24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/01/2007, 00.00

    IRAQ

    Uccisi, rapiti, minacciati: vita dei cristiani a Mosul



    Crescono ogni giorno le violenze ai danni della comunità; donne assassinate per strada, uomini rapiti nelle loro case, parroci che continuano a ricevere intimidazioni telefoniche.
    Mosul (AsiaNews) – Non si placa il calvario della comunità cristiana di Mosul . Né il periodo natalizio, né il nuovo anno hanno portato sollievo alla prostrata comunità cristiana in Iraq. Il 2007 si è aperto con un’escalation di minacce e uccisioni. Dalla città, roccaforte sunnita, AsiaNews ha ricevuto il resoconto delle ultime due settimane, fatto di rapimenti, intimidazioni e assassini. Gli ultimi due episodi risalgono a pochi giorni fa. Alcuni cristiani del luogo raccontano che lo scorso 9 gennaio la giovane segretaria di una clinica medica di Mosul è stata uccisa senza motivo apparente, mentre stava rientrando a caso nella piccola cittadina di Bartella. Il giorno successivo, un uomo della parrocchia di San Paolo è stato assassinato sulla soglia di casa, mentre resisteva ad un tentativo di rapimento.
     
    Negli ultimi 15 giorni – continuano le fonti, che chiedono l’anonimato – decine di famiglie cristiane, che ancora resistono alla tentazione di emigrare, hanno ricevuto intimidazioni telefoniche, in cui si chiede loro di pagare un “contributo alla resistenza [sunnita], pena la vita”. Poi ci sono le minacce fisiche e i sequestri di persona a scopo di lucro. La comunità ogni volta è costretta a raccogliere somme ingenti che vanno a pesare su una situazione economica già ai limiti; per di più, senza avere la certezza di rivedere in vita i propri cari.
     
    Nel mirino anche le chiese. I parroci locali hanno vissuto il Natale sotto continua minaccia. A questo si aggiungono le difficoltà materiali: insicurezza nelle strade, mancanza di elettricità, carburante e il freddo da cui non si riesce a trovare scampo. Ormai i cristiani di Mosul sono convinti: “La situazione è tale che nessun governo sarà mai in grado di aiutarci”.
    Prima dell’inizio della guerra nel 2003 a Mosul vivevano tra gli 80mila e i 90mila cristiani. Al momento è difficile dare stime esatte sul numero di chi è rimasto. Fonti della diocesi dicono che in media un cristiano al giorno lascia la città per non farvi ritorno.
    L'insicurezza e i rapimenti dominno anche Baghdad. A causa di ciò nelle scorse settimane il Patriarcato caldeo ha trasferito in Kurdistan, il Babel College e il Seminario maggiore di San Pietro.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/01/2006 IRAQ
    Bombe, ma anche persecuzione nascosta per cacciare i cristiani dall'Iraq

    Esponenti della locale chiesa caldea spiegano ad AsiaNews i possibili moventi degli attentati di domenica a Kirkuk e Baghdad e raccontano quotidiane discriminazioni e minacce  contro la comunità.



    09/07/2007 IRAQ
    Un nuovo sacerdote per Mosul, prime comunioni a Baghdad
    Nel fine settimana ordinato un nuovo sacerdote caldeo nella diocesi di Mosul: “Continuerò il lavoro di p. Ragheed”. A Baghdad 59 bambini siro-cattolici ricevono la Prima Comunione. Il vescovo: “Non cediamo alle minacce di chi fa il male”.

    26/11/2007 IRAQ
    Vescovo di Mosul: ci hanno abbandonati ai terroristi, ma i cristiani continuano a sperare
    A Roma nella delegazione che ha accompagnata al Concistoro il card. Emmanuel III Delly, mons. Raho parla della situazione nella città roccaforte sunnita. Non si fermano le minacce ai cristiani e diventa sempre più chiaro che al momento non vi è un piano per normalizzare Mosul. La denuncia: a livello internazionale vi è interesse a tenere l’Iraq diviso, nell’ignoranza e debole. Il ricordo del sacrificio di p. Ragheed.

    07/08/2006 IRAQ
    Prima comunione a Mosul, fra gli spari divenuti "fuochi d'artificio"

    Il parroco caldeo della chiesa del Santo Spirito racconta la Prima comunione di 80 bambini, mentre nella città imperversavano autobomba e sparatorie: "Preghiamo uniti per la pace in Iraq, ma anche in Libano e in tutto il mondo".



    20/12/2012 IRAQ
    Presidente e nuovo Patriarca: timori e speranze, nel Natale dei cristiani irakeni
    La comunità si prepara a celebrare le festività, con rinnovate speranze e vecchie paure di violenze. Ausiliare di Baghdad: i fedeli sono preparati, e pregano per la pace. Desiderio di unità per la Chiesa caldea. Arcivescovo di Kirkuk: sarà promotore di riforme ed elemento di riconciliazione.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®