29 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/11/2016, 10.23

    RUSSIA

    Russia, un tribunale dovrà stabilire se il Nuovo Testamento è “estremista”

    Nina Achmatova

    Il caso è legato alla missione dei Gideons che volevano importare libri sacri nel Paese, nel rispetto della legge. La dogana a Vyborg, però, ha fermato il materiale chiedendo di verificare la presenza di contenuti estremisti.

    Mosca (AsiaNews) - Il 16 novembre a Vyborg, vicino San Pietroburgo, si terrà un’udienza del tribunale cittadino su un caso che riguarda l’esame del Nuovo Testamento e del libro dei Salmi per determinare se sono o meno letteratura estremista. Nel luglio scorso, i Gideons - organizzazione cristiana evangelica che distribuisce copie della Bibbia e Nuovi Testamenti gratuitamente - volevano importare in Russia Bibbie e libri dei Salmi che già distribuisce nel Paese da anni. La dogana di Vyborg, però, ha chiesto un esame linguistico da parte di esperti sui testi sacri, prima di lasciarli entrare nel territorio della Federazione russa. Poco dopo, uno dei responsabili del servizio doganale, Serghei Lenin, ha spiegato che il rifiuto di far passare il materiale era legato al fatto che non era stata presentata documentazione attestante che i libri trasportati non avessero un contenuto estremista, come prevede la legge.

    Come riporta il portale Religia i Pravo, il legale della missione dei Gideons, Anatoly Pchelintsev, ha fatto notare che i doganieri hanno completamente ignorato gli emendamenti del 2015 alla legge “per combattere le attività estremiste” e per i quali i libri sacri di Bibbia, Corano, Tanakh (testi sacri dell’ebraismo) e Kangyur (Canone buddista) non possono essere  mai ritenuti estremisti. Per questo, alla dogana di Vyborg, secondo i Giodons, i loro libri non dovevano essere fermati perché parte della Bibbia. A conferma di questo, l’organizzazione cristiana aveva fornito alle autorità anche l’esame del dipartimento di studi religiosi dell’Università pedagogica statale russa Herzen.

    I doganieri non hanno preso in considerazione né gli emendamenti alla legge, né l’analisi degli esperti e hanno tenuto i 20mila libri alla frontiera a marcire, tanto che molti sono stati rispediti in Finlandia dove erano stati stampati.

    “Quanto accaduto è spiegabile con l’ignoranza dei funzionari, della polizia e del personale di dogana o anche con gli abusi personali. - scrive Religia i Pravo - Ma si tratta di un’eccessiva semplificazione e non spiega del tutto la situazione. Il capo della dogana conosce il Nuovo Testamento, ma sa anche che tutto ciò che è religioso è ormai sospetto in Russia per via dell’inasprimento della legislazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/09/2009 UZBEKISTAN
    Tashkent, musulmani clandestini condannati come terroristi
    I tribunali puniscono con molti anni di carcere i seguaci di culti non approvati, applicando le pene previste per i terroristi. Gruppi per la tutela dei diritti denunciano che i condannati hanno solo fatto attività religiosa. Intanto giro di vite anche contro cristiani e Testimoni di Geova.

    08/07/2010 RUSSIA
    Rostov, su pressione degli ortodossi, negato il permesso per una chiesa ai pentecostali
    La chiesa di Cristo Salvatore doveva sorgere nel villaggio cosacco di Veshenskaia. L’avvocato dei pentecostali: Sono bastate 20 firme degli ortodossi contro una popolazione di 10 mila persone. I protestanti accusati di essere “corruttori morali”.

    15/03/2010 RUSSIA
    Luterani russi sospettati di “terrorismo”. Ignoranza religiosa della polizia
    Con mitragliatrici e provvisti di cani, 11 poliziotti hanno condotto un’ispezione di sicurezza contro “possibili terroristi” durante una cerimonia nella chiesa luterana di san Giorgio a Kaluga. Le forze dell’ordine combattono “l’estremismo religioso” di protestanti e Testimoni di Geova, ma sono ignoranti sui credo e sui diritti umani.

    11/12/2009 RUSSIA
    La Corte suprema conferma: fuori legge i Testimoni di Geova a Rostov
    Confermata la sentenza emessa a settembre dal tribunale provinciale della città sul Mar Nero. Le comunità delle città di Taganrog, Neklinov e Matveevo-Kurgan non possono più svolgere attività e vanno sciolte. Bandite 34 pubblicazioni dal “contenuto estremistico” e confiscati gli immobili. I Testimoni di Geova si rivolgono alla Corte europea.

    18/03/2017 09:57:00 RUSSIA
    Testimoni di Geova: a rischio la loro presenza in tutta la Russia

    Il ministero di Giustizia vuole dichiarare tutte le attività del gruppo come “estremiste” e quindi proibirle in tutta la Federazione. Secondo il governo, tali attività “violano i diritti e le libertà dell’uomo e del cittadino e danneggiano le persone, l’ordine pubblico e la sicurezza nazionale”. I testi religioni dei TdG messi fruorilegge perché danno “giudizi negativi”  verso le altre religioni e perché sfuggono al servizio militare.





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®