09/06/2010, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Tan Zuoren, 5 anni di carcere per avere cercato la verità sulle scuole crollate nel Sichuan

Condannato oggi l’attivista che ha indagato sulle scuole cadute come "budini di tofu", uccidendo oltre 5 mila bambini e ragazzi nel terremoto del 2008. I genitori delle vittime denunciano che le autorità colpiscono con minacce e il carcere chiunque voglia accertare le responsabilità per quelle morti.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – L’Alta Corte del Sichuan ha condannato oggi a 5 anni di carcere per “istigazione alla sovversione contro lo Stato” l’attivista Tan Zuoren, per le sue indagini sulle migliaia di scolari morti sotto il crollo delle scuole nel terremoto del Sichuan del maggio 2008. Proteste pubbliche dopo la condanna (nella foto).

Il processo è iniziato ad agosto ed è terminato a febbraio, ma solo oggi si è saputa la sentenza. Wang Qinghua, moglie di Tan, ha detto ai media che non ha potuto avvicinarsi al marito, detenuto da aprile 2009, ma le è apparso non demoralizzato e in buona salute.

L’accusa non ha parlato delle scuole crollate ma di un articolo scritto da Tan sul massacro del 4 giugno 1989 a Piazza Tiananmen a Pechino, ma i suoi sostenitori sono certi che sia stato condannato per le sue indagini sulle scuole crollate.

Nel terremoto del 2008 sono crollate oltre 7mila aule scolastiche e sotto le macerie sono morti 5.335 scolari secondo i dati ufficiali. Tan ha svolto indagini su 64 scuole crollate e ha stimato che gli scolari morti sono oltre 5.600, peraltro sulla base di dati ancora incompleti. Molte scuole sono crollate mentre gli edifici circostanti sono rimasti in piedi e i genitori delle vittime hanno denunciato che erano mal costruite e prive di uscite d’emergenza e hanno chiesto indagini. Pechino ha dapprima promesso indagini approfondite e veloci, ma poi non ha mai rivelato i risultati.

Dopo la condanna, circa 40 dimostranti, in rappresentanza di 18 gruppi pro-diritti, hanno fatto una marcia simbolica di protesta a Hong Kong, protestando che Tan è detenuto solo per avere scritto alcuni articoli e chiedendone il rilascio.

Nei mesi scorsi i genitori degli scolari morti hanno più volte denunciato che le autorità impediscono con minacce e il carcere qualsiasi accertamento sul crollo delle scuole. Il noto artista Ai Weiwei, che pure ha fatto indagini sulla morte degli scolari, ad agosto è stato arrestato e percosso dalla polizia per avere tentato di assistere al processo di Tan.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Processato Tan Zuoren: ha cercato la verità sulla morte di migliaia di scolari
13/08/2009
A 3 anni dal terremoto del Sichuan, nessuna giustizia per gli scolari morti
11/05/2011
Artista controcorrente apre sito web sui bambini morti nel terremoto del Sichuan
20/03/2009
Rinviato il processo a Huang Qi, che difende i terremotati del Sichuan
03/02/2009
A un anno dal terremoto del Sichuan: in carcere chi vuole i nomi degli studenti morti
02/04/2009