14/03/2011, 00.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

Sendai, missionario canadese di Quebec vittima dello tsunami

P. Lachapelle, 77 anni, lavorava a Shiogama, città costiera della prefettura di Miyagi, una delle aree più colpite dal maremoto. Solo ieri il primo contatto con gli altri missionari operativi nella diocesi. Chiesa cattolica giapponese pronta a portare aiuti alle popolazioni colpite dallo tsunami.
Tokyo (AsiaNews) – Un sacerdote dei Missionari di Quebec della diocesi di Sendai, p. Andre Lachapelle, è morto trascinato via dallo tsunami. È quanto afferma ad AsiaNews p. Davide Uribe, missionario di Guadalupe a Tokyo. P. Lachapelle, canadese, aveva 77 anni e lavorava a Shiogama, città costiera della prefettura di Miyagi, una delle aree più colpite dal maremoto.

Nella diocesi di Sendai lavorano diversi missionari di Guadalupe e p. Uribe sottolinea che solo ieri è stato possibile avere un contatto diretto con loro.  

P. Uribe afferma che molti sacerdoti della diocesi vorrebbero partecipari ai soccorsi nelle zone colpite dallo tsunami, ma finora l’accesso è consentito solo ad esercito e volontari della protezione civile. Il sacerdote assicura che la Chiesa giapponese e la diocesi di Sendai si apprestano a raccogliere aiuti e a distribuirli non appena sarà consentito l’accesso alle aree più colpite. 

A tutt’oggi le vittime dello tsunami ammontano a 1834, ma sono oltre 15.500 le persone di cui si sono perse le tracce.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Missionario: Aiutiamo il popolo giapponese con la nostra testimonianza
30/03/2011
A un anno da Fukushima "celebriamo una Quaresima contro il nucleare"
15/03/2012
Vescovi coreani in Giappone: “Lo tsunami sia una nuova alba per il Sol Levante”
17/05/2011
Tsunami, dopo le lacrime la popolazione inizia una nuova storia, grazie alla solidarietà
27/04/2011
Giappone, in missione fra paura e speranza
22/03/2011