19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/10/2017, 09.03

    CINA

    Un nuovo Politburo senza un chiaro successore per Xi Jinping

    Wang Zhicheng

    Presentate oggi le personalità del Comitato permanente del Politburo: oltre a Xi e Li Keqiang, vi sono Li Zhanshu, Wang Yang, Wang Huning, Zhao Leji, Han Zheng. Molti sono stretti alleati di Xi; altri rispondono alla “cricca di Shanghai” di Jiang Zemin e alla Lega giovanile comunista di Hu Jintao. Nessun membro della Sesta generazione.

    Pechino (AsiaNews) - A Congresso del Partito concluso, è stata rivelata oggi davanti ai media cinesi il nuovo Comitato permanente del Politburo, il vertice del potere in Cina. Accompagnati da Xi Jinping, 64 anni, in fila ordinata si sono presentati: Li Keqiang, 62 anni, confermato nel suo ruolo di premier; Wang Yang, anch’egli 62enne, già segretario del Partito nel Guangdong, nominato  a capo della Conferenza politica consultiva del popolo cinese; Han Zheng, 63, segretario del Partito a Shanghai, sarà il vice premier; Zhao Leji, 60 anni, che sarà a capo della Commissione anti-corruzione; Li Zhangshu, 67, che sarà forse nominato capo dell’Assemblea nazionale del popolo; Wang Huning, 62 anni, direttore dell’Ufficio centrale per la ricerca politica, che sarà a capo della propaganda e dell’organizzazione del Partito. Tutti loro prendono questa carica per i prossimi cinque anni.

    Alla vigilia del Congresso molti si domandavano se Xi avrebbe riempito il Politburo di persone tutte di sua fiducia. La scelta invece mostra che i criteri sono stati la spartizione del potere fra i diversi gruppi presenti nel Pcc, in particolare la “cricca di Shanghai” e la Lega giovanile comunista legata ad Hu Jintao. A Xi si rifanno Li Zhanshu, finora direttore dell’ufficio generale del Pcc; Wang Huning, un teorico di fiducia; Zhao Leji.

    Alla cricca di Shanghai, capeggiata ancora dal vecchio Jiang Zemin, si rifà Han Zheng. Al gruppo della Lega giovanile comunista, si rifà (oltre Li Keqiang), Wang Yang, finora vice-premier.

    Rompendo una tradizione che durava dai tempi di Deng Xiaoping, nel nuovo Politburo non vi è nessun 50enne, della Sesta generazione, che sarebbe potuto apparire come un possibile successore di Xi a conclusione del suo mandato nel 2022. Alcuni analisti pensano che questo sia un modo per Xi per prepararsi a guidare il Partito anche dopo il suo secondo mandato.

    Hu Chunhua, attuale capo del Partito nel Guangdong, e Chen Miner, capo del Partito a Chongqing, che i media in questi giorni hanno spesso nominato come possibili successori di Xi, entrambi vicini al presidente, per ora entrano nel Politburo.

    Quest’oggi sono state rese pubbliche anche nuove nomine alla Commissione militare centrale: Xu Qiliang diventa primo vice-presidente; il gen. Zhang Youxia, grande alleato di Xi, diviene il secondo vice-presidente; il gen. Li Zhoucheng è entrato nella Commissione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2017 10:22:00 CINA
    Il Partito comunista cinese espelle Wu Aiying, ex ministro della giustizia

    La sua espulsione accade in modo imprevisto. Assieme a lei, sono stati espulsi altri 11 membri del Comitato centrale. Dal 2012, sono sotto inchiesta per corruzione 18 membri del Comitato centrale e 17 membri non permanenti.



    13/11/2017 08:14:00 CINA
    Xi Jinping ‘imperatore a vita’. Ma davvero?

    Al recente Congresso del Partito comunista cinese Xi ha riempito di compari e fedelissimi gli organismi massimi di governo. Ma non vi sono possibili successori. Come il re di Francia Luigi XIV, Xi può dire: “Il Partito? Sono io”. Il Comitato centrale riempito da imprenditori delle compagnie statali: un segno che le riforme economiche andranno a rilento. Il nazionalismo è un’arma a doppio taglio. Se Xi sbaglia, i suoi molti nemici nel Partito si coalizzeranno.



    16/10/2017 12:39:00 CINA
    Congresso del Partito: decisa l’apertura e il menu

    Il raduno si aprirà il 18 ottobre alle 9. La cerimonia di apertura verrà trasmessa in diretta alla tivu. I delegati mangeranno a un buffet con otto piatti caldi e otto pietanze fredde. Esclusi i cetrioli di mare e i gamberi, secondo la sobrietà predicata da Xi Jinping.



    10/10/2017 08:40:00 CINA
    Prima del Congresso del Partito cadono ancora teste per corruzione

    Espulso He Ting, capo della polizia di Chongqing; sotto inchiesta il vice-sindaco Mu Huaping e Xia Chongyuan, ex direttore del dipartimento politico del ministero della Pubblica sicurezza. He è accusato di corruzione, ma anche di “attività superstiziose”, un’accusa sempre più diffusa nelle condanne verso i membri del Partito, che sono tenuti al più stretto ateismo. La campagna anti-corruzione di Xi Jinping ha eliminato 250 alti membri e punito almeno 1,4 milioni di quadri.



    25/09/2017 16:34:00 CINA
    Che cos’è il Xi Jinping-pensiero?

    Al prossimo Congresso, nella costituzione del Partito si inserirà il pensiero di Xi Jinping, alla stregua di quello di Mao Zedong. Ma tale pensiero sembra solo fatto di retorica, nazionalismo, enfasi sulla grandezza della Cina. Il tanto decantato contributo di Xi al comunismo in stile cinese tende a fermare le riforme per mantenere il potere nelle mani del partito e nelle sue. Mao tendeva al futuro; Xi cerca di mantenere lo status quo. Per gentile concessione della Jamestown Foundation. (Traduzione italiana a cura di AsiaNews).





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®