20/05/2008, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

Suore espropriate di un orfanotrofio per costruire un hotel a 4 stelle

di Nguyen Hung
Il vescovo di Vinh Long: “non possiamo accettare la soluzione imposta da coloro che hanno il potere nelle mani. Non possiamo neppure tacere, perché il silenzio, in questo momento, significherebbe complicità e accettazione dell’ingiustizia”.
Vinh Long (AsiaNews) – Un hotel a 4 stelle al posto di un orfanotrofio. È quanto ha deciso il governo locale di Vinh Long (nel sud del Vietnam) assegnando un terreno di proprietà delle suore di San Vincenzo de Paoli all’azienda turistica Saigon Tourist Company. I lavori sono iniziati oggi ma cresce sempre più l’indignazione dei fedeli e del vescovo della diocesi, che ha diffuso una lettera di critica alle ingiustizie del governo.
 
“Il potere provinciale – scrive in proposito il vescovo Thomas Nguyên Van Tân – ha deciso di avviare i lavori sui 10.235 metri quadrati del terreno” delle suore. “Noi – aggiunge – non possiamo accettare la soluzione imposta da coloro che hanno il potere nelle mani. Non possiamo neppure tacere, perché il silenzio, in questo momento, significherebbe complicità e accettazione dell’ingiustizia”.
 
Le suore della congregazione di origine francese sono a Vinh Long dal 1871 e fino al 1975 hanno mantenuto nella via To Thi Huynh della città un grande complesso usato come convento e come orfanotrofio. Nell’aprile del ’77, per “trasformare la società verso il socialismo”, le autorità hanno varato una politica di requisizione di terre ed edifici. Il 6 settembre 1977 essi hanno requisito il convento e l’orfanotrofio delle suore, mandando via i giovani ospiti e perfino i bambini handicappati. Negli stessi giorni sono stati requisiti diversi edifici della diocesi, imprigionando molti sacerdoti e rimandando a casa decine di persone consacrate.
 
Secondo la risoluzione 1958 del Comitato del popolo di Cuu Long, la provincia in cui si trova Vinh Long, il convento e l’orfanotrofio veniva espropriato per essere usato come “ospedale pediatrico e ospedale per la provincia”. Ciò che non è mai avvenuto.
 
Da almeno 6 anni le suore chiedono indietro il terreno e l’edificio per farlo tornare all’uso primitivo, cioè per accogliere bambini abbandonati e portatori di handicap. Ma esse non hanno mai ricevuto risposta. Oggi sono iniziati i lavori per costruire l’albergo a 4 stelle. Un anziano contadino commenta: “ Gli incontri del Comitato sono pieni di slogan come: ‘Del popolo, dal popolo, per il popolo’. Ma niente di tutto questo succede. I loro slogan sono vecchi e vuoti. Da più di 40 anni attendiamo giustizia e un minimo i benessere, ma invano”.
 
La popolazione è stata minacciata: “misure saranno prese” conto coloro che si opporranno alla decisione governativa.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Diffamano le suore di Vinh Long per fare del loro orfanotrofio un albergo
20/12/2008
Continuano a chiedere giustizia le suore di Vinh Long
13/07/2010
Uccisa cameriera 16enne, 20mila persone bruciano l’hotel dove lavorava
19/01/2007
Le suore di Vinh Long, vogliamo che siano rispettate giustizia e verità
04/11/2009
Protesta il vescovo di Vinh Long per la demolizione di un convento
02/11/2009