16 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/10/2014, 00.00

    SIRIA - ISLAM

    Siria, i terroristi dello Stato islamico decapitano un altro ostaggio



    Si tratta di Alan Henning, tassista britannico, rapito nel dicembre 2013 mentre portava aiuti umanitari alla popolazione siriana. I fondamentalisti hanno diffuso il video dell'omicidio, e annunciano che "il prossimo" sarà l'americano Peter Kassig.

    Londra (AsiaNews/Agenzie) - I terroristi dello Stato islamico hanno decapitato l'ostaggio britannico Alan Henning, rapito nel dicembre 2013 in Siria mentre trasportava aiuti umanitari alla popolazione. I fondamentalisti hanno diffuso un video dell'assassinio, che al momento il governo di Londra sta tentando di verificare. Nel filmato, essi annunciano che "il prossimo" sarà il volontario americano Peter Kassig. La decapitazione sarebbe avvenuta nel nord della Siria.

    Henning, tassista di Salford, aveva 47 anni, una moglie e due figli. Il rapimento è avvenuto nel corso della sua quarta missione umanitaria nel Paese squassato dalla guerra e dal terrorismo. La sua è la quarta decapitazione ripresa in un video e poi diffusa dai terroristi islamici: prima di lui hanno subito la stessa sorte due giornalisti americani - James Foley e Steven Sotloff - e un altro volontario britannico, David Haines. Alla fine del video relativo alla morte di Haines, i membri dello Stato islamico minacciarono di morte Henning; alla fine di questo ultimo filmato, minacciano Kassig.

    In un comunicato, la famiglia di Peter Kassig ha annunciato che il proprio caro "si è convertito all'islam e ora si chiama Abdul Rahman Kassig". Inoltre, essi chiedono "a tutto il mondo" di "pregare per il suo rilascio e per il rilascio di tutti quegli innocenti trattenuti con la forza in Medio Oriente e nel mondo". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/11/2014 SIRIA-IRAQ-USA
    Lo Stato islamico decapita Peter Kassig, operatore umanitario, e 18 soldati siriani
    E' la quinta decapitazione di un occidentale e la terza di un operatore umanitario. Kassig aveva fondato un'associazione per curare i profughi siriani. Per lo SI egli era "il primo crociato americano". Il dolore e l'orgoglio dei genitori. La sfida dello SI, mentre subisce sconfitte militari in Iraq.

    19/08/2015 SIRIA
    Palmira: lo Stato islamico decapita un archeologo siriano
    Khaled Asaad aveva lavorato a Palmira per oltre 50 anni, impegnandosi in scavi con gruppi internazionali e pubblicando decine di opere. La presenza dei miliziani estremisti una “maledizione” per Palmira.

    10/01/2015 SIRIA
    Siria, rapiti membri della "polizia religiosa" dello Stato islamico
    Secondo alcune fonti, uomini armati nella città orientale di Mayadin hanno teso un'imboscata agli estremisti islamici, incaricati di sorvegliare sul rispetto della sharia nelle aree del "Califfato".

    23/01/2015 GIAPPONE - ISLAM - SIRIA
    Scaduto l'ultimatum per gli ostaggi giapponesi. Lo Stato islamico inizia il conto alla rovescia
    I terroristi: "Il tempo è finito, pronti a ucciderli. Il governo Abe ha mentito". La madre del giornalista rapito: "Vivo nel dolore. Lui non è un vostro nemico, liberatelo". Musulmani nipponici in preghiera.

    13/06/2016 14:27:00 FILIPPINE
    Filippine, ostaggio canadese ucciso dai fondamentalisti di Abu Sayyaf

    Robert Hall sarebbe morto come rappresaglia per il mancato pagamento del riscatto chiesto al suo governo dal gruppo terrorista islamico. Ancora nelle mani dei rapitori una donna filippina e un uomo norvegese. Manila annuncia “operazioni militari” contro la roccaforte dell’estremismo musulmano.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®