04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/02/2015, 00.00

    SIRIA

    Siria, mons. Audo: falsa la notizia dell’uccisione di 15 cristiani rapiti, incerta la loro sorte



    L’arcivescovo caldeo di Aleppo ha contattato il vicario di Hassaké e smentisce le voci sulle esecuzioni degli ostaggi da parte dello Stato islamico. Il nunzio apostolico a Damasco rinnova l’invito alla prudenza “perché è difficile avere notizie precise”. Resta incerta la sorte e il numero dei cristiani rapiti dai jihadisti.

    Aleppo (AsiaNews) - "La notizia dell'uccisione di almeno 15 cristiani assiri siriani da parte delle milizie dello Stato islamico non è vera". È quanto afferma ad AsiaNews mons. Antoine Audo, arcivescovo caldeo di Aleppo, il quale smentisce le voci circolate nel tardo pomeriggio di ieri e rilanciate da diversi media internazionali, secondo cui i jihadisti avrebbero iniziato a giustiziare gli ostaggi nelle loro mani. "Ho contattato il vicario dei caldei ad Hassaké, p. Nidala - spiega il prelato - il quale mi ha riferito che non è vera la notizia dell'uccisione dei cristiani". Restano i timori per la loro sorte, la paura è che possano essere vittime del boia islamista come avvenuto nelle scorse settimane per 21 copti egiziani giustiziati in Libia, ma finora non vi sono elementi per parlare di esecuzioni. 

    Mons. Audo, come già nei giorni scorsi la nunziatura apostolica a Damasco, rinnova l'invito alla prudenza, in attesa di capire se vi saranno sviluppi sul sequestro di centinaia di cristiani assiri; almeno 250 fedeli - altre fonti parlano di 350, ma non vi sono certezze sui numeri - sono finiti ostaggio delle milizie islamiste, nel corso di una offensiva lanciata a inizio settimana nel governatorato nord-orientale di Hassaké. Un invito rilanciato dal nunzio apostolico mons. Mario Zenari che, contattato da AsiaNews, invita a "essere molto prudenti e attenti, perché è difficile avere notizie precise e si creano pericolosi allarmismi. Anche sui numeri si è fatta confusione, da 90 a 350 sequestrati, da due a 12 villaggi, bisogna fare attenzione". 

    Anche papa Francesco, impegnato negli esercizi spirituali della Curia che si concludono oggi, prega per i cristiani siriani e segue con attenzione l'evolversi della situazione nel Paese arabo. Una solidarietà, ha commentato il vicario apostolico di Aleppo dei Latini, mons. Georges Abou Khazen, che "è fonte di grande consolazione, di aiuto e di coraggio per noi cristiani siriani, in questo periodo di crisi e difficoltà".

    In tema di solidarietà, anche la Chiesa caldea si muove in aiuto dei fratelli assiri. "Il patriarca caldeo Mar Luis Raphael I Sako - conclude mons. Audo - ha inviato un aiuto in denaro al vescovo assiro, quale segno concreto di solidarietà. Questa è una cosa molto bella e degna dei fratelli cristiani". 

    Dall'inizio della rivolta contro il presidente siriano Bashar al Assad, nel 2011, oltre 3,2 milioni di persone hanno abbandonato la Siria e altri 7,6 milioni sono sfollati interni. Almeno 200mila le vittime del conflitto, molte delle quali civili. Proprio nel contesto del conflitto siriano è emerso per la prima volta, nella primavera del 2013, in tutta la sua violenza e brutalità lo Stato islamico; da quel momento ha iniziato una rapida avanzata nei territori della regione, strappando ampie porzioni di territorio a Damasco e Baghdad e imponendo un vero e proprio regno del terrore.(DS)

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/02/2015 SIRIA
    Oltre 250 i cristiani nelle mani dello Stato islamico. Vicario di Aleppo: preghiere del Papa fonte di coraggio
    Papa Francesco segue con attenzione la situazione in Siria e prega per la minoranza cristiana. Per mons. Georges Abou Khazen la vicinanza del pontefice è “di grande consolazione e aiuto”. La strada della pace “è lunga, ma la sola possibile”. Almeno 5mila cristiani in fuga dagli islamisti. Il Consiglio di sicurezza Onu condanna il sequestro.

    25/02/2015 SIRIA
    Siria: 150 cristiani rapiti dallo Stato islamico, donne stuprate e uccise. Vicario di Aleppo: “situazione drammatica”
    Nuove, terribili testimonianze dall’area teatro dell’offensiva jihadista. Centinaia di fedeli nelle mani dei terroristi, fra cui anziani e bambini. Nunzio apostolico a Damasco: “Percezione di abbandono, sangue ovunque, sofferenza trasversale che colpisce tutti”. Il vicario apostolico di Aleppo parla di "inutile guerra al terrorismo: basta vendere armi, non comprate il loro petrolio".

    24/02/2015 SIRIA
    Siria: lo Stato islamico attacca villaggi cristiani nel nord-est, rapite decine di persone
    Fonti della nunziatura apostolica contattate da AsiaNews confermano che “sono in corso verifiche”. Decine di automezzi con l’effige dello SI hanno fatto irruzione nei villaggi, distrutto chiese e sequestrato uomini, donne e bambini. Dietro il blitz il tentativo dei miliziani di scambiare i prigionieri cristiani con combattenti nelle mani dei curdi.

    20/11/2014 AUSTRIA - IRAQ
    Patriarca di Baghdad ai leader musulmani: Troppi silenzi sullo Stato islamico, un nazismo in nome dell'islam
    Intervenendo a una conferenza interreligiosa promossa da un istituto saudita, Mar Sako descrive un Medio oriente “ferito”. Prioritario liberare Mosul e la piana di Ninive per consentire il rientro degli sfollati, cristiani e non, costretti a sopravvivere in condizioni drammatiche. Il silenzio dei leader musulmani alimenta le violenze jihadiste, serve una netta condanna.

    13/03/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: nessuna novità sui cristiani rapiti, ma “fiducioso” per un esito positivo
    Interpellato da AsiaNews mons. Zenari riferisce che circa 200 fedeli restano nelle mani dello Stato islamico. Il rammarico per una liberazione sfumata all’ultimo, a causa di una imboscata che ha costretto i jihadisti alla ritirata. Per il prelato vi è ancora la “buona volontà per trovare una soluzione”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®