24 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/02/2011
MYANMAR
Thein Sein è il nuovo presidente del Myanmar
Il Parlamento birmano ha eletto l’ex premier della giunta militare con 408 voti. Thiha Thura Tin Aung Myint Oo (171 voti) e Sai Mauk Kham (75 voti) ricopriranno la carica di vice-presidenti. Anche se non ha sciolto il riserbo sul ruolo da ricoprire, il potere resta saldo nelle mani del generalissimo Than Shwe.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il Parlamento birmano (Pyidaungsu Hluttaw) ha eletto il nuovo presidente del Myanmar: è il 65enne Thein Sein, ad oggi Primo ministro del regime militare che ha governato il Paese, e volto “accettabile” della dittatura nelle varie assise internazionali. Egli ha ottenuto l’incarico grazie ai 408 voti dei deputati, superando con un ampio margine Thiha Thura Tin Aung Myint Oo (171 voti) e Sai Mauk Kham (75 voti) che ricopriranno la carica di vice-presidenti. Tuttavia, dietro la nuova leadership alla guida del Myanmar resta la figura del generalissimo Than Shwe, il vero padrone del Paese che attraverso elezioni “farsa” si è dotato di Camere dominate dalla presenza di militari o ex ufficiali che hanno dimesso la divisa.
 
Il neo presidente (ottavo nella storia del Paese) e i due vice-presidenti sono espressione del partito di governo Union Solidarity and Development Party (USDP), sostenuto dal regime militare. Thein Sein, generale in pensione, ha conquistato la poltrona più ambita in Myanmar, nonostante le voci di una grave malattia che lo avrebbe colpito e il proclamato desiderio di non ricoprire in futuro incarichi di vertice.
 
Nell’ottobre 2007, all’indomani della Rivoluzione zafferano – guidata dai monaci birmani e repressa nel sangue dai militari – Thein Sein ha sostituito nel ruolo di Primo ministro Soe Win, gravemente malato. Alla morte del predecessore, egli ha ottenuto l’incarico ufficiale diventando famoso con il soprannome di “Mr Pulito”, perché esente da scandali di corruzione che hanno coinvolto diversi politici birmani. Il presidente è anche considerato – all’interno della comunità internazionale – la faccia “accettabile” del regime militare.
 
Ad oggi non è ancora chiaro quale incarico ricoprirà il generalissimo Than Shwe, leader della giunta militare. Da dietro le quinte oppure attraverso un ruolo pubblico, resta comunque lui il vero padrone del Myanmar.  

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/10/2011 MYANMAR
Pace e amnistia: continua il dialogo fra Aung San Suu Kyi e governo birmano
di Yaung Ni Oo
28/01/2011 MYANMAR
La Corte suprema birmana respinge l’appello: la Nld è un partito illegale
09/11/2011 MYANMAR
Nld: voto storico, per la registrazione del partito di opposizione birmano
09/06/2009 MYANMAR
Aung San Suu Kuy verrà condannata ai domiciliari
31/05/2011 MYANMAR – CINA
Aung San Suu Kyi a Pechino: dialogate con l’opposizione birmana

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate