17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 07/08/2017, 13.11

    INDONESIA

    Si conclude l’Asian Youth Day. Il messaggio di papa Francesco

    Mathias Hariyadi

    Il pontefice invita i giovani asiatici a guardare alla Madre del Signore. Il papa esprime l’augurio che i ragazzi sappiano “ascoltare con maggiore attenzione la chiamata di Dio e che rispondano alla loro vocazione, con fede e coraggio”. Più di 20mila cattolici delle comunità cattoliche dell’isola di Java, insieme ai delegati, hanno assistito alla cerimonia di chiusura dell’Asian Youth Day. Nel 2020 sarà l’India il Paese ospitante l’ottava edizione della manifestazione giovanile.

    Yogyakarta (AsiaNews) – A nome di papa Francesco, il cardinale Segretario di Stato vaticano Pietro Parolin ha inviato un messaggio ai giovani che hanno preso parte a Yogyakarta, in Indonesia, alla VII Giornata Asiatica dei Giovani (Ayd 2017), sul tema “Gioiosa gioventù asiatica! Vivere il Vangelo nell’Asia multiculturale”. La manifestazione giovanile cattolica, alla quale hanno aderito oltre 2mila giovani da 22 Paesi del continente, si è conclusa ieri con una solenne celebrazione eucaristica alla presenza dei vertici della Chiesa cattolica d’Asia e di alti funzionari dello Stato indonesiano.

    Il papa esprime l’augurio che i ragazzi sappiano “ascoltare con maggiore attenzione la chiamata di Dio e che rispondano alla loro vocazione, con fede e coraggio”. Prima di impartire la sua benedizione apostolica, il pontefice invita i giovani asiatici a guardare alla Madre del Signore come un “modello di discepolanza missionaria” e “a parlarLe come si parla ad una madre, confidando sempre nella Sua amorevole intercessione”.

    Più di 20mila cattolici delle comunità cattoliche dell’isola di Java, insieme ai ragazzi, hanno assistito alla cerimonia di chiusura (foto 1 e 2), officiata presso l’ Indonesian Air Force Academy di Yogyakarta dal card. Oswald Gracias di Mumbai (India). Il card. Louis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila (Filippine), il card. Patrick D’Rozario,  arcivescovo di Dhaka (Bangladesh) ed il card. Julius Darmaatmadja, arcivescovo emerito di Jakarta (Indonesia) hanno concelebrato la funzione.

    Durante l’omelia, mons. Ignatius Suharyo, arcivescovo di Jakarta e presidente della Conferenza episcopale indonesiana (Kwi), ha portanto l’esempio dell’esperienza spirituale di S.ta Teresa Benedetta della Croce e di un catecumeno javanese. Egli ha esortato i delegati delegati dell’Ayd a diventare “testimoni” della gloria di Dio. “Essa – ha affermato mons. Suharyo – a volte si manifesta nel volto e nel cuore dell'essere umano che riesce a ‘trasformare’ i disagi in una gioia biblica”. L’arcivescovo di Jakarta ha poi invitato i giovani alla comunione e all’unità, nonostante le differenze, attraverso tre virtù cristiane: fede, speranza e amore. Egli ha concluso: “Possiamo tutti noi essere benedetti con la gioia delle virtù bibliche, affinché la nostra vita quotidiana possa essere arricchita per risplendere la Gloria di Dio, che ha reso spiritualmente possibile migliorare le nostre vite”. Mons. Suharyo ha fatto riferimento al motto di S. Ireneo: “Gloria Dei, vivens homo” (La gloria di Dio è l’uomo vivente).

    Al termine della cerimonia, il presidente della Kwi ha di nuovo preso la parola per lanciare un messaggio di pace e coesistenza, tema molto attuale nella società e nella politica indonesiana. Negli ultimi mesi, in tutta l’Indonesia hanno avuto luogo numerosi episodi di intolleranza verso le minoranze religiose. Nonostante le spinte islamiste di alcuni movimenti e partiti politici radicali, la società civile ha reagito ribadendo la necessità di difendere il pluralismo, fondamento della nazione indonesiana. La Chiesa cattolica è voce autorevole nel dialogo interreligioso e l’Ayd è così diventata un importante momento di incontro, cui hanno partecipato anche alcune organizzazioni islamiche moderate e diversi leader musulmani.

    Alla chiusura della kermesse erano presenti figure di alto profilo del governo indonesiano (foto 3), come il vice presidente Jusuf Kalla; il ministro per lo Sport e gli Affari giovanili Nahrawi; Ignasius Jonan, ministro dell’Energia e delle Risorse minerarie; Hamengku Buwono X, sultano e governatore di Yogyakarta; i capi provinciali di esercito e polizia; il direttore dell’Accademia aeronautica che ha ospitato la cerimonia. Alla presenza delle autorità, mons. Suharyo ha esaltato i valori nazionali dei padri fondatori e ha invitato i giovani a farsi operatori di pace.

