06/08/2011, 00.00
CINA - VATICANO
Invia ad un amico

Shandong: arrestati quattro sacerdoti. Appello alla Santa Sede

di Jian Mei
I sacerdoti stavano tenendo un ritiro spirituale per preti. Sono tenuti in isolamento nella prigione di Dongming, senza acqua, né cibo. La pubblica sicurezza e l’Ufficio affari religiosi vuole costringerli ad aderire all’Associazione patriottica, che cerca di costruire una Chiesa indipendente dal papa. I cattolici sotterranei domandano l’aiuto della Santa Sede e della Chiesa universale per la loro liberazione.
Heze (AsiaNews) – Quattro sacerdoti della comunità sotterranea di Heze (Caozhou, Shandong) sono stati presi dalla polizia e rinchiusi nella prigione della contea di Dongming, dove soffrono isolamento e denutrizione. I loro fedeli chiedono l’aiuto della Santa Sede e della Chiesa universale per la loro liberazione.

L’arresto-sequestro è avvenuto nella notte del 3 agosto in una casa di Luquan (contea di Dongming), dove i sacerdoti stavano tenendo un ritiro spirituale per altri sacerdoti. I poliziotti della pubblica sicurezza hanno scavalcato il muro della casa e sono penetrati dentro con la scusa di “prendere alcuni ladri”. Invece hanno costretto i sacerdoti – che dormivano – ad andare con loro.

Ora p. Wang Chengli, 48 anni, amministratore della diocesi di Heze; p. Zhao Wuji, sui 50 anni; p. Li Xianyang, 34; p. Sun Guichun, 38 sono rinchiusi in prigione. La polizia rifiuta ogni visita per loro e non dà loro da mangiare o da bere e li vuole costringere a firmare la loro adesione all’Associazione patriottica, l’organizzazione guidata dal Partito comunista che vuole edificare una Chiesa indipendente dal papa.

Fonti locali hanno detto ad AsiaNews che i sacerdoti hanno rifiutato di firmare. Intanto personalità del governo stanno cercando di raccogliere materiale per accusare i sacerdoti di qualche crimine, corrompendo i fedeli o minacciandoli per metterli contro i sacerdoti.

Alcuni fedeli della Chiesa hanno cercato di parlare con i poliziotti per concordare la liberazione dei quattro sacerdoti, ma senza successo. Essi sono venuti a sapere che i preti hanno subito lunghi interrogatori da parte della sicurezza nazionale, la pubblica sicurezza locale e da membri dell’Ufficio per gli affari religiosi.

I cattolici delle comunità sotterranee – attraverso AsiaNews – sperano che la Santa Sede li aiuterà per salvare la vita ai loro sacerdoti. Essi chiedono anche la preghiera e il sostegno per liberare i prigionieri alla Chiesa universale, così che tutti noi possiamo aderire ai principi della verità e continuare a portare la nostra testimonianza di fede”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La vergogna verso mons. Shao Zhumin, vescovo sequestrato dalla polizia
13/11/2018 09:46
Shandong: ordinato il nuovo vescovo coadiutore di Zhoucun
15/11/2010
Giustizia e Pace: Liberate mons. Agostino Cui Tai, vescovo di Xuanhua
30/05/2018 12:06
Rilasciato il vescovo sotterraneo di Xiwanzi, detenuto per 2 anni e mezzo
12/02/2009
A Pechino migliaia di battesimi; nel Zhejiang prigione per due sacerdoti
10/04/2007