21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/11/2016, 14.55

    COREA DEL SUD

    Un milione di sudcoreani chiedono le dimissioni della presidentessa Park Geun-hye



    Durante il quarto week end di proteste, il popolo sudcoreano continua ad affollare le strade della capitale. L’ufficio presidenziale rigetta le accuse dei procuratori, che dichiarano Park “complice” e “indiziata”. 

    Seoul (AsiaNews) – Circa un milione di manifestanti hanno invaso le strade di Seoul per chiedere a gran voce le dimissioni di Park Geun-hye, presidentessa sudcoreana coinvolta in un presunto scandalo di corruzione. Per la Corea del Sud è la più grande protesta dagli anni’80.

    La situazione della presidentessa sudcoreana Park Geun-hye continua ad aggravarsi, la procura di Seoul la sospetta infatti in collusione con l’amica storica Choi Soon-sil, arrestata ad inizio novembre. Choi è stata accusata di usare la propria influenza sulla presidentessa per estorcere ingenti somme di denaro a 53 gruppi industriali per una somma totale di 65,7 milioni di dollari Usa. Altri elementi importanti dello scandalo sono An Chong bum e Jeong Ho-seong, ex assistenti alla presidenza. Choi e An sono imputati di abuso di potere, Jeong invece è stato accusato di aver divulgato 180 documenti classificati – 47 di essi contenevano segreti di Stato – a Choi.

    La presidentessa Park gode ancora dell’immunità parlamentare e non sembra rendersi conto della gravità della situazione. Ad avanzare questa ipotesi è il Koreatimes, che in un articolo di Park Si-soo pubblicato oggi, mostra la conversazione fra la presidentessa e uno dei collaboratori del suo ufficio presidenziale. Egli suggerisce alla Park Geun-hye che “sarebbe saggio se si dimettesse. E che sarebbe il modo migliore per conservare il proprio onore. Se si facesse da parte e sparisse dall’opinione pubblica, l’indignazione popolare si attenuerebbe”. Ma la presidentessa avrebbe risposto: “Ho fatto qualcosa di sbagliato?” Questa conversazione è stata resa pubblica lunedì 21 da Min Byeong-doo, rappresentante del maggior partito democratico della Corea del Sud che dichiara l’attendibilità delle informazioni in quanto provenienti dalle proprie fonti di intelligence. Min ha aggiunto: “La presidentessa sembra non essere più in grado di pensare e analizzare la situazione. Credo che nel profondo senta di non avere alcuna colpa e prenda decisioni solo per sé stessa”.

    Domenica, l’accusa ha dichiarato Park “complice” e “indiziata”. L’ufficio presidenziale non ha esitato a criticare i procuratori giudicando le decisioni “castelli in aria” carenti di prove oggettive e giurando che Park non coopererà con i procuratori per le indagini sullo scandalo. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/01/2017 11:57:00 COREA DEL SUD
    Mandato d'arresto per Lee Jae-yong, vicecapo della Samsung coinvolto nello scandalo della presidente Park

    Avrebbe versato tangenti a Choi Soon-sil per più di 36 milioni di dollari Usa. Per gli inquirenti, nel 2015 il gruppo avrebbe anche finanziato una società sportiva di proprietà di Choi per 18,3 milioni di dollari Usa.



    19/01/2017 08:38:00 COREA DEL SUD
    Samsung: la corte nega il mandato d’arresto per il vicecapo Lee Jae-yong

    Era accusato di corruzione, appropriazione indebita e falsa testimonianza e coinvolto nello scandalo che ha travolto la presidente Park. Secondo i giudici i motivi non sono sufficienti per approvare la richiesta di fermo.



    17/02/2017 08:38:00 COREA DEL SUD
    Arrestato il capo della Samsung, legato allo scandalo della presidente Park

    In gennaio era sfuggito all’arresto per mancanza di prove stringenti. La Samsung è quella che ha donato più soldi (70 milioni di dollari) alle fondazioni di Choi Soon-sil, l’amica che ha trascinato la Park all’impeachment. Le dichiarazioni dei candidati alle nuove elezioni presidenziali.



    09/12/2016 09:00:00 COREA DEL SUD
    Il parlamento coreano vota l’impeachment della presidente Park Geun-hye

    Contro di lei hanno votato anche membri del suo partito. Si attende ora la decisione della Corte costituzionale. Se viene estromessa, la Park sarebbe il primo presidente sudcoreano a subire tale sorte.



    31/10/2016 09:06:00 COREA DEL SUD
    La “Rasputin della Corea” è tornata in patria per lo scandalo sui discorsi della presidente Park

    Choi Soon-sil, 60 anni, è amica e confidente della Park dai tempi dell’uccisione della madre, nel 1974. Choi padre era un personaggio ambiguo, prima monaco buddista, poi pastore cristiano, poi leader di una Chiesa da lui fondata. Manifestazioni a Seoul e a Busan che accusano la Park di essere “un burattino” della Choi.





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®