23/08/2006, 00.00
iran - onu
Invia ad un amico

Teheran apre al "dialogo", ma tace sul blocco dell'arricchimento nucleare

La risposta dell'Iran alle proposte dei "5+1" sembrano far perdere mordente all'ultimatum dell'Onu. Mentre la comunità internazionale si divide, l'esercito di Teheran apre un nuovo round di esercitazioni militari.

Teheran (AsiaNews) – La comunità internazionale è sempre più divisa sulle mosse da intraprendere verso il gioco a rimpiattino dell'Iran e del suo programma nucleare. Ieri il negoziatore per il nucleare, Ali Larijani ha presentato ai 5 ambasciatori del Consiglio di Sicurezza Onu, più la Germania (i cosiddetti "5+1") le risposte al pacchetto di incentivi economici offerti a Teheran in cambio dell'abbandono del suo programma nucleare. Larijiani ha affermato che l'Iran è pronto da oggi a un "dialogo serio". All'incontro erano presenti gli ambasciatori di Gran Bretagna, Cina, Francia, Russia e Germania. Al posto del rappresentante degli Stati Uniti, vi era il rappresentante della Svizzera, che cura gli interessi americani. La risposta iraniana era stata posticipata di continuo fino a ieri. Intanto però, sull'Iran pesa la richiesta dell'Onu di terminare i processi di arricchimento del nucleare iraniano entro e non oltre il 31 agosto.

Non si conosce il contenuto delle risposte di Larijiani e soprattutto non è chiaro se vi è l'accettazione della scadenza Onu. Tutto però sembra indicare che Teheran non voglia piegarsi alle richieste del Palazzo di Vetro.

L'Ayatollah Khamenei, capo spirituale e politico della Repubblica islamica, ha dichiarato che l'Iran è deciso nell'andare avanti con il suo programma nucleare, nonostante i veti del Consiglio di Sicurezza.

La proposta dei "5+1" contiene incentivi economici, fra cui l'offerta di un reattore ad acqua leggera e una provvista a lunga scadenza di combustibile nucleare. In più è affermato il riconoscimento del diritto di Teheran ha perseguire una tecnologia nucleare. Si richiede comunque il blocco dei processi di arricchimento dell'uranio, passibili di essere utilizzati per costruire bombe e venduti ad altri paesi della regione.

È stato proprio il ritardo dell'Iran a rispondere a queste offerte che ha portato il Consiglio di Sicurezza ha votare l'ultimatum del 31 agosto.

L'apertura di Teheran a dialogare sul pacchetto sembra far perdere mordente all'ultimatum. Fra i membri del Consiglio di Sicurezza vi è divisione: la Cina ha già dichiarato che, data l'apertura al dialogo, occorre "calma, pazienza, flessibilità"; la Russia rimane contraria alla possibilità di sanzioni dopo il 31 agosto; gli Stati Uniti dicono che studieranno le risposte dell'Iran, ma sono pronti a nuove risoluzioni se tali risposte non incontrano le richieste del Consiglio di Sicurezza.

Intanto l'esercito di Teheran sembra impegnato in un nuovo round di esercitazioni militari – la seconda nell'estate. A partire dalla provincia del Sistan – Baluchistan, nel sud-est, le esercitazioni si diffonderanno in altre 15 province nelle prossime 5 settimane. Durante le esercitazioni, iniziate lo scorso fine settimana, i militari hanno utilizzato anche 10 missili Saegheh (terra-terra), che hanno un raggio di 75-225 km. Il brigadiere gen. Mohammad Hassan Dadras, comandante delle forze di terra, ha detto che "nessuna potenza aerea della regione può essere capace di ostacolare l'esercito iraniano".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Iran, oggi la decisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica
06/03/2006
Ultimatum Onu all'Iran che non cede sul nucleare
01/08/2006
Pechino plaude la decisione Onu di inviare 26mila soldati in Darfur
02/08/2007
La Cina dice no all'allargamento del Consiglio di sicurezza Onu
03/06/2005
Il Consiglio di sicurezza Onu approva “all’unanimità” l’accordo sul nucleare iraniano
21/07/2015