03/07/2013, 00.00
COREA DEL SUD
Invia ad un amico

Seoul, una “maratona del Rosario” per la canonizzazione dei martiri coreani

L’arcidiocesi lancia a livello nazionale una recita perpetua della preghiera mariana, per vedere presto sugli altari p. Choi Yang-oeb, Paolo Yun Ji-choong e i suoi 123 compagni uccisi in odio alla fede durante le persecuzioni del XVIII-XIX secolo. Mons. Yeom: “Il Rosario ci dà la forza per superare tutte le difficoltà”.

Seoul (AsiaNews) - Con una notte di preghiera cui hanno partecipato più di mille persone, l'arcidiocesi di Seoul ha lanciato lo scorso 1 luglio una "maratona del Rosario" per chiedere la canonizzazione di p. Choi Yang-oeb, Paolo Yun Ji-choong e i suoi 123 compagni uccisi in odio alla fede durante le persecuzioni del XVIII - XIX secolo. Lo scopo è quello di recitare 100 milioni di misteri per ogni martire, per un totale di 12,5 miliardi di preghiere.

La prima preghiera si è svolta nella cattedrale Myeong-dong della capitale sudcoreana su iniziativa della Commissione per i martiri e del Consiglio per l'apostolato dei laici: la notizia è stata rilanciata dal Segretariato dell'arcidiocesi. Erano presenti l'arcivescovo, mons. Andrea Yeom Soo-jung; il direttore della Commissione mons. Choi Chang-hwa e quello del Consilio, Choi Hong-jun.

Lo scopo è quello di raggiungere 100 milioni di misteri recitati per ogni Servo di Dio: un totale di 12,5 miliardi di preghiere, che saranno recitate dai cattolici di tutto il Paese a oltranza fino alla canonizzazione dei martiri coreani. La Chiesa locale aspetta con ansia questa decisione: fu Giovanni Paolo II ad aprire la strada degli altari al gruppo nel 2003, quando li ha proclamati Servi di Dio. Il vescovo di Daejeon, mons. Lazzaro You Heung-sik, ha già invitato papa Francesco in Corea per l'evento.

Dopo un'ora di preghiere, l'arcivescovo della capitale ha pronunciato un breve discorso ai presenti: "Il Signore ci concede grandi benedizioni attraverso la preghiera del Rosario, che è davvero la preghiera che ci dà la forza per superare tutte le avversità della nostra vita. Ringraziamo Dio per la Sua grazia e preghiamo, tutti insieme, per la canonizzazione dei nostri martiri". (JYL)

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Seoul, le “rotte dei martiri” per rilanciare la fede e il rapporto con Dio
28/08/2013
La vita e il martirio di Alessio Hwang “vanno letti con gli occhi della fede”
13/06/2013
Mattia Choe, il "difensore dei missionari” frustato a morte per non aver tradito Cristo
03/07/2013
In attesa del Papa, la società coreana riscopre la fede cristiana degli inizi
21/03/2014
I “nuovi” martiri coreani, testimoniare Cristo sotto la lama di un coltello
23/04/2013