20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/03/2015, 00.00

    VATICANO

    Papa: Non dimentichiamo coloro che soffrono in Siria, Iraq e Venezuela. Preghiamo per loro



    Francesco commenta il brano evangelico della Trasfigurazione di Cristo: "Gesù si rivela come l'icona perfetta del Padre, l'irradiazione della sua gloria. È il compimento della rivelazione. La sua strada porta sempre alla felicità, l'amore trasfigura tutto". Il compito che lascia agli apostoli e a noi fedeli è semplice: "Ascoltate e seguite il Salvatore". Dopo la preghiera mariana, un appello per i popoli del Medio Oriente: "Preghiamo insistentemente perché al più presto si ponga fine all'intollerabile brutalità di cui sono vittime".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Dalla Siria e dall'Iraq "continuano ad arrivare notizie terribili relative a violenze, sequestri di persona e soprusi a danno di cristiani e di altri gruppi. Vogliamo assicurare a quanti sono coinvolti in queste situazioni che non li dimentichiamo, ma siamo loro vicini e preghiamo insistentemente perché al più presto si ponga fine all'intollerabile brutalità di cui sono vittime". Lo ha detto papa Francesco dopo la preghiera dell'Angelus odierno. Insieme al Medio Oriente, Francesco ricorda anche i "momenti di acuta tensione" che vive il Venezuela e invita tutti a "rifiutare la violenza e rispettare ogni essere umano".

    L'appello arriva alla fine dell'Angelus. Prima della preghiera, il Papa commenta il brano evangelico di oggi relativo alla Trasfigurazione, che "si colloca al culmine del ministero pubblico di Gesù. Egli è in cammino verso Gerusalemme, dove si compiranno le profezie del 'Servo di Dio' e si consumerà il suo sacrificio redentore. Le folle, di fronte alla prospettiva di un Messia che contrasta con le loro aspettative terrene, lo hanno abbandonato. Loro pensavano che il Messia sarebbe stato un liberatore della patria dal dominio dei romani; questa prospettiva a Gesù non piace".

    Anche gli Apostoli, riprende, "non capiscono le parole con cui Gesù annuncia l'esito della sua missione nella passione gloriosa. Non capiscono. Gesù allora mostra a Pietro, Giacomo e Giovanni un anticipo della sua gloria, che avrà dopo la Resurrezione, per confermarli nella fede e incoraggiarli a seguirlo sulla via della Croce. Su un alto monte, immerso in preghiera, si trasfigura davanti a loro: il suo volto e tutta la sua persona irradiano una luce sfolgorante. I tre discepoli sono spaventati, mentre una nube li avvolge e risuona dall'alto - come nel Battesimo al Giordano - la voce del Padre: «Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!» (Mc 9,7). Gesù è il Figlio fattosi Servo, inviato nel mondo per realizzare attraverso la Croce il progetto della salvezza. La sua piena adesione alla volontà del Padre rende la sua umanità trasparente alla gloria di Dio, che è l'Amore".

    Gesù, sottolinea, "si rivela così come l'icona perfetta del Padre, l'irradiazione della sua gloria. È il compimento della rivelazione; per questo accanto a Lui trasfigurato appaiono Mosè ed Elia, che rappresentano la Legge e i Profeti. Come significando che tutto inizia e finisce in Gesù. La consegna per i discepoli e per noi è questa: 'Ascoltatelo!'. Ascoltate Gesù. È Lui il Salvatore: seguitelo. Ascoltare Cristo, infatti, comporta assumere la logica del suo mistero pasquale, mettersi in cammino con Lui per fare della propria esistenza un dono di amore agli altri, in docile obbedienza alla volontà di Dio, con un atteggiamento di distacco dalle cose mondane e di interiore libertà. Occorre, in altre parole, essere pronti a 'perdere la propria vita' (cfr Mc 8,35), donandola, perché tutti gli uomini siano salvati e ci si rincontri nella felicità eterna. Il cammino di Gesù sempre ci porta alla felicità. Ci sarà una croce, delle prove, ma sempre ci sarà la felicità. Gesù non ci inganna: per questo dobbiamo andare sulla sua strada".

    Con Pietro, Giacomo e Giovanni, conclude, "saliamo anche noi sul monte della Trasfigurazione e sostiamo in contemplazione del volto di Gesù, per raccoglierne il messaggio e tradurlo nella nostra vita; perché anche noi possiamo essere trasfigurati dall'Amore. L'amore trasfigura tutto. Ci credete voi? Ah, non tanto da quello che sento [la folla urla 'sì']. Ci sostenga in questo cammino la Vergine Maria, che ora invochiamo con la preghiera dell'Angelus".

