24/07/2019, 13.29
TAGIKISTAN - KIRGHIZISTAN
Invia ad un amico

Scontri tra Tagikistan e Kirghizistan: una vittima e diversi feriti

di Vladimir Rozanskij

Sul territorio del Kirghizistan si trovano due enclavi tagike e quattro uzbeke, e i conflitti sorgono per questioni di terreni, acque, passaggi di frontiera illegali e discordie interetniche. Motivi ai quali spesso si aggiungono movimenti di gruppi terroristici legati all’ormai scomparso Stato islamico.

 

Mosca (AsiaNews) - Alla frontiera tra il Tagikistan e il Kirghizistan sono avvenuti degli scontri armati, che hanno provocato la morte di un uomo e almeno cinque feriti. La notizia è stata comunicata dalla sezione tagika di Radio Svoboda, ed è stata poi confermata dagli agenti di frontiera del Kirghizistan.

Secondo le fonti ufficiali, il conflitto è iniziato tra gli abitanti del villaggio tagiko di Vorukh e di quello kirghiso di Ak-Saj, dopo che i primi hanno innalzato la propria bandiera nazionale sul territorio neutrale tra i due Paesi, provocando la reazione dei vicini kirghisi. 

Non è chiaro chi abbia iniziato a usare la violenza; sembra che vi sia stato un lancio di pietre, quindi siano state usate anche armi da fuoco, che hanno provocato un morto e alcuni feriti. La vittima è il 52enne insegnante della scuola di Vorukh, Dzhaloliddin Karoev; tra i feriti vi è anche un poliziotto.

Il villaggio di Vorukh è un’enclave tagika situata nel territorio del Kirghizistan, diviso da Ak-Saj da un fiume. La frontiera tra i due Paesi si estende per quasi mille chilometri, dei quali poco più della metà è marcato e delimitato; la linea incerta dei confini è spesso causa di conflitti tra gli abitanti delle zone vicine.

Sul territorio del Kirghizistan si trovano due enclavi tagike e quattro uzbeke, e i conflitti sorgono per questioni di terreni, acque, passaggi di frontiera illegali e discordie interetniche, motivi ai quali spesso si aggiungono movimenti di gruppi terroristici legati all’ormai scomparso Stato islamico. Dopo la sconfitta in Siria e in Iraq, sono questi i territori dove i combattenti islamici cercano riparo. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dushanbe teme un altro inverno al freddo
12/10/2007
Il Tagikistan offre acqua all'Uzbekistan in cambio di energia
22/01/2009
Si riaffaccia in Asia centrale il pericolo dell’estremismo islamico
28/05/2009
L’Iran chiede di entrare nell’organizzazione antiterrorismo dell’Asia centrale
31/03/2008
Per i tagiki un altro inverno con scarsità di energia, riscaldamento e cibo
14/11/2008