29 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/05/2012, 00.00

    INDIA

    Superiore provinciale francescano: Nessun buddista ha mai attaccato i cattolici indiani



    Una notizia-bufala apparsa da mesi sul web parla di un attacco di estremisti buddisti a 20 chiese cattoliche e minacce di morte a missionari. P. Babu Jose Pamplany, della Provincia francescana di San Tommaso Apostolo (Andhra Pradesh, Tamil Nadu, Karnataka e Kerala), smentisce in modo categorico: “È tutto falso. E con i buddisti abbiamo da sempre ottimi rapporti”.

    Bangalore (AsiaNews) - "La notizia è del tutto falsa: in India nessun buddista ha mai attaccato alcuna comunità cattolica": p. Babu Jose Pamplany, superiore provinciale dei francescani per l'India, smentisce in modo categorico una notizia circolante su internet, che da qualche tempo preoccupa le comunità cattoliche di tutto il mondo. Secondo questa, in una data imprecisata alcuni "estremisti buddisti" avrebbero dato fuoco a 20 chiese; minacciato di distruggerne altre 200 nella provincia di Olisabang; annunciato il massacro di 200 missionari.

    "Anche io - spiega fr. Pamplany ad AsiaNews - ho ricevuto informazioni analoghe via mail: ma posso confermare che si tratta di una bufala. Anzitutto, non esiste alcuna provincia di Olisabang in India. Poi, nella mail si nomina un presunto superiore provinciale: non sono io. Voglio specificarlo, anche perché nel nostro Paese noi cristiani abbiamo sempre avuto ottimi rapporti con i buddisti. È ingiusto che vengano dipinti in questo modo. A nome della Chiesa e di tutti i francescani in India, prendiamo con forza le distanze da questa notizia".

    I primi francescani (olandesi) sono arrivati in India nel 1948, fondando a Bangalore la prima casa dell'ordine. Da qui, sono poi state create tre organi diversi: la Provincia di San Tommaso Apostolo, che comprende Andhra Pradesh, Tamil Nadu, Karnataka e Kerala; la Custodia dedicata a Maria Madre di Dio, con gli Stati di Goa, Maharashtra, Madhya Pradesh, Chhattisgarh, Jharkhand e Orissa; la Fondazione di San Francesco d'Assisi, con l'Assam e gli altri Stati del nordest. (GM)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/05/2007 INDIA
    Migliaia di indù si convertono al buddismo “per essere trattati da esseri umani”
    Almeno 5mila convertiti in un solo giorno a Mumbai. Sono Dalit e tribali, all’ultimo posto del sistema indù delle caste, che sperano di ottenere una nuova dignità sociale ed umana.

    09/06/2015 SRI LANKA
    Sri Lanka: nel Nord l’esercito costruisce “con la forza” templi buddisti
    La comunità locale è costituita solo da tamil cristiani e indù. Secondo la popolazione il governo cerca di “compiacere” la maggioranza singalese. Attivista cattolico: “Azione disonesta”.

    02/02/2016 09:03:00 INDIA
    Tamil Nadu, un sacerdote e tre cattolici assaliti e accusati di “aver ucciso” un bambino in un centro per malati di Aids

    Il sacerdote è ancora sotto shock e in cure intensive per ferite alla testa. Si sospetta l’opera di un gruppo di teppisti indù radicali, che volevano pubblicizzare la visita di Narendra Modi, oggi a Coimbatore. La polizia non ha aiutato le vittime. Il centro “Assisi Snehalaya”, fondato dai francescani, da 12 anni è elogiato per il suo servizio. Card. Gracias: La Chiesa cattolica in India offre il più grande servizio alla salute, dopo il governo, senza distinzioni di razze o di credo.



    19/10/2013 VIETNAM
    Buddisti e cristiani contro Hanoi: usa la legge per controllare le religioni
    Documento comune dei leader delle principali religioni in Vietnam, contro i limiti alla libertà posti dal governo comunista. Nel mirino l'Ordinamento sulle religioni del 2004 e il Decreto attuativo del 2012. La separazione fra Stato e religioni è base per un Paese democratico, che deve garantire "libertà" e "indipendenza" nella pratica religiosa.

    27/11/2012 TAIWAN
    Regista taiwanese si converte filmando le esperienze dell'incontro con Gesù
    Si farà battezzare il 6 gennaio, l'Epifania, perché è la festa in cui Gesù "si manifesta". Una grave malattia, quando "sentivo che oltre all'appoggio fisico mi serviva l'appoggio spirituale, qualcosa che mi desse una speranza profonda".



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®