19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/11/2017, 12.08

    PAKISTAN

    Una settimana di preghiera in ricordo di Shama e Shahzad, cristiani torturati e uccisi tre anni fa

    Shafique Khokhar

    Erano stati accusati di blasfemia. Il governo ha il dovere di proteggere i suoi cittadini, come sancisce la Costituzione. Gli orfani della coppia sostenuti con amore e cura dall’ong Cecil & Iris Chaudhry Foundation.

    Lahore (AsiaNews) – A tre anni dal linciaggio e la brutale uccisione di Shama e Shahzad, giovani coniugi cristiani, la Cecil & Iris Chaudhry Foundation (Cicf) li commemora con una settimana di preghiera e fa appello alle autorità pakistane perché assicuri “la sicurezza e la protezione di tutti i suoi cittadini a prescindere da religione, casta o genere…come sancisce la Costituzione”. Dalla morte della coppia, la fondazione si occupa dell’educazione dei loro tre orfani, mentre il quarto figlio è stato adottato dallo zio.

    Il 4 novembre 2014, a Kot Radha Kishan nel distretto di Kasur (circa 60 km da Lahore), una folla di oltre 400 persone ha lapidato Shahzad Masih e sua moglie Shama, per poi bruciarli vivi in una fornace. La donna era incinta quando la coppia è stata accusata di blasfemia. Un collega di Shahzad, impiegato in un mattonificio, sosteneva di aver visto Shama bruciare pagine del Corano.

    Nella dichiarazione rilasciata dall’associazione, la presidente Michelle Chaudhry ricorda l’orrore destinato a rimanere “nei nostri cuori e menti”: “In quella fornace, non hanno bruciato solo due vite preziose, hanno bruciato gli insegnamenti dell’islam e il Pakistan di Jinnah [fondatore del Paese, da lui immaginato moderno e laico, ndr] e nessun risarcimento economico potrebbe far ammenda a simili atti di violenza”.

    I due cristiani hanno lasciato i figli molto giovani: al tempo della disgrazia avevano dagli 8 anni ai 18 mesi. Il maggiore, Suleiman, è stato anche testimone dell’omicidio dei suoi genitori. Dalla loro morte, l’associazione ha preso in carica il destino dei bambini, di cui finanzia l’istruzione. “Ci dà grande gioia e gratificazione spirituale vedere questi bambini che stanno bene, sono felici e sicuri”, commenta Chaudhry. “Con cura, amore e un ambiente sano, essi ora si sono inseriti a scuola; e riescono bene non solo negli studi ma partecipano anche con impazienza alle attività extracurriculari”.

    La fondazione è un’organizzazione non-profit e non-governativa che si occupa delle categorie svantaggiate del Paese e prende il nome dal veterano dell’aviazione e attivista cattolico pakistano Cecil Chaudhry.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/04/2007 PAKISTAN
    Cattolico accusato di blasfemia, torturato dalla folla e dalla polizia
    Sattar Masih, cattolico di 28 anni, è stato torturato da una folla di musulmani inferociti che lo hanno accusato, senza prove, di aver scritto parole blasfeme contro Maometto. La polizia è intervenuta solo per arrestarlo. Si sarebbe dovuto sposare il giorno dopo.

    06/07/2006 pakistan
    Vescovo pakistano: "Non dimenticate Javed Anjum, morto per non aver rinnegato Cristo"

    Il presule di Faisalabad invita a tenere alta l'attenzione nei confronti del processo contro uno dei torturatori del 19enne cattolico, che rischia di essere annullato a causa delle minacce dei musulmani contro l'avvocato e la sua famiglia.



    08/07/2015 PAKISTAN
    Lahore: un nuovo futuro per i figli di Shama e Shahzad, bruciati vivi dai musulmani
    I quattro bambini della coppia cattolica sono stati presi in custodia dalla Cecil & Iris Chaudhry Foundation, che finanzia la loro educazione. Suleiman e Sonia hanno passato in modo brillante l’esame di fine anno. Padre Mendes: “Oltre a pagare le spese, la fondazione gli dona l’amore di cui hanno bisogno”.

    23/08/2012 PAKISTAN
    Faisalabad, brutale omicidio di un 14enne cristiano: corpo smembrato e volto sfigurato
    Suneel Masih, orfano, era scomparso il 19 agosto. Il suo cadavere è stato rinvenuto due giorni più tardi, in un’area isolata. Depredati alcuni organi interni, forse destinati al mercato nero. I tratti del viso sfigurati con acido. Agente di polizia: mai visto “un simile assassinio”. La comunità cristiana chiede giustizia, ma sinora non è nemmeno partita l’inchiesta.

    09/07/2004 PAKISTAN
    Nuova proposta per cambiare la legge sulla blasfemia




    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®