07/11/2008, 00.00
VATICANO - ISRAELE
Invia ad un amico

Rapporti “cordiali” , ma nulla di fatto nei dialoghi Santa Sede – Israele

di Arieh Cohen
L’attuazione dell’Accordo Fondamentale e le discussioni per l’esenzione dalle tasse per la Chiesa, durano dal marzo 1999. Prossimo raduno il 17 dicembre.

Tel Aviv (AsiaNews) – Un laconico comunicato congiunto è stato diffuso oggi dalle delegazioni della Santa Sede e dello Stato d’Israele a conclusione del loro incontro avvenuto ieri a Gerusalemme. Il raduno si inserisce all’interno dei lavori della Commissione bilaterale permanente fra Santa Sede e Stato d’Israele per proseguire l’attuazione dell’Accordo fondamentale.

Nel comunicato, molto simile a quelli passati, i diplomatici vaticani e la controparte d’Israele dicono che il loro incontro è stato “caratterizzato da grande cordialità e spirito di collaborazione” e riaffermano il “comune impegno per  accelerare i progressi verso un accordo”

Questa serie di negoziati fra Santa Sede e Stato ebraico è iniziato l’11 marzo 1999 ed ha come scopo la riconferma dell’esenzione dalle tasse, come da storia, che permette alla Chiesa di vivere e lavorare nella Terra Santa; la restituzione alla Chiesa di alcune proprietà ecclesiastiche; alcune regole per la protezione delle rimanenti proprietà, specialmente i Luoghi santi.

Il comunicato annuncia che le delegazioni si incontreranno ancora il 17 dicembre prossimo in sessione ordinaria e il giorno successivo in seduta plenaria.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ambasciatore israeliano in Vaticano: I divari fra Santa Sede e Israele possono essere superati
30/01/2013
Attacco di Israele contro il papa: un polverone per abbandonare i dialoghi con la Santa Sede
26/07/2005
Santa Sede – Israele, continuano i dialoghi su tasse e libertà dei Luoghi santi
29/10/2009
Nuovo incontro Santa Sede – Israele per la tutela dei Luoghi santi e lo statuto fiscale
22/09/2010
Cambio di programma negli incontri Santa Sede-Israele
04/03/2010