13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/09/2013, 00.00

    TIBET – CINA

    Tibet, monaci condannati a 4 anni per "attività politiche non autorizzate"



    Le condanne sono arrivate dopo 1 anno di detenzione preventiva. Nei raid sono stati arrestati anche altri religiosi, rilasciati dopo aver firmato un documento in cui si impegnano a non fare alcun tipo di attività politica. L'area di Wonpo sempre più nel mirino delle autorità.

    Lhasa (AsiaNews) - Le autorità giudiziarie della contea tibetana di Kardze - nella provincia cinese del Sichuan - hanno condannato alla galera tre monaci buddisti arrestati lo scorso anno nel corso di un raid compiuto dalla pubblica sicurezza. I tre - Choedar, Sonam Gonpo e Sonam Choedar - sono in prigione da diversi mesi: fino a ora la loro sorte era sconosciuta. La pena varia dai 3 ai 4 anni di galera per "attività politiche non autorizzate". Le condanne sono state confermate dal Tibetan Centre for Human Rights and Democracy.

    Lo scorso 9 settembre i giudici hanno condannato Choedar (47 anni) insieme ad altri due monaci: Kyapey (27 anni) e Lobsang Mithrug (25 anni). Entrambi sono stati rilasciati, ma privati dei diritti politici per 3 anni. La scarcerazione è avvenuta solo dopo che i due hanno firmato un documento in cui si impegnano a non "compiere attività politiche di alcun tipo". L'11 settembre sono arrivate le condanne a 4 anni per Sonam Gonpo (22 anni) e Sonam Choedar (22 anni). Anche loro erano a giudizio con altri 4 monaci, che sono stati rilasciati sulla parola.

    Tutti i processati vengono dall'area di Wonpo, che si trova sotto sorveglianza speciale da parte delle autorità sin dai moti anti-cinesi del 2008. I monaci del monastero locale si sono rifiutati per mesi di issare la bandiera cinese e hanno offerto protezione e ospitalità ad alcuni attivisti politici ricercati dalla polizia comunista. Dalla zona veniva anche una donna, Tri Lhamo, che si è auto-immolata con il fuoco per chiedere libertà per il Tibet e il ritorno a casa del Dalai Lama.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/04/2009 TIBET - CINA
    Le autorità cercano di nascondere arresti e condanne dei monaci tibetani
    La polizia cerca di non far sapere l’arresto di 3 monaci a Ganchu. Il tribunale rinvia il processo contro il noto e stimato lama buddista Phurbu dopo l’attenzione internazionale suscitata per il suo processo.

    13/04/2010 CINA – TIBET
    Tibet, ancora arresti contro monaci buddisti
    Non accenna a fermarsi la repressione cinese contro giovani monaci delle zone tibetane del Sichuan e del Tibet. Dopo gli arresti di inizio mese, un altro monaco di 22 anni è stato arrestato per aver chiesto il ritorno del Dalai Lama e l’indipendenza. Insieme a lui, 500 abitanti della contea di Nyagrong.

    17/02/2012 CINA – TIBET
    Al ritorno in Cina, centinaia di arresti fra chi ha pregato con il Dalai Lama
    A fine dicembre, con il permesso delle autorità, circa 7mila tibetani sono andati in India per la festa religiosa della Bhodigaya, guidata dal Dalai Lama. Oggi, senza alcuna accusa formale, gli agenti stanno rastrellando e arrestando i partecipanti. Una fonte di AsiaNews: "Non vogliono più capire, cercano di trasformare il popolo in uno zombie".

    05/11/2008 TIBET - CINA
    Pechino prosegue arresti e condanne, i tibetani cercano nuovi modi di lotta
    Le autorità riconoscono 55 condanne per le proteste di marzo e oltre 200 persone ancora in carcere, ma non ne indicano il destino. Intanto continuano gli arresti arbitrari dei monaci. A metà novembre i leader tibetani in esilio si incontrano in India, per discutere una nuova leadership politica e nuove azioni.

    23/05/2009 TIBET – CINA
    Arrestati due tibetani per le proteste del marzo 2008
    Sono colpevoli di avere inneggiato al Dalai Lama. Dal marzo 2008 la polizia cinese ricerca senza tregua e arresta chi ha protestato. I più fortunati riescono a fuggire in India dopo mesi di latitanza. Condannato all’ergastolo un altro monaco.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®