24 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/03/2016, 10.32

    PAKISTAN

    Talebani a Lahore: “Volevamo uccidere i cristiani”. Ma fra le vittime vi sono anche donne e bambini musulmani (video)

    Kamran Chaudhry

    L’attacco al parco per bambini Gulshan-i-Iqbal compiuto da quattro terroristi; tre sono fuggiti, uno si è fatto esplodere. Si tratta di Muhammad Yousaf, ventenne, educato in una scuola islamica di Lahore. Cristiani e musulmani donano sangue per i feriti. Il direttore di Giustizia e pace: “Siamo come in Siria”. Sacerdote di Lahore: I terroristi scelgono obiettivi facili dove fare il maggior numero di morti nel minor tempo possibile.

    Lahore (AsiaNews) - Stamane la città di Lahore sembra deserta, coi mercati e le scuole chiuse in solidarietà con le vittime dell’attentato suicida di ieri, che ha fatto 72 vittime, in maggioranza donne e bambini, e 350 feriti. Ehansullah Ehsan, portavoce dei Tehreek-e-Taliban Pakistan, Jamaat ul Ahrar, uno dei tanti gruppi della galassia talebana nel Paese, ha rivendicato l’attentato e la motivazione: “Volevamo attaccare i cristiani che stavano celebrando Pasqua”.

    In effetti da quest’anno, il governo del Punjab ha riconosciuto la domenica di Pasqua vacanza dal lavoro e molte famiglie cristiane provenienti dalla periferia avevano preso l’occasione per visitare Lahore, o per passeggiare nel parco Gulshan-i-Iqbal, il luogo dell’attentato, nella zona adiacente ai giochi per bambini, dove erano presenti anche famiglie musulmane con i loro piccoli.

    P. Morris Jalal, sacerdote a Lahore conferma che nell’esplosione suicida “molti cristiani sono stati uccisi” e precisa: “Invece di obiettivi difficili e duri [militari, caserme, ecc], i terroristi ora mirano a obiettivi facili. Essi usano le bombe suicide per assicurarsi il massimo delle vittime nel minor tempo possibile”.

    P. Emmanuel Yousaf Mani, direttore della Commissione nazionale di Giustizia e pace, commenta: “Ci troviamo in una situazione simile a quella in Siria. I terroristi sono seguaci di una religione di terrore. Essi non risparmiano né cristiani, né musulmani. Pensano di avere licenza di uccidere perfino famiglie e bambini”.

    Da ieri sera, gli ospedali della città sono affollati di familiari delle vittime e dei feriti. Un’anziana donna musulmana, che ha perso suo figlio di 21 anni e la nuora, impreca: “Cosa succederà all’attentatore nel giorno del giudizio? Sarà perdonato alla presenza di Allah? Che Dio ci dia la forza per prenderci la vendetta in quel giorno! Che ci sia permesso di oscurare il loro volto!”.

    Arif Masih, un giovane cristiano che era al parco con la sua famiglia, racconta: “C’era sangue e corpi dilaniati dappertutto; sono stato lì lì per svenire”. Una donna cristiana, Asma Masih in lacrime, non sa ancora nulla di cosa sia successo ai suoi bambini: “Il mio mondo è finito … I miei bambini avevano insistito per andare a giocare al parco e ora non li trovo più. Ho perduto ogni cosa”.

    Il capo della polizia di Lahore, Haider Ashraf, afferma che nell’attentato sono stati usati circa 20 kg di esplosivo, che c’erano quattro terroristi; tre sono riusciti a fuggire, uno si è fatto esplodere.

    Secondo i primi dati, si tratta di Muhammad Yousaf, sui 22-25 anni, figlio di un venditore di ortaggi di Muzaffargarh (Punjab), che ha passato diverso tempo in una madrassa [scuola islamica] di Lahore.

    Molta gente, cristiani e musulmani, stanno visitando gli ospedali per donare sangue per i feriti, mostrando di voler stare uniti contro l’estremismo. Vi sono anche persone che criticano la mancanza di personale di sicurezza e chiedono con insistenza che il governo provveda con la presenza di corpi speciali [rangers].

    Il premier Nawaz Sharif si è recato negli ospedali di Lahore e ha visitato i feriti, promettendo una lotta senza quartiere contro i terroristi. Il governo del Punjab ha annunciato tre giorni di lutto.

    (Ha collaborato Jibran Khan)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/03/2015 PAKISTAN
    Attentati contro i cristiani a Lahore: tra le vittime anche quattro musulmani
    Il numero dei morti sale a 17. Manifestazioni di solidarietà in tutto il Pakistan. A Faisalabad attivisti per i diritti umani chiedono di proteggere insediamenti, proprietà e luoghi di culto cristiani.

    18/03/2015 PAKISTAN
    Attacchi di Lahore, leader religiosi cristiani invitano la comunità alla pace e al perdono
    Un sacerdote promette piena collaborazione alle indagini legate al linciaggio e l'uccisione di un sospettato per gli attentati alle chiese di Youhanabad. Un tribunale nega la libertà su cauzione a un gruppo di manifestanti cristiani, accusati di aver danneggiato proprietà pubbliche. Legale degli arrestati: "Era una protesta pacifica, abuso di potere da parte della polizia".

    17/03/2015 PAKISTAN
    Attentati di Lahore, cattolici e protestanti insieme per una giornata di digiuno e preghiera
    I leader religiosi di entrambe le denominazioni invitano tutta la società di partecipare e chiedono ai cristiani di fermare ogni reazione violenta. Sacerdote di Lahore: "Restiamo pacifici, mostriamo Cristo con le nostre stesse vite". Le famiglie dei feriti lamentano una scarsa assistenza medica negli ospedali.

    24/03/2015 PAKISTAN
    Attentati di Lahore, la polizia arresta 200 cristiani
    Dopo gli attentati talebani contro due chiese il 15 marzo scorso, una folla aveva linciato due sospettati. Le forze dell’ordine hanno condotto un raid indiscriminato nel quartiere cristiano, senza accertare l’identità degli arrestati. Leader religiosi e attivisti politici chiedono il rilascio immediato degli innocenti.

    02/07/2010 PAKISTAN
    Attacco suicida contro un santuario sufi a Lahore: almeno 41 morti
    Vi sono anche più di 170 feriti. I kamikaze si sono fatti esplodere con palle di metallo e schegge, per un impatto più violento, mentre la gente si preparava a dormire e alla preghiera. Si sospetta un attacco dei talebani del Punjiab contro la setta sufi, considerata eretica. Oltre un mese fa, nella città vi sono stati attacchi a due moschee degli Ahmadi, anch’essi giudicati eretici dal fondamentalismo sunnita.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®