21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/09/2017, 08.47

    COREA DEL SUD

    Seoul, oltre 50mila tonnellate di riso in eccesso per i Paesi in via di sviluppo



    Il ministero coreano dell’agricoltura propone l’entrata nel Fac, la convenzione per l’assistenza a Paesi segnati dalla fame. Per il 2017 in Corea del Sud si prevede una sovrapproduzione di 200mila tonnellate di riso. Quest’anno l’impegno del Fac è rivolto soprattutto a Sud Sudan, Somalia, Yemen, Nigeria.

    Seoul (AsiaNews) - La Corea del Sud prevede di dare il prossimo anno circa 50mila tonnellate di riso in eccesso ai Paesi in via di sviluppo. Ciò stabilizzerà l’offerta di riso - e i prezzi - nel Paese e aiuterà nazioni povere a rischio fame nel mondo.

    La proposta del ministero dell’Agricoltura è legata all’entrata nel Food Assistance Convention (Fac), un’associazione internazionale di 14 Paesi, sotto gli auspici dell’Onu. Il ministero attende entro la fine dell’anno l’approvazione del parlamento coreano per divenire membro del Fac.

    L’anno scorso la Corea del Sud ha avuto circa 300mila tonnellate di riso in eccesso, con 4,2 milioni di tonnellate di produzione e 3,9 milioni di tonnellate di riso consumato. Si prevede che anche per il 2017 vi sarà una sovrapproduzione di 200mila tonnellate.

    La sovrapproduzione emerge perché un crescente numero di sudcoreani ha ridotto le quantità di riso nella loro dieta. Allo stesso tempo, essi hanno diversificato i loro cibi con alternative quali grano, orzo, fagioli, granoturco.

    Il Fac è una convenzione fra 14 nazioni che promuove l’assistenza umanitaria di cibo a nazioni in via di sviluppo, seguendo le indicazioni dell’Onu. Fra i suoi membri vi sono gli Usa, l’Unione europea, il Canada, il Giappone, l’Australia. Quest’anno l’impegno del Fac è rivolto soprattutto a Sud Sudan, Somalia, Yemen, Nigeria.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/09/2009 COREA
    Pyongyang, crolla del 40% il raccolto di granoturco
    Fra le cause: la siccità e la mancanza di fertilizzanti. È il peggior raccolto in 12 anni. Un terzo della popolazione rischia la fame. Lee Myung-bak: aiuti e sicurezza in cambio dell’abbandono del programma nucleare.

    23/09/2005 COREA DEL NORD – HONG KONG – ONU
    Caritas di Hong Kong: "Teniamo vivi i contatti con Pyongyang"
    Kathy Zellweger, direttrice del progetto Caritas "Corea del Nord" commenta ad AsiaNews l'ordine nord-coreano di interrompere l'invio di cibo.

    25/08/2009 INDIA
    Carestia e siccità in India a causa dei deboli monsoni
    Le piogge sono state molto scarse durante il recente monsone, in qualche posto meno della metà del normale. Alcuni Stati hanno già dichiarato l’emergenza siccità. La raccolta del riso sarà mancante di 10 milioni di tonnellate. L’India è minacciata dallo spettro della carestia.

    16/04/2008 ASIA
    Si espande in Asia la “crisi dei cereali”, dal Kazakistan alla Cina
    Il Kazakistan vieta l’esportazione di grano e l’Indonesia di riso. La Cina non è autosufficiente, ma lo Stato paga bassi sussidi ai contadini per i cereali e così disincentiva innovazioni. L’India non avrà da mangiare, se le prossime piogge monsoniche non saranno benevole.

    14/04/2008 ASIA
    In 100 milioni a rischio povertà: pericolo di carestia e guerre nei Paesi poveri
    Banca mondiale e Fondo monetario internazionale lanciano l’allarme: l’aumento dei prezzi del cibo sta riducendo alla fame intere popolazioni. Senza immediati aiuti si rischiano proteste pubbliche e conflitti armati. Nel lungo periodo, occorrono aiuti ai piccoli agricoltori.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®