22/05/2017, 12.26
INDONESIA
Invia ad un amico

Semarang: in 15mila festeggiano il nuovo arcivescovo Robertus Rubiyatmoko (Foto)

di Mathias Hariyadi

Le celebrazioni sono durate da mezzogiorno a mezzanotte. Le congratulazioni da esponenti della società civile indonesiana di tutte le religioni. Grande gioia e partecipazione. I cattolici indonesiani pregano per l’unità del Paese contro il radicalismo.

Semarang (AsiaNews) – Sono almeno 15mila i cattolici che lo scorso 19 maggio hanno partecipato alla festa dell’ordinazione del nuovo arcivescovo di Semarang, mons. Robertus Rubiyatmoko. L’evento si è tenuto nel campus dell’Accademia di polizia indonesiana in Semarang, ed è durato da mezzogiorno fino a mezzanotte.

Molti dei partecipanti sono arrivati da parrocchie lontane, partendo giorni prima o molto presto nella mattinata. Per arrivare al luogo dell’evento hanno percorso 2.5 km a piedi dal punto in cui potevano fermarsi i mezzi di trasporto, per via dello scarso numero di navette a disposizione e delle misure di sicurezza.

Mons. Rubiyatmoko, professore di diritto canonico alla facoltà di teologia nell’università di Sanata Dharma, ha scelto come motto “Quaerere et salvum facere”, una testimonianza della sua missione pastorale di cercare e salvare le persone.

Nel discorso diretto alla numerosa folla, l’arcivescovo ha ringraziato tutti coloro hanno partecipato e aiutato a organizzare l’evento: dai 34 vescovi dell’Indonesia, fino alla polizia che ha concesso lo stabile e le centinaia di parrocchiani delle 26 parrocchie della regione di Semarang. Alla conclusione dell’evento ha dato la prima benedizione episcopale da una jeep decappottata, venendo ricambiato con grandi dimostrazione di gioia dei presenti.

Ignatius Partopo, funzionario governativo cattolico del distretto di Klaten, racconta ad AsiaNews di aver vissuto con molta gioia l’ordinazione episcopale, anche se durata a lungo sotto un sole caldo, definendola la più affascinante esperienza religiosa della sua vita.

La sua ordinazione ha raccolto il plauso del cardinale Julius Darmaatmadja Sj, secondo cui essa è in linea con l’approccio pastorale di papa Francesco, proprio in virtù dell’impegno pastorale di mons. Rubiyatmoko nel ricercare e salvare le persone. In modo analogo, l’arcivescovo di Jakarta mons. Ignatius Suharyo ha espresso apprezzamento per il nuovo arcivescovo, in passato un suo studente: “La sua missione pastorale ‘quaerere et salvum facere’ non è iniziata all’improvviso con la sua ordinazione episcopale come nuovo arcivescovo di Semarang. Essa è la conclusione di un suo lungo percorso spirituale, uno che io ho osservato sin dai suoi primi anni come seminarista e che ora si sta portando sempre più a compimento”. 

“Egli cerca ‘Zaccheo’ per cambiarlo in un altro ‘Zaccheo’ – continua mons. Suharyo – cercando sempre più ‘Zaccheo’ per trasformarli da avari a generose”.

Alla fine della celebrazione sono intervenute anche figure della società e burocrazia indonesiana per fare i loro auguri e congratulazioni al nuovo arcivescovo. Fra di essi, c’erano anche musulmani, buddhisti, indù, confuciani, cristiani protestanti, funzionari del governo, autorità militari e di polizia della provincia della Java centrale. Il loro arrivo sul palco e la stretta di mano con il cardinal Darmaatmadja Sj, il nunzio vaticano mons. Antonio Guido Filipazzi, e il nuovo arcivescovo è stato accolto con un caloroso applauso.

L’ordinazione è stata un’occasione di preghiera e impegno dei cattolici indonesiani per il bene del Paese e per una società pluralistica, nel rispetto della sua unità e diversità e la sua piattaforma politica dei Pancasila [i “pilastri” dello Stato per l’unita nazionale ndr] e la Costituzione del 1945. Nella serata, i presenti – non solo cattolici, ma di altre religioni e altri schieramenti politici – hanno intonato canti tradizionali del Paese, in un momento in cui nel Paese c’è una crescita del radicalismo e la frammentazione della società fra i gruppi moderati-nazionali e le “estreme destre” religiose che ambiscono alla formazione di uno Stato islamico indonesiano.

Nei prossimi giorni il nuovo arcivescovo viaggerà per la diocesi per incontrarsi con diversi gruppi e fare visite di cortesia, presentandosi come il nuovo “ufficiale” della regione. 

Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Ordinazione dell'arcivescovo di Semarang
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Java centrale: mons. Robertus Rubiyatmoko è il nuovo arcivescovo di Semarang
20/03/2017 11:07
Sorong, la diocesi celebra i 70 anni della cattedrale con due ordinazioni sacerdotali
05/12/2017 12:10
La Chiesa indonesiana piange mons. Pujasumarta, il “vescovo social”
11/11/2015
Nazionalisti indù contro il Vaticano: ‘istiga la Chiesa indiana contro Modi’
08/06/2018 10:27
Arcivescovo di Goa, lettera pastorale sul problema della povertà
05/06/2018 09:00