23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/09/2012, 00.00

    ISLAM

    Tensioni e scontri per la Giornata contro il film anti-islam

    Paul Dakiki

    In Pakistan è iniziata la "Giornata di amore per il profeta". Violenze a Nowshera. Ieri scontri con la polizia a Islamabad, con 50 feriti. Chiuse ambasciate Usa e della Francia in molti Paesi. Bloccato il video del film blasfemo. Gruppi cristiani, musulmani e politici domandano all'Onu direttive internazionali contro la diffamazione delle religioni.

    Beirut (AsiaNews) - In molti Paesi a maggioranza islamica, questo venerdì di preghiera rischia di trasformarsi in un giorno di violenza. Lo scandalo causato dalla diffusione del film americano su Maometto e dalle vignette su Charlie Hebdo in Francia, rischia di essere una base da sfruttare per elementi estremisti. Molte sedi diplomatiche di Stati Uniti e Francia sono state chiuse per timori di attacchi simili a quello che ha portato alla morte dell'ambasciatore Usa in Libia, Chris Stevens. Finora, a causa del film blasfemo sono state uccise 30 persone.

    In Pakistan il governo ha stabilito che oggi sia un giorno di vacanza, e ha dato il via a una "Giornata di amore per il profeta" in cui vi siano manifestazioni pacifiche. Cortei si sono sviluppati a Muzaffarabad, Rawalpindi, Nowshera, Jacobabad e altre città. Ma già dalle prime ore si registrano violenze contro alcuni edifici del governo a Nowshera. Ieri a Islamabad un posto di polizia è stato incendiato e vi sono stati 50 feriti. Oggi magazzini, negozi e mercati sono chiusi e in 15 città il governo ha bloccato l'uso di telefoni cellulari.

    Per ora non si segnalano violenze in Malaysia e Indonesia, ma le ambasciate Usa di Kuala Lumpur e Jakarta sono state chiuse.

    Ieri vi sono state dimostrazioni a Kabul (Afghanistan) e a Teheran. A Zaria (nord Nigeria), migliaia di musulmani hanno manifestato e bruciato bandiere americane e israeliane.

    Molti governi cercano di frenare la diffusione del film o meglio del trailer di circa 15 minuti postato su Youtube. Pakistan e Sudan hanno bloccato l'accesso a film. Google (proprietaria di Youtube), da parte sua ha ristretto l'accesso al film in Egitto, Libia, Malaysia e Indonesia.

    Nel clima di tensione che cresce, il segretario Onu Ban Ki-moon ha dichiarato ai giornalisti che "la libertà di espressione, che è un diritto fondamentale e un privilegio, non deve essere utilizzato in modo abusivo da un atto scandaloso e vergognoso" come il film anti-islam.

    In diversi Paesi si raccolgono consensi perché l'Onu vari una direttiva che proibisca l'offesa ai simboli religiosi dell'islam e di tutte le religioni. In Libano la proposta ha trovato d'accordo il movimento 14 Marzo (cristiani e sunniti) e la coalizione 8 Marzo (cristiani, Hezbollah e drusi). D'accordo pure il gruppo di politici greco-ortodossi. Anche il patriarca maronita Bechara Rai suggerisce all'Onu di varare una legge contro la diffamazione delle religioni, per la salvaguardia dell'armonia fra le confessioni.

    Una domanda simile è stata espressa da varie organizzazioni islamiche. Alcuni vescovi anglicani del Nord Africa hanno scritto una lettera aperta a Ban Ki-moon domandando direttive internazionali che "mettano fuori legge l'insulto intenzionale deliberato e la diffamazione di persone (come i profeti), simboli, testi e espressioni di fede considerati sacri da credenti".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/09/2012 LIBANO - ISLAM
    Hezbollah lancia una settimana di proteste contro il film anti-islam
    Il capo degli sciiti militanti ha atteso la partenza di Benedetto XVI dal Libano. Sette giorni di manifestazioni in tutto il Paese. Paesi islamici devono chiedere una legge internazionale che proibisca insulti all'islam e alle altre religioni. In Libia arrestate e fermate 50 persone legate all'attacco al consolato Usa, dove è stato ucciso l'ambasciatore Chris Stevens. Per il presidente dell'Assemblea libica, i responsabili dell'attacco, pianificato mesi prima, sono membri di al Qaeda.

    22/09/2012 PAKISTAN - ISLAM
    Islamabad, la "stupida" violenza nel giorno dell'amore per il Profeta: 23 morti e 200 feriti
    Le manifestazioni, iniziate in modo pacifico, sono state sequestrate da militanti e attivisti. Nella capitale, la folla furiosa ha bruciato quattro sale da cinema, sei banche, quattro camionette della polizia, due ristoranti, molte automobili. Saccheggiati molti edifici. Diverse persone amareggiate che si uccida "in nome di Allah". Interessi elettorali e di potere dietro lo scandalo del film anti-islam.

    17/06/2017 09:33:00 ISLAM-M.ORIENTE
    Terrorismo e migranti: un dialogo necessario fra musulmani e cristiani (Terza parte)

    L’ondata di migranti che cercano rifugio in Europa non accenna a esaurirsi. Fra loro, i musulmani sono quelli che si adattano con maggior fatica a uno stile di vita giudicato “decadente”. L’integrazione implica accettazione della scala dei valori dell’occidente, fra cui la dignità della donna è al primo posto. I cristiani non devono “difendersi dall’invasione islamica”, ma incontrare e testimoniare la fede nella carità e nell’amore.



    16/06/2017 10:58:00 ISLAM-M.ORIENTE
    Terrorismo e migranti: un dialogo necessario fra musulmani e cristiani (Seconda parte)

    Alla crisi dell’islam, salafiti, wahhabiti e Fratelli Musulmani rispondono con un ritorno alle origini dell’islam e con una guerra contro i “miscredenti”. Il loro credo è simile a quello di Al Qaeda e Daesh. La guerra fra sunniti e sciiti. Il proselitismo dell’Arabia saudita e la diffusione delle moschee integraliste. Da modello da imitare, l’Europa è divenuta un esempio di “decadenza” da combattere.



    15/06/2017 08:28:00 ISLAM-M.ORIENTE
    Terrorismo e migranti: un dialogo necessario fra musulmani e cristiani (Prima parte)

     Fra cristiani e musulmani vi è un buon rapporto in Libano, Siria, Giordania. Le difficoltà sono nate e cresciute con l’Arabia saudita e il suo islam wahhabita, oltre che con i Fratelli Musulmani in Egitto. Il sunnismo di questi è simile a quello di al Qaeda e di Daesh. Il contributo dei cristiani alla cultura araba sulla modernità, sull’educazione, sul ruolo della donna nella società. La cultura araba comune tra cristiani e musulmani in Oriente.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®