiaNews) - Il Ramadan come occasione di incontro, confronto, preghiera e digiuno comune per la pace nel mondo, per il dialogo interreligioso, per contrastare ogni fondamentalismo e la logica di violenza e terrore di chi perpetra crimini con il manto della religione. In questo Anno giubilare della Misericordia indetto da papa Francesco, il mese sacro dell’islam dedicato al digiuno e alla preghiera diventa ancor più occasione di ponte e di dialogo fra cristiani e musulmani, in Medio oriente e in molte altre parti del mondo. Dall’Iraq al Pakistan, dalle Filippine alla Siria si moltiplicano luoghi e momenti - come scrive la Chiesa irakena - per promuovere “pace e fraternità”.

    Il patriarcato caldeo invita la comunità cristiana a digiunare il prossimo venerdì 17 giugno, in “solidarietà” con i musulmani e per lanciare un messaggio di pace in Iraq, nazione martoriata da conflitti e violenze. In un messaggio inviato ad AsiaNews, Mar Louis Raphael Sako invita a digiunare e pregare “per la pace e la stabilità” in Iraq e nella regione; sua beatitudine chiede anche maggiore impegno a favore degli sfollati “al fine di promuovere una cultura di amore, fraternità e coesistenza armoniosa”.

    La Chiesa irakena è impegnata in prima persona nell’opera di assistenza e aiuto, distribuisce cibi e generi di prima necessità, presta cure mediche e organizza, in questo mese sacro per l’islam, pasti dell’Iftar (consumati dopo il tramonto del sole) per i musulmani. Per sensibilizzare tutta la comunità, conclude la nota, “il patriarca caldeo, i vescovi ausiliari e i collaboratori hanno deciso di digiunare in questo particolare giorno”.

    Il ramadan in Pakistan diventa invece occasione per organizzare i pasti dell’Iftar “aperti” a tutta la comunità, cristiani e musulmani. Attivisti e leader cristiani invitano scuole e parrocchie a promuovere pasti comuni al tramonto, quando si conclude il tempo giornaliero di digiuno. Questi momenti aiuterebbero a “promuovere una vera amicizia”.

    Secondo alcune personalità della Chiesa locale, alle cene nei ristoranti in cui vengono invitate personalità islamiche vanno privilegiati pasti comuni nelle abitazioni private, che permettono di riunire membri di entrambe le fedi. “Il Ramadan - spiega ad AsiaNews il sacerdote irakeno p. Aftab James Paul - è una buona occasione per ricostruire le relazioni […] e far capire ai nostri fratelli musulmani che condividiamo gli stessi valori”.

    Dall’inizio del Ramadan l’arcidiocesi siro-ortodossa di Aleppo, in Siria, organizza pasti mattutini e serali, dopo il tramonto, per le famiglie musulmane povere della città. Le famiglie cristiane del sobborgo di Sulaimaniyah ogni giorno preparano i pasti per i musulmani, che vengono poi distribuiti nella cattedrale di Sant’Efrem.

    In un comunicato diffuso sui media dell’arcidiocesi i vertici della Chiesa siro-ortodossa locale spiegano che si tratta di un “semplice gesto” per esprimere “solidarietà” fra cittadini di religione diversa, con l’obiettivo di rilanciare la convivenza e la fratellanza in una realtà di guerra. Del resto la comunità cristiana promuove da tempo iniziative di solidarietà nel Paese aperte a tutte le fedi, come i bambini orfani musulmani che vengono accolti e accuditi in strutture della Chiesa.

    Nelle Filippine l’arcivescovo emerito di Davao ha esortato anche i non musulmani a osservare il digiuno giornaliero durante il Ramadan. “Dovremmo promuovere questo tipo di attività - sottolinea mons. Fernando Robles Capalla - come modalità di dialogo con le altre religioni”. Il prelato ha aggiunto che il digiuno è comune a tutte le religioni ed è un gesto positivo di solidarietà. Esso non è solo un’astinenza dal consumo di cibo e bevande, conclude il prelato, ma anche un momento per rafforzare la devozione personale.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/06/2015 INDONESIA - ISLAM
    Aceh: vendevano cibo durante il Ramadan, nove persone condannate alla fustigazione
    Si tratta del proprietario di un chiosco e di otto assistenti. Gli agenti hanno anche sequestrato prodotti alimentari e bevande a privati cittadini, pronte per essere consumate. L’obbligo del digiuno imposto di fatto anche ai non musulmani. Confermata la politica di “tolleranza zero” nella provincia contro quanti non rispettano la legge islamica.

    17/06/2015 INDONESIA - ISLAM
    Ulema indonesiani contro la vendita di cibo e bevande in strada durante il Ramadan
    Per i radicali islamici nel mese sacro di digiuno e preghiera gli esercizi devono restare chiusi. I non musulmani, avverte il leader Mui, devono rispettare i sentimenti e i dettami dell’islam. Diversa l’opinione del ministro per gli Affari religiosi, secondo cui “non vi è ragione” di fermare gli esercizi commerciali.

    06/06/2016 13:45:00 ISLAM
    I musulmani celebrano l’inizio del Ramadan, fra appelli alla misericordia e crisi alimentari

    Oggi parte il mese sacro di digiuno e preghiera per l’islam. Il re saudita Salman ricorda le “sofferenze” nel mondo a causa del “terrorismo”. Ad Amman il ristorante Caritas della misericordia offre pasti gratuiti per l’iftar. Il messaggio di pace e riconciliazione del patriarca caldeo ai “fratelli musulmani”. Allarme di medici e nutrizionisti: rischio obesità e disturbi alimentari. 



    08/08/2013 INDONESIA – ISLAM
    Musulmani indonesiani celebrano la fine del Ramadan. Timori di attentati
    Nel Paese islamico più popoloso al mondo si aprono i festeggiamenti di Eid al-Fitr, che segna la fine del mese sacro di digiuno e preghiera. Oltre 140mila poliziotti a presidiare obiettivi sensibili. Quest’anno nel mirino degli estremisti ci sono i templi buddisti: si teme una vendetta contro le violenze anti-Rohingya in Myanmar.

    05/08/2011 INDONESIA
    Sumatra: per l’inizio del Ramadan, bruciate due chiese protestanti
    Una folla di almeno 100 persone ha assalito e dato alle fiamme un centro di preghiera della Christian Batak Synod (Hkbp). In precedenza avevano attaccato un altro edificio cristiano a cinque km di distanza. Le violenze sono avvenute il primo giorno del mese sacro di digiuno e preghiera per i musulmani.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®