09/02/2010, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Strage di Maguindanao: accusa di omicidio per 197 membri del clan Ampatuan

La notizia è stata resa nota oggi dai responsabili del dipartimento di giustizia delle Filippine. Le prove confermano Andal Ampatuan sr. ex governatore di Maguindanao come mandante e organizzatore del massacro avvenuto lo scorso 23 novembre e costato la vita 57 persone. Questi è padre di Andal Ampatuan jr. già in carcere con l’accusa di 41 omicidi. Prove anche a carico di forze di polizia ed esercito accusate di aver preso parte all’organizzazione della strage.

Manila (AsiaNews/ Agenzie) – Sono 197 i membri del clan musulmano degli Ampatuan accusati di essere organizzatori e autori del massacro di Maguindanao dello scorso 23 novembre costato la vita a 57 persone. È quanto dichiarato oggi dal dipartimento di giustizia delle Filippine, che ha confermato le accuse contro Andal Ampatuan sr., ex governatore della provincia autonoma del Mindanao musulmano (Armm) e alleato del presidente Arroyo, e altri 196 uomini legati al suo clan. La notizia avviene dopo l’arresto del figlio Andal Ampatuan jr. arrestato in dicembre con l’accusa di essere l’esecutore materiale di 41 dei 57 omicidi. Ampatuan sr. e i suoi uomini erano già in stato di fermo e in attesa di processo per l’accusa di tentata rivolta. La sentenza era stata emessa nel dicembre scorso durante il periodo di legge marziale.

In un documento di 78 pagine Leo Dacera, responsabile del gruppo di investigatori, afferma:“La confluenza degli eventi prima e subito dopo il massacro ci ha portato alla conclusione che Andal Ampatuan sr. e altri membri del clan sono conniventi con gli esecutori materiali del massacro”.   

Egli definisce fondamentali per le accuse le dichiarazioni di 12 testimoni oculari ed ex membri del clan Ampatuan. Questi hanno affermato di aver assistito alla brutale esecuzione dei 57 sostenitori del clan di Ishmael “Toto” Mangudadatu, rivale di Ampatuan sr. nella corsa al governatorato della regione autonoma alle elezioni del prossimo maggio. Secondo i testimoni, Ampatuan sr. avrebbe comunicato al figlio via radio l’ordine di procedere con l’esecuzione. Il responsabile del dipartimento di giustizia dichiara inoltre di possedere prove contro membri di esercito e polizia, che avrebbero preso parte all’organizzazione del massacro.

La regione a maggioranza musulmana di Mindanao è da oltre 40 anni teatro della guerra tra esercito filippino e ribelli islamici di Moro Islamic Liberation Front (Milf) e Abu Sayyaf. Grazie al continuo traffico di armi nella regione e al benestare del governo la famiglia Ampatuan ha potuto allestire in questi anni un proprio esercito e dominare incontrastata nella provincia. La decisione era stata presa da Manila proprio nel tentativo di contenere le continue ribellioni dei separatisti musulmani. In seguito alla strage, la Arroyo ha stralciato ogni accordo con il clan e imposto nella regione la marziale dal 5 al 12 dicembre 2009. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Inviate nuove truppe per fermare gli autori della strage di Maguindanao
03/12/2009
Chiesa filippina: dopo la legge marziale, fare giustizia per le vittime di Maguindanao
15/12/2009
Massacro di Maguindanao: il principale imputato si dichiara innocente
05/01/2010
Processo per la strage di Maguindanao: ascoltato il primo testimone
13/01/2010
Strage di Maguindanao: ordine d'arresto per Ampatuan sr. e 196 membri del suo clan
26/03/2010