16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/07/2006, 00.00

    TIMOR EST

    Timor Est, si insedia il nuovo governo



    Primo obiettivo: permettere il rientro a casa della popolazione fuggita durante l'ultimo mese di violenze. Secondo l'Onu i profughi interni sono ancora 150 mila.

    Dili (AsiaNews/Agenzie) – Si è insediato oggi il nuovo governo di Timor Est, passo cruciale nel processo per riportare stabilità nel piccolo Paese scosso da mesi di violenze interne. I neo ministri hanno giurato oggi in Parlamento: con le mani sulla Costituzione, hanno promesso di servire la nazione. Il nuovo governo guiderà il Paese fino alle prossime elezioni generali previste ad inizio 2007.

    Alla cerimonia era presente il neo primo ministro, Jose Ramos Horta, ed i suoi due vice. Il nuovo governo è stato formato dopo le dimissioni – il 26 giugno - dell'ex premier Mari Alkatiri, contestato dal popolo, da parte dell'esercito e della classe politica. Alkatiri, musulmano in un Paese a stragrande maggioranza cattolica, è stato costretto ad abbandonare l'incarico, dopo settimane di violenze, causate dal licenziamento di circa 600 soldati, che lamentavano discriminazioni etniche.

    Ramos Horta, premio Nobel per la Pace nel 1996, ha reso noto che il primo obiettivo del suo governo sarà consolidare la sicurezza e mettere in atto le condizioni necessarie per permettere il ritorno a casa della popolazione fuggita durante gli scontri del mese scorso. Secondo le Nazioni Unite, ci sono ancora più di 150mila profughi interni, che vivono in campi organizzati dall'Onu stessa e in chiese e scuole cattoliche.

    Il Gabinetto si riunirà oggi in serata per discutere il bilancio annuale. Il nuovo governo vede Jose Guterres, già ambasciatore di Timor Est negli Stati Uniti e all'Onu, ministro degli Esteri. A Inacio Moreira è affidato il ministero delle Comunicazioni e dei trasporti, Rosalia Corte-Real è ministro della Cultura e dell'istruzione, mentre il dicastero per l'Energia è guidato da Jose Teixeira. Ramos Horta manterrà anche l'incarico di ministro della Difesa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/10/2006 TIMOR EST - ONU
    Timor Est, Commissione Onu chiede indagini sull'ex premier Alkatiri

    Resi noti oggi i risultati dell'inchiesta indipendente sui disordini di aprile-maggio: Alkatiri sapeva del passaggio di armi dai militari ai civili e non è intervenuto. Consigliate azioni legali contro ex membri dell'esercito e della politica. Alta la sicurezza a Dili per paura di proteste.



    14/06/2006 TIMOR EST
    Pausa degli scontri a Dili, ma il governo chiede l'intervento Onu

    Più negozi aperti e gente per le strade, ma Timor Est non è fuori pericolo. Onu pronta ad inviare una missione dopo quella che nel 1999 accompagnò il Paese verso l'indipendenza. Il presidente parla al Parlamento e alla nazione.



    06/08/2007 TIMOR EST
    Xanana Gusmao è il nuovo Primo Ministro di Timor Est
    La decisione presa oggi dal presidente Jose Ramos-Horta per sbloccare la situazione di stallo del Paese: nessuno dei due principali schieramenti aveva conquistato la maggioranza assoluta alle elezioni del giugno scorso.

    08/07/2006 TIMOR EST
    Ramos-Horta è il nuovo premier di Timor Est

    Lo ha nominato oggi il presidente Gusmao, dopo settimane di incertezza politica; il mese scorso le dimissioni dell'ex primo ministro Alkatiri. Il nuovo governo guiderà il Paese fino alle prossime elezioni del 2007.



    12/02/2008 TIMOR EST
    Stato di emergenza a Dili, Horta ancora grave
    Le truppe Onu pattugliano le città dove vige il coprifuoco. Altre truppe in arrivo dal’Asutralia. Il presidente, ferito durante gli scontri di ieri, sarà sottoposto nei prossimi giorni a una terza operazione.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®