17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/12/2017, 08.42

    GIAPPONE-NORVEGIA

    Sopravvissuti di Hiroshima al Premio Nobel per la pace contro il nucleare



    Il Premio accettato da Beatrice Fihn, direttore esecutivo dell’Ican (Campagna internazionale per abolire le armi nucleari) e da Setsuko Thurlow, sopravvissuta di Hiroshima. La cerimonia snobbata dagli ambasciatori di Usa, Francia, Gran Bretagna. Il trattato per il bando delle armi nucleari è stato approvato da 122 nazioni, ma non dalle nove potenze nucleari. Finora ha ricevuto solo tre ratificazioni. Il sostegno di papa Francesco.

    Oslo (AsiaNews/Agenzie) – Al conferimento del Premio Nobel per la pace, dato alla Campagna internazionale per abolire le armi nucleari (International Campaign to Abolish Nuclear Weapons , Ican), erano presenti molti sopravvissuti (hibakushi) alle bombe di Hiroshima e Nagasaki. Le due bombe atomiche lanciate dall’aviazione Usa sul finire della Seconda guerra mondiale, hanno fatto oltre 220mila morti. In compenso, forse per dispregio ai vincitori del premio, non erano presenti gli ambasciatori di tre potenze nucleari: Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, che hanno mandato rappresentanti di secondo ordine.

    Una sopravvissuta ha ritirato il premio: si tratta di Setsuko Thurlow, 85enne giapponese di Hiroshima, che ora vive in Canada. Come attivista dell’Ican, la Thurlow ha ricordato quando lei, sepolta sotto le macerie di Hiroshima, cercava la luce e si faceva coraggio a non abbandonare la speranza e a farsi strada verso la luce che filtrava sotto le rovine.

    “La nostra luce – ha detto – è ora il trattato che mette al bando le armi nucleari. Io ripeto le parole che ho sentito in me nelle rovine di Hiroshima: Non perderti d’animo. Continua a spingere, Vedi la luce? Striscia verso di essa”.

    La Thurlow si riferisce a un impegno preso dall’Ican – una coalizione di centinaia di ong nel mondo – che ha stilato un trattato che mette al bando le armi nucleari, adottato in via generale da 122 nazioni dell’Onu. Il trattato è un fatto storico eccezionale, anche se indebolito dal fatto che proprio le nove potenze nucleari (Usa, Francia, Gran Bretagna, Russia, Cina, Pakistan, India, Corea del Nord, Israele) non l’hanno sottoscritto.

    Finora solo tre nazioni – la Santa Sede, la Guyana e la Thailandia - lo hanno ratificato. Ma per essere vincolante, ha bisogno di 50 ratificazioni.

    Beatrice Fihn, direttore esecutivo dell’Ican, che ha accettato il Premio insieme alla Thurlow, ha detto che, anche se tarda ad essere ratificato, il trattato è perlomeno “una norma chiara contro le armi nucleari… Questo è un passo avanti. C’è un solo modo per prevenire l’uso di armi nucleari: proibirle ed eliminarle”.

    Nel suo discorso, la Fihn ha accennato alla tensione crescente nella penisola coreana, da lei definita una “situazione estremamente pericolosa”. I leader degli Usa e della Corea del Nord – ha aggiunto – “solo semplici uomini che hanno il controllo sulla fine del mondo; nessuno dovrebbe avere tale potere”.

    Ieri, all’Angelus, papa Francesco ha ricordato il conferimento del Premio Nobel all’Ican e ha aggiunto: ““Tale riconoscimento avviene in coincidenza con la Giornata delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, e questo sottolinea il forte legame tra i diritti umani e il disarmo nucleare. Infatti, impegnarsi per la tutela della dignità di tutte le persone, in modo particolare di quelle più deboli e svantaggiate, significa anche lavorare con determinazione per costruire un mondo senza armi nucleari”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2017 10:45:00 ONU
    Oltre 100 Paesi votano il bando alle armi nucleari, ma le potenze si ribellano

    Il testo è stato approvato con 122 voti positivi, uno contrario, uno astenuto. Ma nessuno dei nove Paesi nucleari - - Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna, India, Pakistan, Corea del Nord, Israele - ha preso parte alla discussione e al voto. Il sostegno del Vaticano e l’apprezzamento del segretario generale dell’Onu, Guterres.



    06/08/2009 GIAPPONE
    Il sindaco di Hiroshima per un mondo senza nucleare entro il 2020
    Commovente cerimonia nella città distrutta nel ’45 dalla bomba atomica,che ha fatto 140 mila morti. Elogio di Barack Obama per il suo desiderio di un mondo senza armi di distruzioni di massa.

    06/08/2005 giappone
    Hiroshima commemora l'orrore e ammonisce il mondo sul terrore nucleare


    09/08/2006 GIAPPONE
    Nagasaki, 61 anni fa la bomba atomica

    L'anniversario cade nel mezzo delle tensioni internazionali per i programmi nucleari di Iran e Corea del Nord. Il sindaco critica le grandi potenze, che "non fanno sforzi concreti per frenare la corsa agli armamenti". Messa speciale ad Urakami, prima della bomba la più grande cattedrale d'Asia.



    20/10/2009 GIAPPONE
    Hiroshima e Nagasaki sognano le Olimpiadi del 2020
    Le due città, vittime della bomba atomica, vorrebbero ospitare i Giochi per lanciare il messaggio di un mondo senza nucleare entro il 2020. Tutti d’accordo, ma i problemi politici ed economici forse porteranno alla bocciatura dell’idea.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®