30 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/09/2016, 08.47

    IRAN

    Teheran, Khamenei stoppa le mire presidenziali di Ahmadinejad: no al terzo mandato



    Il grande ayatollah giudica inopportuna una partecipazione del leader ultraconservatore alle presidenziali del 2017. La sua presenza rischia di polarizzare il Paese, un “male” per “tutti”. Negli ultimi mesi Ahmadinejad aveva rilanciato la propria immagine in pubblico. Secondo un fedelissimo obbedirà, suo malgrado, ai dettami della guida suprema; già in passato erano sorti contrasti.

    Teheran (AsiaNews) - Il grande ayatollah Ali Khamenei è contrario a un terzo mandato del leader ultraconservatore Mahmoud Ahmadinejad alla guida dell’Iran. Nei mesi scorsi ambienti vicini alla massima autorità sciita avevano fatto trapelare l’opposizione alla candidatura dell’ex capo di Stato (in carica dal 2005 al 2013) alle elezioni del 29 maggio 2017. Ieri è arrivata anche l’ufficializzazione, per bocca dello stesso Khamenei, durante un discorso tenuto davanti a un gruppo di studenti e fedelissimi. 

    Le parole pronunciate dalla massima autorità religiosa della Repubblica islamica sembrano mettere la parola fine sulle ambizioni di Ahmadinejad: “Un uomo [il riferimento, sebbene non venga pronunciato il nome, è proprio all’ex presidente] è venuto a trovarmi. Considerando - ha aggiunto Khamenei - i suoi interessi e quelli del Paese, gli abbiamo detto: ‘Non trovo opportuno che voi partecipiate [al voto]”. 

    Per mitigare la clamorosa bocciatura del leader ultraconservatore, che ancora oggi gode di seguito fra le masse rurali e i più poveri, Khamenei ha aggiunto che le sue parole non sono un “ordine” o una “direttiva”, quanto piuttosto un “consiglio”. Una precisazione che serve a salvare la forma, ma certo non la sostanza della sua esternazione. 

    “Se voi partecipate - queste le parole del grande ayatollah, riportate sul suo sito ufficiale - il Paese rischia una polarizzazione e questo è un male per tutti”.

    Analisti ed esperti sottolineano che, in questo modo, Ali Khamenei ha voluto bloccare la ridda di voci e le molteplici speculazioni che hanno fatto seguito all’incontro con lo stesso Ahmadinejad e fermare sul nascere la corsa alle presidenziali del prossimo anno. 

    Di recente diverse personalità di primo piano dell’ala conservatrice della Repubblica islamica, fra le quali l’ex vice presidente del Parlamento Mohammad-Reza Bahonar, avevano invocato un faccia a faccia fra i due. E non facevano mistero di sperare in uno stop deciso posto dalla massima autorità religiosa alle rinnovate - e per nulla nascoste - velleità di leadership di Ahmadinejad.

    Quest’ultimo negli ultimi mesi aveva moltiplicato incontri e interventi pubblici per rilanciare la propria immagine in diverse province del Paese. Rafforzando così l’opinione di quanti erano pronti a scommettere sul ritorno alla vita politica attiva e in una sua candidatura alle presidenziali. 

    La presa di posizione netta - e pubblica - di Khamenei rappresenta una svolta anche per la Repubblica islamica, perché mai prima d’ora la massima autorità religiosa si era opposta alla candidatura di un uomo politico. 

    Finora non si registrano prese di posizione ufficiali di Ahmadinejad, anche se sul suo sito ufficiale è apparso un messaggio in cui si ricorda che “secondo [i principi] della rivoluzione [iraniana] lo Stato e il sistema [politico] appartengono al popolo”. Tuttavia, secondo quanto riferisce un fedelissimo (l’ex deputato ultraconservatore Hamid Razayi) egli obbedirà - suo malgrado - ai dettami di Khamenei.

    Del resto la figura dell’ex presidente è ancora oggi fonte di controversie e contrapposizioni: nel 2009 la sua rielezione aveva sollevato imponenti manifestazioni di piazza dell’ala riformista, represse con la violenza. E nel 2011 egli si era ritirato per dieci giorni dalla vita politica attiva, in aperto contrasto con la decisione di Khamenei di mettere il veto al licenziamento di Heydar Moslehi, a capo dell’intelligence. 

