17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/03/2016, 09.46

    GIAPPONE

    Due esecuzioni in Giappone. Mons. Kikuchi: Se invitate papa Francesco dovreste anche ascoltarlo

    Tarcisio Isao Kikuci

    Questa mattina il ministro della Giustizia ha confermato l’impiccagione di un serial killer e di un’infermiera, che avrebbe ucciso per ricevere i soldi dell’assicurazione. Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Asia: “Molto triste che questo avvenga nel Triduo pasquale, e per di più nel giorno del Venerdì santo. Ma mi sorprende soprattutto l’atteggiamento del governo. Invita con serietà e insistenza Francesco nel Paese, ma i suoi appelli per una moratoria alla pena di morte sono del tutto ignorati”.

    Niigata (AsiaNews) – Il governo giapponese ha confermato questa mattina l’esecuzione di due condannati a morte da tempo nelle carceri nazionali. Junko Oshida, ex infermiera di 56 anni, è la quinta donna a morire sul patibolo nipponico dal 1950: avrebbe ucciso due persone per ricevere il premio dell’assicurazione sulla vita. Yasutoshi Kamata, 75 anni, era un serial killer: fra il 1985 e il 1994 ha ucciso cinque persone, fra le quali una bambina di 9 anni.

    Sul tema della pena di morte, AsiaNews ha chiesto un commento a mons. Tarcisio Isao Kikuchi, vescovo di Niigata e presidente di Caritas Asia. Egli ricorda “l’ampia maggioranza a favore delle esecuzioni” ma ripropone con forza l’appello di papa Francesco per l’abolizione di questa forma di punizione giudiziaria. E ricorda al governo che invitare il pontefice nel Paese non serve, se poi non lo si ascolta. Di seguito il testo completo (traduzione in italiano a cura di AsiaNews).

    In questo periodo sacro per noi cristiani che è il Triduo pasquale, e in modo particolare nel giorno del Venerdì santo, è triste venire a sapere che il governo giapponese abbia eseguito la sentenza di morte nei confronti di due persone. È allo stesso modo triste ricordare che sempre il governo giapponese abbia ucciso quattro persone nel giorno di Natale del 2006.

    Per quanto ne so – da quello che dice l’esecutivo sulla questione – la grande maggioranza della popolazione nipponica sostiene la decisione di mantenere in vigore la pena di morte. So anche che diversi cattolici sono a favore di questa posizione. Di conseguenza non è facile immaginare un Giappone senza pena di morte, e sembra quasi impossibile arrivare ad abolire questo sistema.

    Tuttavia noi, che siamo membra del corpo di Gesù Cristo, dovremmo ascoltare il nostro pastore papa Francesco su questa tematica. All’Angelus dello scorso 21 febbraio, il Santo Padre si è appellato di nuovo per un’abolizione della pena di morte. Ha detto: “Il comandamento ‘non uccidere’ ha un valore assoluto, e copre l’innocente così come il colpevole”. Egli ha poi aggiunto: “Mi appello alla coscienza dei governanti, in modo che si possa raggiungere un consenso internazionale sull’abolizione della pena di morte”.

    Questa richiesta è stata ripetuta dai pontefici suoi predecessori, anche se l’insegnamento ufficiale della Chiesa cattolica non proibisce del tutto la pena di morte.

    Ma per papa Francesco si tratta di qualcosa di più rispetto a una ripetizione delle richieste dei suoi predecessori. Stiamo vivendo nel Giubileo della Misericordia, quindi si è rivolto ai leader mondiali: “Propongo a coloro che sono cattolici di fare un gesto coraggioso ed esemplare: nessuna sentenza di morte venga eseguita in questo Anno Santo della Misericordia”.

    È vero: il Giappone non è una nazione cristiana è il nostro è un governo molto secolare, con una stretta separazione fra Stato e religione. È vero anche che il nostro leader nazionale non è cattolico, anche se il suo numero 2 lo è [Taro Aso, ministro delle Finanze ndr]. È vero infine che le esecuzioni vengono decise dal ministro della Giustizia, che non è cattolico. Insomma, i protagonisti di questa vicenda non hanno alcun obbligo a considerare l’appello del Santo Padre.

    Però soltanto pochi giorni fa, il 19 marzo, il ministro giapponese degli Esteri Kishida ha fatto visita alla Santa Sede e incontrato l’arcivescovo Paul Gallagher, Segretario per i rapporti con gli Stati. Kishida ha invitato il Santo Padre a visitare il Giappone e pregare per la pace in Asia e nel mondo.

    Quando penso alla serietà e all’insistenza con cui questo governo invita papa Francesco in Giappone – uno scopo al quale lavorano anche i vescovi giapponesi – rimango sorpreso nel vedere la tempistica delle esecuzioni di questa mattina.

    Nonostante il sostegno pubblico alla pena di morte in Giappone, ripeto l’appello del Santo Padre: aboliamo la pena di morte, rispettiamo la vita umana.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/03/2012 GIAPPONE
    Arcivescovo di Nagasaki: “La pena di morte rischia di distruggere il Giappone”
    Mons. Giuseppe Mitsuaki Takami commenta per AsiaNews le 3 impiccagioni confermate oggi dal ministro giapponese della Giustizia: “La società nipponica crede nel concetto di occhio per occhio, dente per dente: ma questo rischia di lasciarci ciechi e morti di fame. La Chiesa combatte da sempre per affermare la cultura della vita: stiamo lavorando per chiedere al governo l’abolizione della pena di morte”.

    24/02/2016 12:51:00 PAKISTAN – VATICANO
    Pakistan diviso sull’appello del Papa contro la pena di morte

    Dal dicembre 2014, il Paese è al terzo posto mondiale come numero di esecuzioni. Sacerdote cattolico: “Le parole del papa sono state lette quasi da tutti. Bisogna agire subito”. Dura la reazione del mondo islamico: “Abbiamo le nostre leggi e le rispetteremo. L’appello del papa fa parte delle pressioni internazionali. La smettano di dare consigli”.



    21/02/2005 giappone
    L'80% dei giapponesi favorevole alla pena di morte


    26/02/2016 11:14:00 THAILANDIA
    Buddisti e cattolici thai contro la pena di morte: Non serve ad evitare i crimini

    L’abate buddista Phra Paisal Visalo commenta l’appello di papa Francesco a favore dell’abolizione della pratica: “Studi in tutto il mondo dimostrano che i crimini calano una volta tolta la pena capitale. Per la nostra religione ‘non uccidere’ è il primo e principale comandamento”. Sacerdote: “Chi sbaglia è giusto che sia punito dallo Stato, ma bisogna sempre dare una possibilità di redenzione”.



    21/02/2016 11:53:00 VATICANO
    Papa: Il Messico, viaggio di trasfigurazione. Basta pena di morte

    Prima della preghiera mariana dell’Angelus, Francesco ricorda il recente viaggio apostolico in America Latina: “Il baricentro è stata la Vergine di Guadalupe”. Una lode speciale alla Trinità per l’incontro con il patriarca russo Kirill: “Una luce profetica di Risurrezione, di cui oggi il mondo ha più che mai bisogno. La Santa Madre di Dio continui a guidarci nel cammino dell’unità”. Dopo l’Angelus un appello per una moratoria alle esecuzioni durante l’Anno Santo. Ai presenti in piazza viene donata la “Misericordina”, un rosario e un’immagine di Gesù. 





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®