24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/12/2017, 09.15

    BANGLADESH-VATICANO

    Tejgaon, suore di Madre Teresa: la compassione di Dio a disabili e poveri di strada

    Anna Chiara Filice

    Nella casa di Tejgaon operano 6 missionarie. La struttura accoglie in maniera temporanea uomini e donne malate che vivono nelle baraccopoli. A Dhaka ci sono 8 suore, 99 in tutto il Bangladesh. Sono accolti poveri musulmani, indù, buddisti, cristiani. “Non ci interessa convertire i bisognosi, vogliamo solo servirli”. Dall’inviata.

    Dhaka (AsiaNews) – Portare l’amore e la compassione di Dio a bambini, disabili e poveri di strada. È ciò che fanno le Missionarie della Carità, meglio note con il nome di suore di Madre Teresa, nella “Home of Compassion” di Dhaka, nel quartiere di Tejgaon. Sr. M. Avila Therese, la superiora della casa, racconta che tutto viene fatto per “i poveri, per coloro che hanno bisogno di aiuto”.

    A Dhaka operano otto suore di Madre Teresa, mentre in tutto il Bangladesh vivono 99 suore e un missionario della Carità. I centri di accoglienza per malati, poveri, disabili, donne emarginate in tutto il Paese sono 12, oltre ad uno gestito dal ramo maschile della congregazione.

    Al momento la struttura accoglie 12 bambini disabili e poveri di strada, “spesso orfani o abbandonati dalle famiglie che non vogliono più prendersi cura di loro”. Le suore si preoccupano di tutti i loro bisogni, dalle abluzioni quotidiane, al pasto, ai momenti ricreativi. Nella stanza a loro riservata, si notano giocattoli sparsi, cavallucci a dondolo, pennarelli. Tutto ciò che serve per un’infanzia serena, lontana dai pericoli della strada.

    Altri bambini ruotano attorno alla struttura: “Sono quelli che qui vengono ogni giorno per studiare con un’insegnante. O coloro che tutti i sabati vengono per ricevere un pasto gratuito. In tutto 200-300 piccoli”.

    Le suore accolgono anche uomini e donne che vivono in strada, per lo più poveri e malati. Qui ricevono trattamenti sanitari e cure amorevoli. “Una volta guariti – continua sr. M. Avila – vanno via e lasciano il posto a nuovi bisognosi. Non abbiamo molto spazio nella struttura, per questo sono solo di passaggio”. Ad oggi gli uomini ospitati sono 28 e le donne 49.

    Il servizio per i bisognosi prescinde da ogni appartenenza di fede: “Ci sono ospiti di ogni religione. La maggior parte è musulmana, ma poi ci sono anche buddisti, indù e cristiani. Noi accettiamo ogni povero. E non ci interessa convertirli, vogliamo solo servirli. Rispettiamo ogni religione e crediamo che ognuno debba avere la libertà di professare la propria”. Il lavoro delle missionarie è svolto in modo gratuito, “non accettiamo soldi e non riceviamo uno stipendio per quello che facciamo”.

    Il contributo delle suore “è riconosciuto da tutti, e non abbiamo mai ricevuto minacce [dai fondamentalisti islamici] o temuto per la nostra vita. Le persone ci rispettano, ci considerano uno di loro”.

    Nonostante tutto il lavoro quotidiano, “i momenti di preghiera non mancano mai: quattro durante la mattina prima di pranzo, e altri tre nel pomeriggio e in serata”.

    La visita di papa Francesco, che oggi è stato qui in forma privata e si è raccolto in preghiera nella vicina chiesa dell’Holy Rosary, “è una benedizione. Egli ha benedetto i nostri bambini”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/12/2017 09:10:00 BANGLADESH-VATICANO
    Missionario in Bangladesh: siamo un ‘piccolo resto’ guidati dallo Spirito Santo

    P. Franco Cagnasso, Pime, interviene di fronte a papa Francesco, che parla a braccio a sacerdoti, suore e religiosi. “Una Chiesa che rimane al chiuso è una Chiesa malata”. “Il bisogno interiore di scoprire che il mio carisma serve in qualche posto”. Dall’inviata.



    02/12/2017 11:00:00 BANGLADESH-VATICANO
    Rohingya dal papa: Papa Francesco mi ha mostrato compassione (video)

    Al termine dell’incontro con rappresentanti delle religioni a Dhaka, papa Francesco ha incontato alcuni profughi Rohingya. Per la prima volta nel suo viaggio, Francesco ha usato la parola “Rohingya”. Egli ha chiesto perdono per l’indifferenza di tutto mondo  nei loro riguardi. AsiaNews ha intervistato alcuni di loro. “È un uomo di pace. Spero che Allah ascolti le sue preghiere”.



    01/12/2017 10:25:00 BANGLADESH-VATICANO
    Il Bangladesh pellegrino alla messa con papa Francesco (video)

    Stamattina la messa al Suhrawardi Udyan Park di Dhaka. Ordinati 16 sacerdoti. Presenti più di 70mila persone. Tra i partecipanti, anche alcuni lebbrosi di Khulna. Un gruppo dalla parrocchia di Mohespur ha trascorso 15 ore in viaggio. Le speranze delle giovani lavoratrici. L’impegno di un neo-consacrato.  Dalla nostra inviata.



    01/12/2017 08:29:00 BANGLADESH-VATICANO
    Papa in Bangladesh: Il grazie ai 90mila fedeli; la preghiera per i 16 neo-ordinati

    Alla sua prima messa a Dhaka, papa Francesco ringrazia i cattolici, venuti anche ““da lontano, in un viaggio di più di due giorni”. La celebrazione nel luogo dove Mujibur Rahman ha proclamato la nascita del Bangladesh.



    28/11/2017 06:08:00 BANGLADESH-VATICANO
    Rohingya e periferie, i temi caldi in attesa di papa Francesco a Dhaka

    Dhaka ancora spoglia di simboli per l’accoglienza del pontefice. Al centro della visita: profughi, migranti e persone rifiutate. Nei campi di Cox’s Bazar la diocesi di Chittagong pensa all’educazione dei bambini Rohingya. I rischi di un trasferimento degli sfollati a Hill Tracts, dove non esistono diritti e sviluppo. Dalla nostra inviata.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®