18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/06/2011, 00.00

    LIBIA

    Tripoli, otto morti "per errore" dei bombardamenti Nato. Fuggono le famiglie residenti nell’area colpita



    Fonti di AsiaNews confermano la presenza di un bambino fra le vittime. La Nato parla di malfunzionamento di una bomba e per la prima volta ammette l'uccisione di civili. Stabile la situazione nel resto della città. Nonostante i bombardamenti, centinaia i cattolici presenti alle funzioni nella chiesa del Vicariato di Tripoli.
    Tripoli (AsiaNews) – E’ di otto morti il bilancio del bombardamento Nato che ieri notte ha colpito per errore il quartiere Souk Al Juma nella parte orientale di Tripoli. Tra le vittime anche un bambino. Lo rivelano fonti locali di AsiaNews, secondo cui decine di famiglie residenti nella zona colpita stanno fuggendo in altre aree della città e all’estero. Questa notte, il comando Nato ha ammesso per la prima volta dall'inizio della guerra l’uccisione di civili, affermando che l’errore sarebbe dovuto a un malfunzionamento del dispositivo di puntamento di una bomba. Il quartiere di Souk Al Juma dista circa 2 km da un campo di aviazione militare, principale obiettivo del raid.

    Nonostante la paura, la situazione rimane stabile nel resto della città. “Negozi, banche e uffici pubblici sono aperti – affermano le fonti – la popolazione si lamenta dei bombardamenti, ma tenta di condurre una vita quanto più normale”. Lo scorso 17 giugno migliaia di persone hanno protestato in modo pacifico nella piazza verde di Tripoli per chiedere la fine dei bombardamenti Nato.

    Intanto l’attività della piccola comunità cattolica di Tripoli va avanti nonostante le bombe. “Alle messe partecipano ancora centinaia persone – racconta la fonte – finora le defezioni si devono alla mancanza di collegamenti fra una parte e l’altra della città, non alla paura delle bombe”. Dopo l’inizio della guerra a Tripoli, sono rimasti circa 2 mila cattolici. Essi sono in maggioranza lavoratori migranti di nazionalità filippina, impiegati come infermieri e medici nei vari ospedali della tripolitania. Oggi una delegazione del Vicariato apostolico di Tripoli tenterà di raggiungere i cattolici migranti della Sirte impossibilitati a raggiungere la capitale a causa dei recenti raid arerei. (S.C.)
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/06/2011 LIBIA
    Libia, il tribunale dell’Aja emette l’ordine di arresto per Gheddafi e i suoi fedelissimi
    Coinvolti anche il figlio del rais Saif al-Islam e Abdullah Senussi, capo dell’intelligence di regime. La decisione coincide con i 100 giorni della missione in Libia. Fonti di AsiaNews avvertono sul rischio di un’ulteriore divisione intestina al popolo libico. La guerra civile potrebbe continuare anche dopo l’uscita di scena di Gheddafi. Vescovo di Tripoli fiducioso per una soluzione diplomatica del conflitto.

    14/07/2011 LIBIA
    Cattolici filippini eroici testimoni in Libia
    Mons. Martinelli: “Il lavoro dei cattolici resterà una della pagine più eroiche della testimonianza della Chiesa in Libia”. Oltre 2mila fra infermieri e medici filippini rimasti nel Paese per servire la popolazione, nonostante la guerra.

    23/06/2011 LIBIA
    La popolazione di Tripoli ha paura delle bombe. Il no di Gheddafi al dialogo
    Mons. Martinelli sottolinea il diffondersi nella capitale di una “fobia” per i bombardamenti. Chi abita vicino a possibili obiettivi Nato fugge. Marcia indietro dell’Italia sulla possibilità di un cessate il fuoco.

    01/06/2011 LIBIA
    Vescovo di Tripoli: La Nato bombarda una chiesa copta. Vittime fra i civili
    Questa notte le bombe hanno danneggiato una chiesa copta situata vicino a una caserma. Migranti cattolici filippini testimonianza di carità fra il popolo libico colpito dalla guerra.

    10/05/2011 LIBIA
    Vescovo di Tripoli: I libici scappano dalla guerra. Centinaia di migliaia i profughi
    Per il Vicario apostolico di Tripoli la popolazione ha paura e vuole fuggire. L’appello per un immediato cessate il fuoco e l’apertura di trattative. Oggi, in Vaticano l’incontro tra il Segretario di Stato e il ministro italiano degli Esteri Franco Frattini, per discutere la situazione in Africa del nord e Medio oriente.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®