30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/07/2011, 00.00

    IRAN

    Teheran: sospesa, non annullata, la condanna a morte per conversione di un pastore



    Fonti cristiani iraniane pubblicano il testo della sentenza della Corte suprema nei confronti di Youcef Nadarkhani, condannato in prima istanza all’impiccagione, se non abiura la fede cristiana, per apostasia. Deve dimostrare di non essere stato un seguace dell’islam dai 15 ai 19 anni.
    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Fonti cristiane iraniane hanno diffuso una traduzione non ufficiale della sentenza della Corte suprema contro un pastore, Youceh Nadarkhani, condannato in prima istanza alla pena capitale per apostasia. L’appello è stato esaminato dai giudici della Corte suprema Morteza Fazel e Azizoallah Razaghi, che hanno deciso di rimandare la causa al tribunale di rango inferiore. I motivi del rinvio sono spiegati nella sentenza. (12/07/2011 Rischia ancora la morte il pastore iraniano convertito).

    Youcef Nadarkhani, scrivono i giudici, di 32 anni sposato, è accusato di “aver abbandonato l’islam”. “Ha spesso partecipato a celebrazioni cristiane e ha organizzato preghiere domestiche, evangelizzando. Dopo essere stato battezzato ha battezzato altri, convertendo musulmani al cristianesimo”.

    La sentenza ricorda che Youcef è stato accusato di “infrangere la legge islamica: dalla pubertà (15 anni di età) fino all’età di 19 anni; è stato allevato come musulmano in una casa di musulmani”. Il testo descrive il comportamento del pastore durante il processo: “ha negato la profezia di Maometto e l’autorità dell’islam. Ha dichiarato di essere cristiano, e non più musulmano”.

    La legge iraniana non prevede la condanna a morte per apostasia; ma in questo caso, secondo quanto scrive la sentenza, “è stato condannato all’impiccagione in base all’articolo 8 del Tahrir –olvasileh (uno dei libri dell’ayatollah Khomeini sulla Shari’a, n.d.r) e alle fawta dell’ayatollah Khamenei e dell’ayatollah Makarem Shirazi”.

    La Corte suprema ha deciso di rimandare i suo caso al tribunale statale di Gilan, sezione 11, che dovrà fare indagini ulteriori per stabilire e provare se Youcef “dall’età di 15 anni all’età di 19 anni era o non era musulmano”. Le indagini toccheranno le sue conoscenze, i parenti e gli anziani della zona. Se era musulmano”deve abiurare la fede cristiana. Nessuna ricerca è stata fatta per provare ciò, e se sarà provato che era un musulmano praticante da adulto, e non si pente, la condanna sarà eseguita”. Youcef si è difeso dall’accusa di apostasia sostenendo che in realtà non è mai stato musulmano, e non praticava la fede islamica fino al momento del suo incontro con il cristianesimo. Il tribunale di Gilan rivedrà il caso di Youcef nell’autunno.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/10/2006 iran
    Due cristiani iraniani arrestati a Mashad. Una è figlia di un pastore assassinato

    Uno di loro è un convertito dall'Islam. Da giorni non si hanno notizie. Gli iraniani guardano con simpatia il cristianesimo, stanchi di prediche piene di lotta e di odio.



    30/01/2008 IRAN
    Oltre 50 fedeli Bahai condannati perché parlano della loro fede
    Tre fedeli condannati al carcere, altri 51 hanno la sospensione della pena, ma dovranno frequentare corsi “di indottrinamento”. La persecuzione contro il culto Bahai è sistematica dal 1979. I seguaci sono condannati anche solo perché fanno catechismo ai figli.

    13/02/2006 islam
    Potrebbero arrivare all'Onu le vignette su Maometto

    Alcuni Paesi islamici vorrebbero una decisione che vieti il dileggio delle convinzioni religiose. Oggi meno manifestazioni. Giornalisti licenziati e arrestati per aver pubblicato le vignette.



    09/10/2006 iran
    In Iran arrestato un ayatollah che predica separazione tra fede e politica
    E' accusato di aver frainteso l'islam. Per catturarlo, la polizia ha dovuto disperdere i suoi seguaci che avevano organizzato un cordone intorno alla sua casa.

    26/09/2012 ISLAM
    Il film e le vignette su Maometto: per occidente e islam è tempo di una laicità sana
    Il mondo islamico risente di una frustrazione plurisecolare e reagisce in modo emozionale ad ogni minima critica. Allo stesso tempo l'occidente provoca senza ritegno e rispetto. Per uscire dal conflitto di civiltà, la soluzione è seguire il papa di Regensburg o della Ecclesia in Medio Oriente. Anche i musulmani devono imparare a non offendere ebrei, cristiani e altre religioni. Piuttosto che tarpare la libertà di critica, meglio attuare critiche, ma secondo la ragione.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®