    L’ultima apparizione pubblica di Ahmadinejad risale al 22 settembre scorso, in occasione di un discorso alla moschea Mahmoudieh di Teheran. Egli gode ancora oggi del sostegno dei Pasdaran e dell’ala conservatrice da sempre contrari all’accordo nucleare con gli Stati Uniti siglato dall’attuale presidente Hassan Rouhani e che non avrebbe sortito effetti positivi per il Paese. Nei mesi scorsi a molti osservatori non è sfuggita la “strana alleanza” fra Stati Uniti e fondamentalisti iraniani nel voler affossare l’accordo sul nucleare. Una mossa mirata a screditare l’operato dell’attuale leadership, rilanciando così un’eventuale candidatura di Ahmadinejad e la conseguente emarginazione (forzata) di Teheran dall’alveo della comunità internazionale. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/04/2017 09:57:00 IRAN
    Iran: l’economia, più dell’islam, ago della bilancia nelle elezioni presidenziali

    Al voto il 19 maggio. Dal 1979 il leader uscente ha sempre ottenuto un secondo mandato. A sfidare Rouhani un fedelissimo del grande ayatollah, Ebrahim Raisi, e Hamid Baghaei, ex numero due di Ahmadinejad, che annuncia la propria candidatura fra lo stupore generale. Gli sfidanti accusano Rouhani di aver affossato l’economia; il presidente risponde con dati che indicano “progressi”.

     



    13/05/2017 11:28:00 IRAN
    Presidenziali in Iran: Rouhani contro tutti nell’ultimo dibattito tv prima del voto

    Scambi di accuse e battute al vetriolo nel confronto fra i candidati. Il leader uscente ha criticato Raisi perché “sfrutta la religione” per il consenso. Del sindaco di Teheran ha ricordato le violenze contro gli studenti. Secca la replica dei rivali: Rouhani colpevole della crisi economica e del fallimentare accordo sul nucleare. 

     



    21/04/2017 08:55:00 IRAN
    Presidenziali in Iran: sarà sfida a due fra Rouhani e Raisi. Escluso Ahmadinejad

    Il Consiglio dei Guardiani della Costituzione ha approvato sei nomi su un totale di 1600 aspiranti presidenti. Respinta la candidatura di 130 donne; anche per il 2017 sarà una partita fra soli uomini. Economia e accordo nucleare i temi caldi della campagna elettorale. Bloccata la corsa al terzo mandato per l’ex presidente ultraconservatore, considerato figura “che divide” da Khamenei. 



    15/05/2017 08:34:00 IRAN
    Gli ayatollah remano contro la democrazia delle elezioni presidenziali

    Il prossimo 19 maggio l’Iran sceglie il suo presidente. Ma il potere rimane sempre nelle mani dell’ayatollah Khamenei e dei Guardiani della Costituzione. La popolazione e soprattutto i giovani vogliono riforme e aperture verso il mondo.



    20/06/2009 IRAN
    L’opposizione sfida Khamenei: avanti con le manifestazioni
    Mehdi Kharroubi e la moglie di Moussavi invitano a dimostrare, contro gli avvertimenti lanciati ieri dal grande ayatollah. La polizia ha detto che sarà dura con i “raduni illegali”. Un fossato sempre più grande fra le proteste e l’establishment. Moussavi non si è presentato al raduno del Consiglio dei Guardiani per la verifica parziale dei risultati elettorali.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 10 anni dalla Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa in Cina. La debolezza di alcuni vescovi

    Fr Peter

    La Lettera esprime “l’amore del Santo Padre per la nostra Chiesa”. La “tragedia” per la Chiesa in Cina: vescovi che divengono “funzionari di Stato”, “non danno ascolto alla Lettera” e hanno paura di “dare la vita per il gregge”. Ma vi sono “vescovi e sacerdoti [che] salvaguardano la vera fede della Chiesa cattolica”. Un grazie profondo alla Chiesa universale.


    VATICANO – CINA
    Simposio AsiaNews, Savio Hon: “Va dissipato il grigio pragmatismo”



    Sorto sul principio della crescita a tutti i costi, sintetizzato da Deng Xiaoping nello slogan: “Non importa se il gatto è nero o bianco, purché catturi i topi”. Oggi non si distingue più il bianco dal nero, il vero dal falso. Così gli eroi della fede sono sfidati dai lupi travestiti da pecore


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®