08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/10/2014, 00.00

    SIRIA - ISLAM

    Siria, i terroristi dello Stato islamico decapitano un altro ostaggio



    Si tratta di Alan Henning, tassista britannico, rapito nel dicembre 2013 mentre portava aiuti umanitari alla popolazione siriana. I fondamentalisti hanno diffuso il video dell'omicidio, e annunciano che "il prossimo" sarà l'americano Peter Kassig.

    Londra (AsiaNews/Agenzie) - I terroristi dello Stato islamico hanno decapitato l'ostaggio britannico Alan Henning, rapito nel dicembre 2013 in Siria mentre trasportava aiuti umanitari alla popolazione. I fondamentalisti hanno diffuso un video dell'assassinio, che al momento il governo di Londra sta tentando di verificare. Nel filmato, essi annunciano che "il prossimo" sarà il volontario americano Peter Kassig. La decapitazione sarebbe avvenuta nel nord della Siria.

    Henning, tassista di Salford, aveva 47 anni, una moglie e due figli. Il rapimento è avvenuto nel corso della sua quarta missione umanitaria nel Paese squassato dalla guerra e dal terrorismo. La sua è la quarta decapitazione ripresa in un video e poi diffusa dai terroristi islamici: prima di lui hanno subito la stessa sorte due giornalisti americani - James Foley e Steven Sotloff - e un altro volontario britannico, David Haines. Alla fine del video relativo alla morte di Haines, i membri dello Stato islamico minacciarono di morte Henning; alla fine di questo ultimo filmato, minacciano Kassig.

    In un comunicato, la famiglia di Peter Kassig ha annunciato che il proprio caro "si è convertito all'islam e ora si chiama Abdul Rahman Kassig". Inoltre, essi chiedono "a tutto il mondo" di "pregare per il suo rilascio e per il rilascio di tutti quegli innocenti trattenuti con la forza in Medio Oriente e nel mondo". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/11/2014 SIRIA-IRAQ-USA
    Lo Stato islamico decapita Peter Kassig, operatore umanitario, e 18 soldati siriani
    E' la quinta decapitazione di un occidentale e la terza di un operatore umanitario. Kassig aveva fondato un'associazione per curare i profughi siriani. Per lo SI egli era "il primo crociato americano". Il dolore e l'orgoglio dei genitori. La sfida dello SI, mentre subisce sconfitte militari in Iraq.

    19/08/2015 SIRIA
    Palmira: lo Stato islamico decapita un archeologo siriano
    Khaled Asaad aveva lavorato a Palmira per oltre 50 anni, impegnandosi in scavi con gruppi internazionali e pubblicando decine di opere. La presenza dei miliziani estremisti una “maledizione” per Palmira.

    10/01/2015 SIRIA
    Siria, rapiti membri della "polizia religiosa" dello Stato islamico
    Secondo alcune fonti, uomini armati nella città orientale di Mayadin hanno teso un'imboscata agli estremisti islamici, incaricati di sorvegliare sul rispetto della sharia nelle aree del "Califfato".

    23/01/2015 GIAPPONE - ISLAM - SIRIA
    Scaduto l'ultimatum per gli ostaggi giapponesi. Lo Stato islamico inizia il conto alla rovescia
    I terroristi: "Il tempo è finito, pronti a ucciderli. Il governo Abe ha mentito". La madre del giornalista rapito: "Vivo nel dolore. Lui non è un vostro nemico, liberatelo". Musulmani nipponici in preghiera.

    02/03/2015 SIRIA - ISLAM
    Siria, hanno pagato un riscatto i 19 cristiani assiri liberati dallo Stato islamico
    I fondamentalisti hanno preso il controllo dell'area di Tal Tamr e di almeno 10 villaggi cristiani, portando via 220 uomini. Giudicati da una "corte islamica", sono stati liberati dopo il pagamento di 1.700 dollari a persona. I negoziatori - assiri e capi tribali islamici - stanno lavorando per la liberazione del resto del gruppo.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®