03/08/2019, 08.34
GIAPPONE
Invia ad un amico

Tokyo, prime due condanne a morte nel 2019

In pochi mesi, sotto il ministero di Takashi Yamashita, sono state comminate quattro esecuzioni. La maggioranza dei giapponesi sembra sostenere la pena capitale. Ma la Federazione degli avvocati vorrebbe che essa sia eliminata entro il 2020.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il ministro della Giustizia Takashi Yamashita (v. foto) ha dichiarato che ieri mattina sono state eseguite due condanne a morte, le prime del 2019. I due sono stati uccisi per impiccagione.

I due giustiziati sono Koichi Shoji, 64 anni, che ha ucciso due donne nella prefettura di Kanagawa nel 2001, e Yasunori Suzuki, 50 anni, che ha ucciso tre donne nella prefettura di Fukuoka fra il 2004 e il 2005.

Parlando ai giornalisti, il ministro ha detto di aver “ordinato le esecuzioni in base a attente considerazioni”, notando che i due “hanno tolto la vita a delle vittime che non avevano fatto nulla, solo per ragioni egoistiche”.

Soji e Suzuki erano stati condannati alla pena capitale in modo definitivo rispettivamente nel 2007 e nel 2011.

Quelle di ieri portano a quattro le condanne a morte eseguite sotto Yamashita, divenuto ministro lo scorso ottobre, e a 38 le esecuzioni sotto il governo di Shinzo Abe, in carica dal 2012.

Nel Paese del Sol levante, la pena capitale riceve molte critiche dall’estero, ma la maggioranza dei giapponesi sembra sostenerla. La Federazione degli avvocati in Giappone ha chiesto da tempo di abolirla entro il 2020. Lo scorso dicembre, gruppi di parlamentari hanno discusso il futuro della pena capitale nel Paese, proponendo di sostituirla con l’ergastolo.

La Chiesa cattolica giapponese si è spesso schierata in pubblico contro la pena di morte.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Coronavirus, Tokyo chiude le scuole per contrastare l’epidemia
28/02/2020 09:06
Il governo ha eseguito altre due impiccagioni
14/07/2017 11:07
Mons. Kikuchi: La Chiesa in Giappone prega per la pace, mentre i leader politici alimentano la tensione
11/08/2017 10:09
Arcivescovo di Tokyo: Dolore per i 19 disabili uccisi. Ma la pena di morte per Satoshi Uematsu non risolve tutto
16/03/2020 11:50
Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’
12/08/2017 10:38