30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/03/2015, 00.00

    SIRIA - ISLAM

    Siria, hanno pagato un riscatto i 19 cristiani assiri liberati dallo Stato islamico



    I fondamentalisti hanno preso il controllo dell'area di Tal Tamr e di almeno 10 villaggi cristiani, portando via 220 uomini. Giudicati da una "corte islamica", sono stati liberati dopo il pagamento di 1.700 dollari a persona. I negoziatori - assiri e capi tribali islamici - stanno lavorando per la liberazione del resto del gruppo.

    Damasco (AsiaNews) - I terroristi dello Stato islamico in Siria hanno rilasciato 19 cristiani assiri, parte del gruppo di 220 persone prese in ostaggio la scorsa settimana nell'area di Tal Tamr, dopo il pagamento di un riscatto di circa 1.700 dollari a testa. Osama Edward, direttore dell'Assyrian Network for Human Rights, conferma: "Sono arrivati ieri nella chiesa di Nostra Signora ad Hasakeh su due pullman provenienti da Shaddadeh". La cittadina è la roccaforte dei fondamentalisti islamici nella provincia nord-orientale del Paese.

    Secondo Edward, i 19 rilasciati sono stati liberati dopo il "giudizio" di un "tribunale islamico", che ha ordinato il pagamento della jizya alle loro famiglie. Questa "jizya" è una tassa, prevista nel Corano, che i musulmani possono imporre a ebrei e cristiani che vivono in territori islamici per la "protezione". In cambio, non si impone loro la conversione all'islam. La trattativa per la liberazione è stata condotta da funzionari assiri e capi tribali arabi della zona.

    Secondo alcune fonti locali, lo Stato islamico avrebbe ormai il controllo di "almeno 10 villaggi cristiani dell'area". Gli stessi negoziatori stanno cercando di ottenere il rilascio dei 201 assiri ancora tenuti prigionieri. Secondo Younan Talia, alto funzionario dell'Organizzazione democratica assira, "stiamo cercando di contattare ogni persona che possa darci una mano. Lavoriamo con i nostri amici sceicchi tribali. Alcuni della zona di Daesh [acronimo arabo per Stato islamico] stanno inviando dei messaggi, ma per ora non abbiamo risposta".

    Dopo la preghiera mariana dell'Angelus, papa Francesco ha chiesto ai fedeli presenti in piazza san Pietro di pregare in silenzio per le popolazioni di Siria e Iraq, colpite dalla violenza islamista: "Non cessano purtroppo di giungere notizie drammatiche dalla Siria e dall'Iraq - ha detto il pontefice - relative a violenze, sequestri di persona e soprusi a danno di cristiani e di altri gruppi. Vogliamo assicurare a quanti sono coinvolti in queste situazioni che non li dimentichiamo, ma siamo loro vicini e preghiamo insistentemente perché al più presto si ponga fine all'intollerabile brutalità di cui sono vittime. Insieme ai membri della Curia Romana ho offerto secondo questa intenzione l'ultima Santa Messa degli Esercizi Spirituali, venerdì scorso. Nello stesso tempo chiedo a tutti, secondo le loro possibilità, di adoperarsi per alleviare le sofferenze di quanti sono nella prova, spesso solo a causa della fede che professano. Preghiamo per questi fratelli e sorelle, che soffrono per la fede. In Siria, in Iraq. Preghiamo in silenzio".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/03/2016 13:59:00 SIRIA
    Io, prigioniera dell'Isis: ai rapitori che volevano convertirmi ho fatto il segno della Croce

    AsiaNews ha raccolto la testimonianza di Josephine, una delle centinaia di cristiani di Hassakeh per un anno nelle mani di Daesh (o Isis, lo Stato islamico). La ragazza parla delle sofferenze psicologiche, dei tentativi di conversione, della lontananza dai parenti maschi. Salva “grazie alla fede”. La madre Caroline, operatrice Caritas, è l’unica ad aver scampato il sequestro. Ha trattato il rilascio con i jihadisti e ha regalato loro copie della Bibbia. Ora spera di “incontrare il papa” con tutta la famiglia.



    12/08/2015 SIRIA
    Lo Stato islamico libera 22 cristiani assiri della zona di Hassaké
    Fra essi vi sono 14 donne anziane. Restano ancora 187 cristiani ostaggi dello SI. I miliziani domandano 100mila dollari per ogni ostaggio.

    18/11/2015 EGITTO – SIRIA
    Patriarca Younan: L’Isis non si sconfigge con i raid, l’Occidente ha tradito i cristiani
    Il capo della Chiesa siro-cattolica, Mar Ignace Youssif III Younan, accusa i governi dell’Ovest di mantenere un “conflitto infinito in Siria” per una volontà egemonica. I terroristi che usano l’islam come pretesto per la violenza “sono già infiltrati in Europa, sostenuti dai soldi di Arabia Saudita e Paesi del Golfo sotto la supervisione dei governi occidentali”. Papa Francesco “vero difensore della giustizia, è pieno di dolore per quanto sta accadendo in Siria e Iraq”.

    25/11/2015 SIRIA
    Lo Stato islamico libera 10 cristiani assiri della comunità di Hassaké
    Fanno parte del gruppo di oltre 200 fedeli sequestrati nel febbraio scorso nel nord-est della Siria. Fra gli ostaggi rilasciati vi sarebbero anche cinque donne. Una liberazione giunta al termine di “estenuanti trattative” condotte dalla Chiesa assira orientale. Ancora oggi almeno 140 persone nelle mani dei miliziani.

    16/06/2015 SIRIA
    Vicario di Aleppo: Poche speranze e diffuso scetticismo sulla missione Onu in Siria
    Ieri è arrivato a Damasco l’inviato delle Nazioni Unite Staffan de Mistura. Un anno dopo, il diplomatico tenta di rilanciare il piano per il "cessate il fuoco". Decine di morti ad Aleppo, anche bambini. Mons. Abou Khazen: necessario fermare il flusso di armi e combattenti. Intanto continua la missione pastorale della Chiesa siriana per l’Anno della vita consacrata.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®