11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/10/2007, 00.00

    CINA

    Scomparsi da luglio, nove leader protestanti “riappaiono” nei lager



    Il governo li ha arrestati e condannati per “crimini contro lo Stato, organizzati durante gli incontri di un culto diabolico”. Fra di loro una donna di 42 anni, costretta a subire un’isterectomia urgente dopo le torture subite in carcere.
    Pechino (AsiaNews) – Scomparsi da oltre due mesi, nove leader protestanti sono “riapparsi” nei giorni scorsi nei campi di lavoro cinesi. Fra loro anche la signora Li Mei, 42 anni, legata ad un letto di ospedale e costretta a subire un’isterectomia urgente, resa necessaria dalle torture subite in carcere.
     
    Lo denuncia la China Aid Association (Caa), un’organizzazione non governativa con base negli Stati Uniti che opera per la libertà religiosa in Cina, che ha raccolto le testimonianze dei familiari dei nove cristiani. Secondo le famiglie, infatti, i leader protestanti sono stati arrestati il 15 luglio scorso, durante una funzione in una casa privata. La condanna è arrivata il 6 agosto successivo: secondo i giudici della Corte amministrativa di Enshizhou, nell’Hebei, i cristiani sono colpevoli di “crimini contro lo Stato, organizzati durante gli incontri di un culto diabolico”. Nessuno ha avvertito i parenti dell’arresto o della condanna.
     
    Destinati alla “rieducazione tramite il lavoro”, i protestanti sono stati trasferiti in alcuni laogai [campi di lavoro ndr] della provincia. Nel documento che prova le accuse, si legge: “Come prova della loro colpevolezza: hanno cantato inni cristiani in villaggi del Paese, hanno mostrato un film su Gesù in una casa per anziani ed hanno pregato il loro culto diabolico per chiedere la guarigione di un anziano malato”.
     
    Pechino permette la pratica del cristianesimo evangelico solo all'interno del Movimento delle tre autonomie (MTA), nato nel 1950 dopo la presa di potere di Mao, l'espulsione dei missionari stranieri e la reclusione dei leader cinesi delle Chiese. Le statistiche ufficiali dicono che in Cina vi sono 10 milioni di protestanti ufficiali, tutti uniti nel MTA. I protestanti non ufficiali, che si radunano nelle "chiese domestiche" non registrate, sono stimati ad oltre 50 milioni. Nel corso dello scorso anno, il governo ha arrestato 1958 fra pastori e fedeli delle Chiese protestanti non ufficiali.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/01/2008 CINA
    Leader cristiani liberati dai laogai, mancano le prove del loro crimine
    Storica sentenza emessa dalla Commissione amministrativa per i laogai della provincia dell’Hubei, che ha ribaltato la condanna emessa da una Commissione minore ed ha liberato 4 leader cristiani, arrestati mentre pregavano e accusati di essere coinvolti in organizzazioni illegali .

    11/12/2007 CINA
    Shandong, arrestati 270 leader cristiani: leggevano insieme la Bibbia
    I pastori protestanti, non ufficiali, si erano riuniti nel distretto di Hedeng, nei pressi della città di Linyi. La polizia, proveniente da 12 diverse città della zona, li ha arrestati: al momento, 150 di loro sono ancora in galera. Continua la campagna segreta per “normalizzare” le Chiese protestanti sotterranee.

    15/01/2008 CINA
    La polizia arresta un gruppo di orfani “colpevoli” di vivere con un cristiano sotteraneo
    Nel villaggio di Sanhe, Hubei, la polizia ha interrotto le festività natalizie di un piccolo orfanotrofio retto da un famoso leader cristiano, arrestato 12 volte per il suo ruolo di primo piano nella vita delle chiese domestiche non ufficiali cinesi.

    10/09/2013 CINA
    Guangzhou, entro la fine dell'anno i lager di Stato verranno chiusi
    La capitale della ricca provincia meridionale del Guangdong conferma: i circa 100 detenuti al momento costretti ai lavori forzati saranno liberati prima del 2014. Fra questi non vi sono personalità religiose o dissidenti politici. Ancora non è chiaro che fine farà il sistema della "rieducazione tramite il lavoro" lanciato da Mao Zedong.

    04/04/2007 CINA
    Chongqing, il governo apre i laogai agli avvocati
    Con una decisione senza precedenti, il governo della provincia ha aperto le porte dei campi di "rieducazione attraverso il lavoro" agli avvocati, che potranno patrocinare i casi di coloro che vi sono rinchiusi senza processo.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®