19/11/2011, 00.00
RUSSIA
Invia ad un amico

Sacerdoti ortodossi come strumento di campagna elettorale

A Volgograd funzionari locali di Russia Unita chiedono ai parroci di convincere i fedeli a votare per loro nelle parlamentari di dicembre. La denuncia di un prete sul suo blog.
Mosca (AsiaNews) – Sacerdoti ortodossi come strumento di campagna elettorale. Succede a Volgograd, la ex Stalingrado a sud di Mosca, dove il parroco della chiesa di Pietro e Paolo ha denunciato sul suo blog – ripreso dal sito Newsru.ru - le pressioni di alcuni funzionari del partito di maggioranza Russia Unita perché facesse propaganda a loro favore tra i suoi fedeli.

Padre Alexei Pluzhnikov racconta di essere stato invitato a un incontro con i vertici del governo regionale e riporta letteralmente parte della loro conversazione: “Capirà bene…lei ha una tale influenza psicologica…potrebbe invitare a votare per Russia Unita”, si è sentito dire il sacerdote.

A quanto riferisce il parroco, all’incontro erano presenti anche altri preti. P. Alexei ricorda che nella “Dottrina sociale della Chiesa russa” ci sono aree in cui le strutture ecclesiastiche “non possono prestare assistenza allo Stato, né collaborare con esso”. Una delle aree, spiega il sacerdote, è proprio la “propaganda elettorale, a favore di un partito o di determinati leader”. 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La vittoria di Putin vista da occidente e da oriente
20/03/2018 13:26
Ha vinto Putin IV ‘il Terribile’
19/03/2018 12:56
Il Giorno della Vittoria: l’esaltazione della Russia e di Stalin
09/05/2019 15:51
Card. Tagle: niente messe e foto coi politici in campagna elettorale
23/12/2015
Sacerdote russo rinuncia alla corsa al Cremlino
20/09/2011