24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 19/12/2015, 00.00

    CINA

    Shandong, pregavano in privato: cinque studenti cristiani espulsi dall’università



    I ragazzi erano riuniti in una stanza chiusa dello Shandong Yingcai College: qualcuno li ha fotografati e denunciati alla polizia. Il Dipartimento provinciale per l’Istruzione ha proibito “incontri religiosi” che coinvolgano “tre o più studenti”. Aumenta il controllo statale sulle religioni.

    Pechino (AsiaNews) – Le autorità accademiche di una università della provincia orientale dello Shandong hanno espulso cinque studenti cristiani “colpevoli” di essersi chiusi in una stanza per pregare in privato. La notizia è stata riportata da ChinaAid, organizzazione che monitora la situazione dei cristiani cinesi. I cinque sono Li Binbin, Zhang Yaqi, Chen Huiyun, Ni Wangjie e Chen Ping. Un sesto ragazzo che era con loro, Jia Rong, non è stato punito.

    Un aspetto inquietante della vicenda è che la “colpa” degli studenti è stata denunciata con ogni probabilità da un loro compagno di studi. Infatti la polizia locale è entrata nello Shandong Yingcai College soltanto dopo aver ricevuto una fotografia del gruppo in preghiera. Questa è stata scattata da un anonimo, ma secondo alcune fonti si tratta di un giovane iscritto alla locale Lega comunista giovanile.

    Dal punto di vista legale, l’espulsione è stata motivata con una circolare emanata alcune settimane fa dal Dipartimento provinciale per l’Istruzione dello Shandong. Il testo, inviato a college e università, chiarisce che sono da ritenersi “illegali” le “riunioni religiose che coinvolgono tre o più persone”. I funzionari provinciali hanno imposto l’espulsione anche per “ogni altra attività di tipo religioso”.

    La notizia conferma un clima crescente di controllo e intolleranza da parte dello Stato cinese nei confronti di ogni forma di espressione religiosa. In diverse occasioni, negli ultimi mesi, il presidente Xi Jinping e diversi vertici comunisti nazionali hanno chiarito che la fede – in ogni sua emanazione consentita dal governo – deve essere “sinicizzata” al massimo, e che comunque deve rimanere fuori dalle istituzioni educative.

    Rimane alta anche l’attesa per il summit a livello nazionale sulle religioni, organizzato all’Amministrazione statale per gli affari religiosi (Sara). Questa ha comunicato sul suo sito che è in preparazione un in cui si metterà a tema una revisione dei regolamenti che governano il controllo sulle fedi. Molti cristiani interrogati da AsiaNews temono che esso porterà maggiore buio sulla vita delle comunità, costrette a soffocare in limiti sempre più pesanti.

    Chen Zhongrong, vicedirettore della Sara, ha dichiarato che al summit si parlerà della formazione “intensiva” dei responsabili religiosi locali. All’incontro dovrebbe essere presente anche il presidente Xi Jinping.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2012 CINA
    Il Pcc vuole “più controllo” sulle università in vista del Congresso
    Xi Jinping, attuale vice presidente e delfino di Hu Jintao, ha chiesto alle accademie di mettere in atto “misure più forti e dure per garantire armonia e stabilità” in vista del 18esimo Congresso del Partito, che dovrebbe sancire la sua salita al potere. Pechino teme una replica della Primavera araba

    24/04/2017 17:09:00 CINA
    L’indottrinamento politico nelle università cinesi

    In Cina cresce l’indottrinamento ideologico nelle università anche se aumentano i segnali di rifiuto degli studenti. È la tesi di Zi Yang, ricercatore indipendente e consulente per la Jamestown Foundation sulle questioni cinesi. Egli ha conseguito una laurea magistrale (Master of Arts) alla Georgetown University e un'altra (Bachelor of Arts) alla George Mason University. Per gentile concessione della Jamestown Foundation (Traduzione a cura di AsiaNews).



    02/03/2007 CINA
    Dirigente comunista licenziata ed espulsa dal Partito perché cristiana
    Geng Sude, protestante di 55 anni, era la vicepreside della scuola del Partito comunista di Baoding. All’inizio dell’anno ha ospitato nell’auditorium dell’edificio un incontro di studi biblici, interrotto dalla polizia che ha arrestato i partecipanti. Ora annuncia un ricorso alle autorità provinciali.

    19/08/2017 11:30:00 CINA-GRAN BRETAGNA
    La Cambridge University Press si inchina al volere di Pechino: cancellati più di 300 articoli ‘sensibili’

    La maggior parte degli articoli riguardano Tiananmen, la Rivoluzione culturale, il Tibet, lo Xinjiang, Hong Kong, Taiwan, ecc. L’editore ha accettato per non vedersi oscurato tutto il sito. Vi è anche la richiesta per cancellare più di 1000 e-book. Il Partito comunista cinese controllare anche la produzione culturale internazionale, oltre i suoi confini geografici. Nel 2012 vi è stato un finanziamento cinese all'università, legato a Wen Jiabao.



    24/08/2017 13:36:00 CINA - GRAN BRETAGNA
    Censura a Pechino, sotto il governo di Xi Jinping ‘si è stretto il cappio’

    Gli articoli censurati della Cambridge University Press (Cup) non sono un caso isolato. Mao Zedong ha ucciso e arrestato decine di migliaia di intellettuali. La Cup forse mossa da logiche di mercato. Il potere assoluto di Xi Jinping.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®