    Il vice presidente della Repubblica d’Indonesia è intervenuto per riaffermare lo spirito di pluralismo e mutuo rispetto di cui la nazione ha bisogno. “Noi indonesiani – ha dichiarato Jusuf Kalla – conosciamo molto bene il nostro motto nazionale ‘Bhinneka Tunggal Ika’ [Unità nella diversità ndr]. Esso vuol dire che il nostro potere risiede nella nostra diversità”. Egli ha poi esaltato lo spirito dell’Ayd: “Sono orgoglioso di essere qui con tutti voi, poiché mi rendo conto molto bene che il futuro delle nazioni asiatiche è nelle mani dei giovani”. Con il suono del gong, strumento musicale tradizionale di Java, il vice presidente ha infine chiuso la 7ma edizione dell’Ayd.

    Il card. Oswald Gracias, presidente della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia (Fabc), ha comunicato che l’ottava edizione dell’Ayd si terrà in India nel 2020 (foto 4).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/08/2017 15:59:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, hanno collaborato più di 100 ragazzi e ragazze musulmane

    L’organizzazione dell’Asian Youth Day (Ayd) in Indonesia rappresentava una grande sfida. Negli ultimi mesi, la nazione ha registrato un forte aumento degli episodi di intolleranza verso le minoranze religiose. Un giovane musulmano: “L’Indonesia ed i suoi musulmani hanno la responsabilità della riuscita di questo evento”. L’esperienza di dialogo tra i giovani cattolici asiatici e i coetanei musulmani della terza giornata dell’Ayd. “Quest’incontro fa sì che la nostra tolleranza non sia una tolleranza silenziosa”.



    05/08/2017 12:10:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, la Laudato Si’ ha cambiato la vita dei giovani cattolici

    Jonathan Cho era un ragazzo solitario e sedentario, ora è molto impegnato in iniziative per la salvaguardia dell’ambiente. Sumbal Tariq: “Ispirata dall’enciclica, sono impegnata nel piantare alberi e proteggere le sorgenti d'acqua”. Mons. Pius Riana Prapdi, vescovo della diocesi di Ketapang: “I due ragazzi hanno saputo portare nelle loro vite lo spirito dell’enciclica e diventare valido esempio per gli altri”. P. Yohanes “Santo” Dwi Harsanto: “Imparare il coraggio di diffondere i valori sociali della dottrina e gli insegnamenti della Chiesa cattolica.



    04/08/2017 16:59:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, cardinali e vescovi insieme ai leader musulmani in nome del dialogo

    La manifestazione giovanile di Yogyakarta ha un forte risvolto interreligioso. Nella giornata di oggi, dal tema “L’unità nella diversità culturale”, si è svolto un incontroa sulla coesistenza. I leader islamici: “Radicalismo e terrorismo sfide da vincere insieme”. Il card. Patrick D’Rozario di Dhaka: “Intolleranza e terrorismo non sono espressione dei valori autentici della cultura asiatica”. Il prof. Syafi’i Maarif, ex presidente di Muhammadiyah: “Corruzione, ingiustizie sociali e ‘arabizzazione’ sono le cause del settarismo in Indonesia”. 



    03/08/2017 12:01:00 INDONESIA
    Asian Youth Day, ministro indonesiano: ‘chiamati a promuovere tolleranza e solidarietà’

    Lukman Hakim Saifuddin, ministro per gli Affari religiosi: “Allora non ci saranno più pregiudizi basati sull'etnia e sulla religione”. Presente alla cerimonia d’apertura della manifestazione anche Hamengku Buwono X, sultano e governatore di Yogyakarta. Mons. Robertus Rubyatamoko, arcivescovo di Semarang e presidente del Comitato organizzatore: “Sperimentare la vera ‘identità sociale’ delle nazioni asiatiche: la diversità e la società pluralistica”.



    02/08/2017 15:25:00 INDONESIA
    Asian Youth Day: la missione dei giovani nella compassione e la collaborazione

    L’importanza della manifestazione di Yogyakarta in previsione del sinodo dedicato ai giovani del 2018. Il card. Patrick D’Rosario: “La Chiesa d’Asia affronta  molti problemi sociali, soprattutto la povertà. I giovani cattolici partecipino alla sua missione”. I ‘frutti spirituali’ dell’Ayd devono trovare applicazione nella vita reale dei giovani cattolici.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®