27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/05/2013, 00.00

    AFGHANISTAN

    Studentesse avvelenate, il ministro afghano le accusa di ‘influenza psicologica’



    Il dipartimento dell’istruzione punta il dito contro i talebani e minaccia di punire le ragazze che fingono di essere state avvelenate. Intanto la ‘psicosi’ dell’intossicazione allontana le studentesse dalle scuole.

    Kabul (AsiaNews/Agenzie) - Il ministro dell'istruzione afghano, Ghulam Farooq Wardak, ha minacciato di punire tutte le studentesse che dichiarano di essere state avvelenate, nel caso in cui le analisi non provino l'intossicazione. Lo scorso due maggio, circa 200 ragazze sono state ricoverate a Kabul per aver manifestato possibili sintomi di avvelenamento. Nessun caso è stato certificato e molte studentesse sono state dimesse dopo poche ore. "Punirò l'alunna, l'insegnante, il capo del corpo docenti e il direttore della scuola", ha dichiarato il ministro attraverso il portavoce del dipartimento.

    Nel corso dell'ultimo anno, episodi simili si sono verificati in più parti del Paese. Matthieu Aikins, dell'International Herald Tribune, vive a Kabul ed ha indagato su questi casi nel giugno scorso. Il giornalista, citando un rapporto della World Health Organisation, riporta che nessun sintomo ha mai avuto riscontro nelle analisi e che l'ipotesi del 'disordine psicologico', avanzata anche dallo psichiatra Noor Moshaiq, potrebbe considerarsi più che plausibile. Con ciò non s'intende che le studentesse inscenino i malori, ma che il susseguirsi di tali segnalazioni, unito a un atteggiamento del governo che nega il problema alimentando la tensione, contribuiscano ad incrementare il panico nelle famiglie diminuendo il livello di partecipazione scolastica da parte delle ragazze.

    Le indagini seguite alle molte denunce aprono però alla controversia sull'interpretazione. L'anno scorso, nella città di Takhar, alcuni agenti dell'intelligence afghana hanno arrestato due studentesse minorenni facendo loro confessare di aver avvelenato le proprie compagne sotto minaccia dei talebani. Il video, girato dagli stessi agenti per documentare l'interrogatorio, ha sollevato numerose polemiche tra le famiglie e i dottori locali.

    Il Dr. Sayed Abed, attivo nell'ospedale di Taloquan, ha infatti dichiarato che "non esiste alcuna prova concreta di avvelenamento", e che "nella maggior parte dei casi è bastato un calmante per far sparire i sintomi". Un suo collega, il Dr. Hafizullah Safi, sembra ammettere invece l'evidenza delle prove fornite dall'intelligence.

    Nel 2001 i talebani vietarono alle ragazze l'accesso all'istruzione. Per questo motivo e per il loro risaputo rifiuto del progresso, il governo di Kabul li accusa di utilizzare l'avvelenamento per scoraggiare le studentesse dall'andare a scuola. Gli alunni di sesso maschile non sono mai stati vittime di episodi di tale natura, ma, allo stesso tempo, nessun caso d'intossicazione è stato certificato dalle analisi di laboratorio. Il ministro Wardak parla di 'influenza psicologica'.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/08/2013 AFGHANISTAN
    Il Messaggio del papa per la fine del Ramadan raggiunge Kabul
    Per diffondere l’augurio di papa Francesco per la festa di “Id al-Fitr”, p. Giuseppe Moretti – superiore della missio sui iuris in Afghanistan – ha letto il Messaggio a messa e ha inviato il testo a un quotidiano locale. Nessuno l’ha ripubblicato, ma resta la speranza di far comprendere ai musulmani “la vicinanza e il rispetto della Chiesa per le loro ricorrenze”.

    24/07/2016 12:22:00 VATICANO
    Papa: appello e preghiera per i massacri di Monaco e di Kabul. La preghiera del Padre nostro

    All’Angelus, papa Francesco fa pregare i pellegrini per le vittime degli attentati terroristi in Germania e Afghanistan, contro le “oscure le prospettive di sicurezza e di pace”. “La parola ‘Padre’ è il ‘segreto’ della preghiera di Gesù, è la chiave che Lui stesso ci dà perché possiamo entrare anche noi in quel rapporto di dialogo confidenziale con il Padre che ha accompagnato e sostenuto tutta la sua vita”. Il ricordo dell’imminente Giornata mondiale della gioventù a Cracovia, dove il pontefice sarà a partire dal 27 luglio.



    18/08/2009 AFGHANISTAN
    Afghanistan: razzo sul palazzo presidenziale di Kabul
    I talebani colpiscono a due giorni dalle elezioni. Centrato anche il quartier generale della polizia. Nessun morto e solo danni alle strutture. In Pakistan intanto i militari di Islamabad affermano di aver catturato nella notte il portavoce della Tehrik Taliban Pakistan, braccio destro di Baitullah Mehsud.

    16/04/2012 AFGHANISTAN
    Talebani, un “successo” l’offensiva di primavera
    I kamikaze hanno attaccato in contemporanea ambasciate, edifici Nato e parlamento a Kabul. Uccisi tutti i 36 attentatori. In totale, 47 vittime, inclusi otto agenti e tre civili. Fonti di AsiaNews: “I talebani hanno colpito dove volevano colpire. Un’operazione ben preparata e coordinata: c’è una mente dietro, che può fare quello che vuole”.

    15/06/2006 AFGHANISTAN
    \"In borghese\" per servire Gesù a Kabul

    In Afghanistan tre suore della Comunità intercongregazionale "Associazione pro-bambini di Kabul" assistono bambini con handicap mentali. Con l'aiuto e il rispetto dei locali.





    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®