29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/04/2006, 00.00

    Cina

    Resti di bambini bolliti scoperti dalla polizia del Gansu



    Il Dipartimento pubblica sicurezza e la stampa locale confermano il ritrovamento di due braccia umane appartenenti ad un bambino fra i cinque e gli otto anni "condite con zenzero e peperoncino".

    Lanzhou (AsiaNews) – La polizia della provincia settentrionale del Gansu ha scoperto due braccia umane bollite, appartenenti presumibilmente a bambini fra i cinque e gli otto anni, in una discarica di Lanzhou. Una settimana fa, erano stati scoperti nella stessa provincia 121 teschi umani. Lo riporta il South China Morning Post, che cita fonti e stampa locali.

    Gli addetti della discarica Yangwagou, nel distretto di Chengguan, hanno ritrovato le braccia insieme ad altre parti in un sacco di plastica bianca la mattina del 3 marzo. Un giornalista locale sostiene che sembra siano state "condite" con ingredienti da cucina come lo zenzero ed il peperoncino. "Le braccia – scrive il giornalista – appartengono chiaramente ad un bambino: hanno bicipite ed avambraccio e le mani hanno le unghie".

    Peng Hailin, direttore dell'Ufficio stampa del dipartimento di pubblica sicurezza di Lanzhou, conferma il ritrovamento ma dice che ci vorrà ancora del tempo per determinare se i resti sono quelli di un bambino. La polizia locale ha invece stimato l'età della vittima fra i cinque e gli otto anni.

    Il 2 marzo circa 5 tonnellate di immondizia sono state scaricate nel luogo: la discarica raccoglie i rifiuti medici ed urbani delle aree di Donggan e Yantan e quelli della città di Heping, nella contea Yizhong. Questo ritrovamento avviene una settimana dopo la scoperta di 121 teschi umani in una remota area fluviale di Tianzhu, contea che si trova sempre nel Gansu.

    Questa regione della Cina non è l'unica a dover fare i conti con ritrovamenti macabri. A Jiamusi, città dell'Heilongjiang, la polizia ha arrestato lo scorso mese un assassino con l'accusa di aver stuprato, ucciso e smembrato almeno sei bambini: secondo il rapporto degli agenti, i corpi ritrovati nella casa erano "appena riconoscibili".

    Secondo fonti interne, le autorità cinesi, fra cui il dipartimento Pubblicità del Partito Comunista ed il ministero degli Affari esteri, hanno ordinato il blocco immediato di notizie su questi casi.

    Nel 2003, l'ufficio di Pubblica sicurezza del Guangdong ha cercato di bloccare notizie secondo cui in alcuni ristoranti della provincia meridionale si cuocevano bambini morti in zuppe per servirle a uomini d'affari di Taiwan e Hong Kong. Secondo la polizia, la storia era stata inventata per rovinare l'immagine del Guangdong e della Cina intera.

    Negli anni '90 sempre nel Guangdong è stato scoperto un traffico di feti da bollire per fare zuppe da vendere come cure di bellezza e ringiovanimento.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/01/2006 Cina
    Cina, nel 2005 oltre 87 mila proteste sociali

    I dati presentati ieri dal ministero della Pubblica sicurezza mostrano un aumento del 6,6 % rispetto allo scorso anno.



    24/02/2006 Cina
    Cina: le proteste sociali fanno sempre più vittime nella polizia

    Il ministero cinese della Pubblica sicurezza denuncia un aumento dei crimini legati alle proteste pari al 500 % rispetto agli anni '80. Ogni giorno un poliziotto muore e 20 vengono feriti.



    07/12/2005 Cina
    Cina: polizia apre il fuoco contro manifestanti, due morti

    Un gruppo di agenti in tenuta anti-sommossa ha sparato contro gli abitanti di un villaggio del Guangdong che protestavano per la requisizione della terra ed il mancato risarcimento.



    21/08/2009 CINA
    Per i 60 anni della Repubblica cinese cresce il controllo di spie, esercito e polizia
    Annunciate misure eccezionali, da una ferrea vigilanza dell’esercito nelle regioni di etnie minoritarie al controllo capillare su migranti e chiunque causi “disordine”. Le autorità dicono che vogliono prevenire attentati. Ma molti vi ravvisano piuttosto la volontà di zittire ogni dissenso.

    29/07/2013 CINA
    Cina, non si ferma la scia di violenza “ordinaria” creata dalla mancanza di giustizia
    Questa mattina un uomo ha ucciso a colpi di coltello 3 persone a Shenzhen: è l’ultimo caso di una serie di omicidi compiuti da comuni cittadini che non riescono a farsi ascoltare dalle autorità e cercano di farsi giustizia con la violenza. Il governo, che impone ai tribunali la fedeltà al Partito, non sembra in grado di risolvere la questione.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®