16/07/2009, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Swat, profughi cristiani esclusi dai compensi governativi per la ricostruzione

Attivisti cristiani denunciano una disparità di trattamento per le vittime della guerra fra esercito e talebani. Solo le famiglie musulmane, registrate nei centri governativi, ricevono il finanziamento. I cristiani accolti da parenti e amici, perché cacciati dai campi profughi, privati degli aiuti.
Peshawar (AsiaNews) – I profughi cristiani della valle di Swat e della divisione di Malakand non ricevono gli aiuti promessi dal governo ai rifugiati. Lo denuncia il Pakistan Christian Post, che chiede parità di trattamento per i tre milioni di sfollati, senza discriminazioni di tipo confessionale.
 
Il 13 luglio scorso Islamabad ha avviato le procedure per il rientro degli sfollati. Il premier Yousaf Raza Gilani ha spiegato che l’esercito ha portato a termine con successo le operazioni per eliminare i talebani da Bonier, Dir, nella valle di Swat e in molte altre parti della divisione di Malakand. Diverse aree del nord-ovest del Paese – nei pressi del confine con l’Afghanistan – sono ormai sicure e i profughi possono rientrare nelle loro abitazioni.
 
Per favorire il ritorno alla normalità, il governo ha deciso lo stanziamento di 25mila rupie (circa 230 euro) come risarcimento per le famiglie colpite dalla guerra fra esercito e talebani. Le prime operazioni di rimpatrio dei profughi sono iniziate dai campi profughi di Mardan, con la consegna della somma di denaro quale incentivo per la ricostruzione delle case.
 
Il Pakistan Christian Post sottolinea che non vi sono registrazioni significative di profughi cristiani nei campi di accoglienza governativi. Sono solo 60 i gruppi familiari che hanno ottenuto lo status di rifugiati dal governo: essi sono registrati presso il centro di accoglienza cristiano di Mardan, allestito dalla Chiesa pakistana. Vi sono però “migliaia di profughi cristiani” accolti da parenti e amici nella North West Frontier Province e nel Punjab; essi rischiano di non ricevere alcun compenso.  
 
Nelle scorse settimane AsiaNews ha denunciato una disparità di trattamento per le vittime cristiane della guerra, cacciate dai campi profughi per la loro fede e vittime di numerose discriminazioni. Per questo la Caritas, la Chiesa cattolica del Pakistan e altre organizzazioni cristiane hanno avviato raccolte fondi e distribuzione di cibo e generi di prima necessità per gli sfollati, di cui hanno beneficiato sia cristiani che musulmani.
 
Nazir S Bhatti, presidente del Pakistan Christian Congress (Pcc), esprime “preoccupazione” per la disparità di trattamento e chiede al governo di “garantire il risarcimento anche ai profughi di fede cristiana”, che hanno trovato ospitalità presso i parenti.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Karachi, è morto il bambino cristiano ferito nell’assalto dei talebani
28/04/2009
Talebani attaccano un gruppo di cristiani a Karachi
23/04/2009
Cattolico pakistano: nonostante le minacce dei talebani, lavoriamo per il bene del Paese
14/07/2009
Onu: record di sfollati in Afghanistan, sono più di mezzo milione
02/12/2016 14:48
Swat: i cattolici pregano per la pace, il Paese affronta un esodo biblico
15/05/2009