20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/02/2017, 08.56

    ASIA

    Scendono del 62% i profitti annuali della Hong Kong and Shanghai Bank

    Paul Wang

    La causa sono “le volatili condizioni finanziarie”, fra cui le elezioni Usa e la Brexit. La parte maggiore del profitto viene dalle operazioni in Asia. Cadono del 41% i profitti della Hang Seng di Hong Kong.

    Hong Kong (AsiaNews) – I profitti del 2016 per la Hsbc (Hong Kong and Shanghai Bank) sono crollati del 62% in un anno. Lo ha dichiarato oggi il presidente Douglas Flint, che però ha definito “alquanto soddisfacenti” i risultati date le “volatili condizioni finanziarie”.

    Le sue dichiarazioni hanno portato a una caduta delle azioni della Hsbc, che ad Hong Kong sono scese del 3,5%.

    Secondo Flint le “condizioni volatili” sono il risultato delle elezioni negli Usa, con i nuovi rischi di incertezza e protezionismo, e l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. A ciò vanno aggiunte “le trasformazioni tecnologiche e le disparità di reddito” presenti nel mondo.

    Sebbene il suo ufficio centrale sia a Londra, la Hsbc trae il massimo dei suoi profitti dall’Asia.

    Nel 2016, le operazioni in Asia hanno generato profitti per 13,8 miliardi di dollari Usa, mentre le operazioni europee hanno portato a una perdita di 6,77 miliardi di dollari.

    Nell’ultimo anno la banca è stata sottoposta ad alcune ristrutturazioni potenziando l’uso del digitale, chiudendo centinaia di sedi in Gran Bretagna, tagliando oltre 8mila posti di lavoro.

    Anche la Hang Seng Bank di Hong Kong ha annunciato stamane una caduta del 41% nei profitti per il 2016. Rose Lee Wai-mun, vice-presidente dell’Hsb, ha attribuito le perdite “all’incertezza dell’ambiente globale, alla diminuzione delle leve finanziarie nella Cina e alla forte competizione nel settore bancario”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/08/2016 15:25:00 HONG KONG
    Banche di Hong Kong, crollo del 60% nei primi sei mesi

    La Hang Seng ha perso utili per 12 miliardi di dollari. Pesano i cattivi prestiti e la diminuzione degli introiti derivati da commissioni. Hsbc registra un calo del 14%, danneggiato anche dalla perdita di valore della sterlina dopo la Brexit.

     



    13/03/2009 ASIA
    Volano le borse di Tokyo e Hong Kong, ferma Shanghai
    L’indice Nikkei guadagna oltre il 5% dopo che il governo annuncia prossimi robusti aiuti all’economia. Lieve flessione di Shanghai: al mercato non bastano le vaghe assicurazioni del premier Wen. Bene le altre piazze asiatiche.

    11/03/2008 ASIA
    Si fa concreto il timore di uno tsunami economico, con l’Asia in prima linea
    La crescita delle “sofferenze” per i subprime americani può bloccare il sistema bancario, impedendone la funzionalità. L’incapacità di erogare prestiti alle imprese, ai consumatori ed alle amministrazioni pubbliche trasmetterebbe la crisi a tutta l’economia.

    22/11/2011 ASIA
    Banca Mondiale: Le economie dell’Asia in leggero calo per la crisi in Europa
    La crescita per il 2012 sarà del 7,8 (dall’8,2 nel 2011). Per la Cina, dal 9,1 di quest’anno all’8,4% nel prossimo anno. Scende la domanda dall’estero, si riducono i prestiti dalle banche internazionali. L’East Asia invitata a puntare sulla domanda interna o regionale. In Cina i primi segni della bolla immobiliare.

    27/11/2009 ASIA
    In discesa i mercati asiatici per la paura di Dubai
    Le borse di Tokyo e Hong Kong scendono del 3%; Shanghai dell’1%. Le più colpite sono banche e proprietà immobiliari. In difficoltà la Standard Chartered e la Hsbc.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®