21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/08/2017, 14.52

    TIBET-CINA

    Un’accademia del buddismo tibetano passa sotto la guida diretta del Partito comunista ateo



    Da una settimana nominati nuovo direttore, segretario e membri del consiglio di amministrazione: tutti membri del partito, atei, non credenti nel buddismo. Continua anche la demolizione delle case degli studenti. In progetto un centro turistico.

     

    Chengdu (AsiaNews) - Il centro di apprendimento del buddismo tibetano di Larug Gar avrà un direttore e un segretario del Partito comunista, oltre ad atri quadri che avranno la maggioranza nel consiglio di amministrazione.

    Il centro di Larung Gar (a Garze, Sichuan occidentale) è nato negli anni ’80 grazie all’impegno del monaco Jigme Phuntsok, che ha attirato attorno a sé decine di migliaia di fedeli e di monaci.  Dal 2004, anno della morte del fondatore, il centro è stato retto da un gruppo di monaci autorevoli, scelti in modo democratico. Ma dal 20 agosto, la prefettura del Sichuan ha stabilito che il direttore dell’istituto sarà il vice-capo della polizia di Garze, che avrà funzione anche di segretario del centro e della cellula del Partito.

    Altri due quadri dell’ufficio affari religiosi diverranno vicedirettori del centro e vicesegretari del Partito; altri tre quadri locali saranno parte del consiglio di amministrazione del monastero e dell’accademia.

    Tutti loro, sebbene tibetani, fanno parte di un partito ateo e non credono nel buddismo.

    Secondo il Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia di Dharamsala, la mossa è fatta con due scopi: anzitutto diminuire il valore e l’influenza del centro, mettendolo in mano a della gente incompetente; il secondo motivo è economico: si vuole sviluppare nella valle il turismo e quindi si vuile potenziare la costruzione di infrastrutture, che però rischiano di distruggere l’ambiente naturale e spirituale del centro.

    Non è la prima volta che il Larung Gar viene preso di mira: da oltre un anno il governo distrugge le abitazioni degli studenti e li caccia via. Su 10mila studenti, maschi e femmine, contati nel 2016, oggi vi sono solo 4828 monaci e monache, e 4725 case distrutte.

    Quasi due anni fa Xi Jinping, in un discorso al Fronte unito, ha sottolineato che le religioni devono essere sottomesse al partito comunista cinese. Da allora il controllo su ogni attività religiosa (di buddisti, taoisti, musulmani, cristiani) è divenuta soffocante, con applicazioni di regole minuziose fino alla demolizione di croci, moschee, templi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2005 CINA – TIBET
    Tibet, monaco "rapito" dalle forze di sicurezza cinesi

    Human Rights Watch denuncia da agosto la sparizione del religioso, Sonam. Dietro le fastose celebrazioni ufficiali per il 40° anniversario della creazione della Regione autonoma del Tibet tibetani rapiti e intere famiglie spostate con la forza in campagna per semplici sospetti.



    14/10/2014 TIBET - CINA
    Tibet, campagna di demolizione contro i luoghi sacri del buddismo
    Colpiti stupa, residenze per i monaci e pietre della preghiera. Il timore è che nei santuari vengano ricordati coloro che si sono auto-immolati contro la dominazione di Pechino. Proibita anche l'istruzione buddista a coloro che hanno meno di 12 anni. Nel sud della Cina continua l'opera di distruzione di chiese e croci cristiane.

    02/02/2016 15:00:00 TIBET – CINA
    Per paura delle proteste, Pechino chiude il Tibet

    Il governo centrale cinese ha annunciato che dal 25 febbraio al 30 marzo 2016 sarà proibito per gli stranieri entrare nella Regione autonoma. In questo periodo i tibetani ricordano la sollevazione popolare contro l’esercito maoista, la fuga del Dalai Lama e le proteste contro le Olimpiadi di Pechino. Restrizioni anche per i residenti, che non potranno allontanarsi per più di 10 chilometri dal loro luogo di residenza.



    04/08/2015 TIBET – CINA
    Il Partito comunista “deciderà il prossimo Dalai Lama. Su questo non si discute”
    Un “conclave” riunito a Pechino e guidato dal presidente Xi Jinping cerca di chiudere la “questione tibetana” e minaccia ritorsioni in caso di reincarnazioni “non autorizzate”. Il governo comunista vuole intervenire su scelte puramente religiose. difendendo tradizioni antiche, nate secoli prima della Repubblica popolare. Deputato tibetano: “Nella migliore delle ipotesi sono dichiarazioni ridicole”.

    02/11/2017 12:59:00 CINA-TIBET
    Proibito il festival di preghiera buddista all’accademia di Larung Gar

    Il raduno di preghiera si teneva da 21 anni. Il motivo del divieto è il sovraffollamento e la ristrutturazione urbanistica non completata. In un anno distrutte oltre 4mila residenze monastiche e cacciato 4800 monaci e monache tibetani.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®