4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/02/2011
MYANMAR
Thein Sein è il nuovo presidente del Myanmar
Il Parlamento birmano ha eletto l’ex premier della giunta militare con 408 voti. Thiha Thura Tin Aung Myint Oo (171 voti) e Sai Mauk Kham (75 voti) ricopriranno la carica di vice-presidenti. Anche se non ha sciolto il riserbo sul ruolo da ricoprire, il potere resta saldo nelle mani del generalissimo Than Shwe.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il Parlamento birmano (Pyidaungsu Hluttaw) ha eletto il nuovo presidente del Myanmar: è il 65enne Thein Sein, ad oggi Primo ministro del regime militare che ha governato il Paese, e volto “accettabile” della dittatura nelle varie assise internazionali. Egli ha ottenuto l’incarico grazie ai 408 voti dei deputati, superando con un ampio margine Thiha Thura Tin Aung Myint Oo (171 voti) e Sai Mauk Kham (75 voti) che ricopriranno la carica di vice-presidenti. Tuttavia, dietro la nuova leadership alla guida del Myanmar resta la figura del generalissimo Than Shwe, il vero padrone del Paese che attraverso elezioni “farsa” si è dotato di Camere dominate dalla presenza di militari o ex ufficiali che hanno dimesso la divisa.
 
Il neo presidente (ottavo nella storia del Paese) e i due vice-presidenti sono espressione del partito di governo Union Solidarity and Development Party (USDP), sostenuto dal regime militare. Thein Sein, generale in pensione, ha conquistato la poltrona più ambita in Myanmar, nonostante le voci di una grave malattia che lo avrebbe colpito e il proclamato desiderio di non ricoprire in futuro incarichi di vertice.
 
Nell’ottobre 2007, all’indomani della Rivoluzione zafferano – guidata dai monaci birmani e repressa nel sangue dai militari – Thein Sein ha sostituito nel ruolo di Primo ministro Soe Win, gravemente malato. Alla morte del predecessore, egli ha ottenuto l’incarico ufficiale diventando famoso con il soprannome di “Mr Pulito”, perché esente da scandali di corruzione che hanno coinvolto diversi politici birmani. Il presidente è anche considerato – all’interno della comunità internazionale – la faccia “accettabile” del regime militare.
 
Ad oggi non è ancora chiaro quale incarico ricoprirà il generalissimo Than Shwe, leader della giunta militare. Da dietro le quinte oppure attraverso un ruolo pubblico, resta comunque lui il vero padrone del Myanmar.  

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/10/2011 MYANMAR
Pace e amnistia: continua il dialogo fra Aung San Suu Kyi e governo birmano
di Yaung Ni Oo
09/11/2011 MYANMAR
Nld: voto storico, per la registrazione del partito di opposizione birmano
28/01/2011 MYANMAR
La Corte suprema birmana respinge l’appello: la Nld è un partito illegale
09/06/2009 MYANMAR
Aung San Suu Kuy verrà condannata ai domiciliari
31/05/2011 MYANMAR – CINA
Aung San Suu Kyi a Pechino: dialogate con l’opposizione birmana

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate