24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/01/2018, 11.04

    CINA-SVEZIA

    Stoccolma contro Pechino: Liberate l’editore Gui Minhai



    La dichiarazione di Margot Wallstrom, ministro svedese degli esteri. Al ministero cinese degli esteri non sanno dove sia il prigioniero, ma sospettano che egli abbia violato le leggi. Stesso sospetto dal Global Times, organo del Partito. La presa di posizione di Stoccolma è una novità: le violazioni ai diritti umani non vengono denunciate e alla Cina importano poco le reazioni internazionali.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) - Il ministero svedese degli esteri ha chiesto che venga subito liberato il suo cittadino, l’editore Gui Minhai, sequestrato dalla polizia cinese mentre gli si recava a Pechino per alcune visite mediche insieme a due diplomatici svedesi.

    “Ci aspettiamo che il nostro cittadino sia rilasciato immediatamente e gli sia data la possibilità di incontrare personale diplomatico e medico svedesi”, ha dichiarato ieri sera Margot Wallstrom il ministro degli esteri di Stoccolma.

    La dichiarazione della Wallstrom segue di poche ore le parole di Hua Chunying, portavoce del ministero cinese degli esteri, che ha confessato che il suo ministero non ha alcuna informazione sul luogo in cui Gui è stato condotto. In ogni modo, ella ha accusato in modo velato la Svezia di aver violato qualche legge. “La Cina – ha detto - è sempre venuta incontro con facilitazioni verso rappresentanti di ambasciate straniere o consolati in accordo alle leggi internazionali…. Nello stesso tempo, ogni straniero in Cina, compresi rappresentanti di ambasciate straniere o consolati in Cina, non dovrebbero violare le leggi internazionali o le leggi cinesi”.

    Curiosamente, le parole di Hua Chunying sul caso Gui non sono state riportate nel resoconto scritto che il ministero pubblica in serata.

    Il sospetto della “colpevolezza” di Gui è stato rilanciato ieri sera dal Global Times, il magazine del Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del Partito comunista cinese: “La Cina sta avanzando nel rispetto della legge – si dice – ed è incredibile che una persona possa essere portata via dalla polizia senza ragione”.

    La presa di posizione della Svezia è una novità. Mesi fa, l’ambasciatore tedesco Michael Clauss ha chiesto la liberazione del vescovo di Wenzhou, mons. Pietro Shao Zhumin. Ma in generale, da tempo la comunità internazionale avalla le violazioni della Cina sui diritti umani. Secondo il prof. Wang Yiwei, dell’università Renmin, “queste questioni non sono più al centro delle relazioni bilaterali” e alla Cina importa poco delle reazioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/01/2018 08:47:00 HONG KONG-CINA
    L’editore Gui Minhai ‘rapito’ ancora una volta dalla polizia, davanti a due diplomatici svedesi

    Gui è uno dei cinque editori-librai rapiti dalla polizia cinese nel 2015. Era stato liberato lo scorso ottobre, dopo una “confessione” televisiva. Si stava recando all’ambasciata svedese, forse per emigrare. Ma i suoi parenti vivono a Ningbo (Zhejiang) e potrebbero essere usati come “ostaggi” per costringerlo al silenzio.



    01/03/2016 11:55:00 CINA – HONG KONG
    Hong Kong, la “confessione televisiva” dell’editore sparito Lee Bo

    Per la prima volta dalla sua scomparsa, il fondatore della Causeway Bay Bookshop appare sulla Phoenix Tv (vicina al governo di Pechino). Sarebbe andato nella Cina continentale “di sua spontanea volontà” per cooperare ad una “inchiesta”. Altri tre membri dello staff della casa editrice hanno già “confessato”. La pratica è divenuta comune per diffamare i dissidenti.



    18/01/2016 08:53:00 CINA - HONG KONG
    Cina, uno dei cinque editori scomparsi “confessa” in tv. Ma i conti non tornano

    I media ufficiali lanciano un'intensa campagna contro l’editore scomparso Gui Minhai. Egli è accusato di aver ucciso una donna mentre guidava ed essere poi fuggito in una nazione straniera. Una nuova lettera di Lee Bo si unisce alle accuse. Sospettosi gli utenti di internet.



    12/01/2016 HONG KONG – CINA
    La sparizione dei librai imbarazza Pechino e spacca il governo di Hong Kong
    I cinque editori, critici nei confronti del governo cinese, sono oramai confermati in Cina. Ma l’esecutivo del Territorio sembra incapace di tutelare i loro diritti. La popolazione continua a protestare e la società civile chiede di “fare qualcosa”. La difesa incongruente dei giornali di Stato.

    02/03/2016 13:14:00 CINA
    Deputato cinese: Basta “confessioni” in tv, danneggiano lo Stato e la dignità della persona

    Zhu Zhengfu, vice presidente dell’Associazione degli avvocati di Cina e delegato alla Conferenza consultiva politica del popolo cinese, critica la scelta di far parlare in televisione i sospettati. Il riferimento è agli editori di Hong Kong e ai sempre più numerosi attivisti per i diritti umani che si “pentono in diretta” dei propri crimini. Il capo della polizia del Territorio: “Lee Bo non racconta tutta la verità”.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®