11 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/08/2009, 00.00

    GIAPPONE

    Tokyo, la vittoria dei democratici una “rivoluzione” fra molte difficoltà



    Una “rivoluzione senza spargimento di sangue”, il partito democratico dovrebbe vincere 308 seggi su 480. Taro Aso, premier uscente, dichiara la sconfitta. Sostegno ai figli, scuole gratis e tagli nella burocrazia sono le promesse da mantenere mentre il Paese soffre di invecchiamento ed è immerso nella crisi economica. La borsa di Tokyo risponde in modo positivo.

    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il partito democratico del Giappone (Dpj) ha vinto le elezioni mettendo fine al governo del partito liberal-democratico (Ldp) dopo quasi 50 anni di incontrastato dominio. Le proiezioni nei media nazionali mostrano che il Dpj ha guadagnato almeno 308 dei 480 seggi del parlamento, lasciandone 119 all’Ldp, capovolgendo i risultati delle ultime elezioni nel 2005.

    Non appena è stata chiara la vittoria dei democratici, la borsa si è innalzata dell’1,5%. Il premier uscente Taro Aso ha riconosciuto la sconfitta e ha deciso di dimettersi dalla guida del partito. Il futuro premier sarà con ogni probabilità il capo del Dpj, Yukio Hatoyama.

    Tomoaki Iwai, professore di scienze politiche alla Nihon università di Tokyo, ha dichiarato a Bloomberg: “Questa è una rivoluzione senza spargimento di sangue, il primo trasferimento di potere da un partito a un altro nel Giappone del dopoguerra”. “Il Dpj – ha aggiunto – deve ora fronteggiare l’arduo compito di mantenere le sue promesse e mostrare al pubblico giapponese che esso può cambiare il sistema”.

    Hatoyama ha infatti promesso di far rinascere l’economia in profonda recessione - la più dura dalla Seconda guerra mondiale – sostenendo la spesa delle famiglie per i figli, tagliando le tasse e riducendo il potere dei burocrati.

    I problemi più cocenti del Paese sono una popolazione sempre più vecchia, che riduce il personale attivo e aumenta la spesa del welfare, e una spesa pubblica abissale. Per il primo, Hatoyama ha promesso 320 dollari al mese per ogni figlio nato; scuole gratis fino al livello superiore; salari più alti. Tutto questo dovrebbe anche spingere a un maggior consumo interno, alleviando la crisi economica e il crollo delle esportazioni. Per il secondo problema, Hatoyama pensa a una riforma della burocrazia, snellendola e sottomettendola di più alla politica.

    Sulla politica estera, il Dpj pensa di creare una nuova diplomazia meno succube della diplomazia Usa, cercando di rafforzare i legami con i Paesi asiatici.

    Hatoyama, 62 anni, fa parte di una dinastia di politici. Nel ’95 ha lasciato l’Ldp e ha cominciato la sua scalata nel Dpj; suo bisnonno Ichiro ha fondato nel 1955 l'Ldp. Il suo bisnonno è stato anche presidente del parlamento e suo padre è stato ministro degli esteri. Suo fratello minore, Kunio, è membro del Dpj, rieletto ieri, ma solo un mese fa faceva parte del Ldp.

    Dei 308 deputati eletti nel Dpj, 268 sono uomini, 40 sono donne. alle elezioni ha partecipato il 69% dei 104 milioni aventi diritto. Nelle scorse elezioni aveva votato il 67,5%.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2009 GIAPPONE
    Tokyo al voto: verso un terremoto politico
    Il 30 agosto il Paese va alle elezioni più importanti degli ultimi 60 anni. I liberali rischiano di perdere il governo, che controllano quasi ininterrottamente dal 1958. Il tramonto dell’alleanza tra politici, industria e burocrazia. La gravità della crisi economica e il nuovo ruolo internazionale del Paese.

    29/10/2009 GIAPPONE - USA
    Hatoyama: Tokyo rivedrà l’alleanza con gli Stati Uniti
    Il partito d’opposizione gli chiede chiarezza prima della visita di Obama in Giappone il 12 e il 13 novembre. I giapponesi vorrebbero ridurre la presenza militare americana, che si aggira sulle 35 mila unità.

    01/09/2009 GIAPPONE
    La rivoluzione giovane e “assassina” delle elezioni giapponesi
    Il Partito democratico ha oltre il 60% dei seggi alla Camera bassa. Ha vinto puntando sui giovani e le donne che hanno sostituito i “baroni” della politica tradizionale. Per i liberali, perdenti, è tempo di revisione. Grande Taro Aso. Il nuovo Partito punta sulla persona e sulla fraternità, ma alcune promesse sono difficili da mantenere a causa della crisi economica.

    08/10/2009 GIAPPONE
    La svolta al governo in Giappone, vicina alla dottrina sociale della Chiesa
    Il nuovo governo di Yukio Hatoyama, cristiano battista, vuole mettere l’economia e lo Stato al servizio della persona. É definita con Yuai, fraternità. Le sue radici pescano in una lunga tradizione che risale all’Ottocento. Il raffreddamento con gli Stati Uniti.

    02/11/2009 GIAPPONE
    Hatoyama alla Dieta: è l’era della fraternità
    Sovranità popolare, sussidiarietà, apertura alle altre culture: sono i temi (cristiani) affrontati dal nuovo premier nel suo discorso inaugurale, la base di una nuova rivoluzione e di una “nuova era” nel Giappone. I critici lo giudicano troppo idealista e poco concreto.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®