    Dopo la preghiera mariana, arrivano gli appelli: "Cari fratelli e sorelle, non cessano purtroppo di giungere notizie drammatiche dalla Siria e dall'Iraq, relative a violenze, sequestri di persona e soprusi a danno di cristiani e di altri gruppi. Vogliamo assicurare a quanti sono coinvolti in queste situazioni che non li dimentichiamo, ma siamo loro vicini e preghiamo insistentemente perché al più presto si ponga fine all'intollerabile brutalità di cui sono vittime. Insieme ai membri della Curia Romana ho offerto secondo questa intenzione l'ultima Santa Messa degli Esercizi Spirituali, venerdì scorso. Nello stesso tempo chiedo a tutti, secondo le loro possibilità, di adoperarsi per alleviare le sofferenze di quanti sono nella prova, spesso solo a causa della fede che professano. Preghiamo per questi fratelli e sorelle, che soffrono per la fede. In Siria, in Iraq. Preghiamo in silenzio" [la folla in piazza si unisce alla preghiera silenziosa del Papa].

    Desidero ricordare pure il Venezuela, aggiunge, "che sta vivendo nuovamente momenti di acuta tensione. Prego per le vittime e, in particolare, per il ragazzo ucciso pochi giorni fa a San Cristobal. Esorto tutti al rifiuto della violenza e al rispetto della dignità di ogni persona e della sacralità della vita umana e incoraggio a riprendere un cammino comune per il bene del Paese, riaprendo spazi di incontro e di dialogo sinceri e costruttivi. Affido quella cara Nazione alla materna intercessione di Nostra Signora di Coromoto".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2014 VATICANO
    Papa: il Regno di Dio non va ridotto a una "chiesetta", il Vangelo è per tutti
    Prima dell'Angelus, Francesco commenta il brano di Matteo sull'invito del re a partecipare a un banchetto di nozze: un invito "gratuito, largo e universale. Il Vangelo, respinto da qualcuno, trova un'accoglienza inaspettata in tanti altri cuori. La bontà di Dio non ha confini e non discrimina nessuno". L'intercessione di Maria per i cristiani perseguitati e per i lavori del Sinodo. La preghiera di Francesco per Genova: "La Madonna della Guardia aiuterà la città a superare questa disgrazia".

    02/07/2017 12:17:00 VATICANO
    Papa: Se tu lasci tutto per Gesù, la gente riconosce in te il Signore e ti aiuta a convertirti. L’appello per il Venezuela

    All’Angelus, papa Francesco chiede ai cristiani di avere Gesù come “il centro, il tutto della vita”. Non avere “il cuore doppio”, che tenga “il piede in due scarpe”. Il “santo popolo fedele di Dio… ti aiuta ad essere un buon prete”. Un’Ave Maria per il Venezuela. Vicinanza del papa “alle famiglie che hanno perso i loro figli nelle manifestazioni di piazza”.



    20/12/2015 VATICANO
    Papa: Per celebrare davvero il Natale, soffermiamoci sui “luoghi dello stupore”
    L’altro, dice Francesco, è uno di questi luoghi: “In lui dobbiamo riconoscere un fratello, perché dalla nascita di Gesù ogni volto porta impresse le Sue sembianze”. Poi vengono “la Storia, nella quale Cristo scombina le carte” e la Chiesa “una Madre che, pur tra macchie e rughe, lascia trasparire i lineamenti della Sposa amata e purificata da Cristo Signore”. Un appello per il processo per la pace in Siria e Nicaragua, una preghiera per le popolazioni indiane colpite dall’alluvione. E la tradizionale benedizione dei Bambinelli.

    25/12/2015 VATICANO
    Papa: Gesù porti pace, speranza e misericordia a chi soffre per la guerra o perché privato della dignità
    Nel messaggio di Natale Francesco ricorda i drammi che continuano a vivere Israele e Palestina, Iraq, Yemen e Africa subsahariana, Ucraina e Colombia. Ma anche agli spiragli di pace che vengono dagli accordi per la Siria e la Libia e a quanti “singoli e Stati, si adoperano con generosità per soccorrere e accogliere i numerosi migranti e rifugiati”.

    16/03/2014 VATICANO
    Papa: Leggete ogni giorno un piccolo passo del Vangelo e offritelo agli altri
    All'Angelus, papa Francesco suggerisce un modo pratico di vivere la Trasfigurazione: leggere ogni giorno un passo del vangelo, portando con sé "in tasca" un "piccolo libretto". "Ascoltare Gesù" è "l'invito del Padre", "non lo dice il papa". Una preghiera per i passeggeri del volo della Malaysia Airlines e per i loro familiari. I saluti alla Comunità Giovanni XXIII e alla scuola cattolica di Erbil, nel Kurdistan irakeno.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®