27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/07/2012, 00.00

    COREA DEL NORD

    Uno “sconosciuto” è il nuovo capo dell’esercito nordcoreano



    Kim Jong-un nomina Hyon Yong-chol al posto del rimosso Ri Yong-ho. Sconosciuto ai più, ha raggiunto anche il grado di vice maresciallo nonostante sia stato nominato generale soltanto nel settembre del 2010: insieme a lui venne promosso anche l’attuale dittatore, che continua nella sua manovra per prendere in mano il potere.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) - A meno di un giorno dall'annuncio della rimozione di Ri Yong-ho dalla guida dell'esercito nordcoreano "per motivi di salute", il regime guidato da Kim Jong-un ha nominato il suo successore. Si tratta di Hyon Yong-chol, che come nuovo capo di Stato Maggiore dell'Esercito ha raggiunto la carica di vice maresciallo. L'unico maresciallo del Paese è il dittatore, figlio del defunto "caro leader" Kim Jong-il.

    La decisione, secondo quanto riferito dall'agenzia ufficiale Kcna, è stata presa dalla Commissione militare centrale e dalla Commissione nazionale di Difesa ed ha sorpreso molti analisti: Hyon è divenuto generale soltanto nel settembre del 2010 e non ha una carriera di vicinanza ai vertici del regime.

    Tuttavia, la sua è stata fortemente voluta dal leader Kim Jong-un e rientra nel suo piano di prendere in pieno il controllo dell'enorme potere dei militari in Corea del Nord. In occasione della promozione di Hyon a generale, infatti, con lui vennero nominati anche lo stesso Jong-un e la zia, Kim Kyong-hui, che ha assunto il ruolo di tutrice del nipote. Questa circostanza potrebbe spiegare il perché della decisione a suo favore.

    Secondo la Juche, la dottrina autarchica e militarista del padre della patria Kim Il-sung, soldati e contadini sono l'ossatura del Paese. Il figlio Jong-il ha lanciato nel 2000 la campagna "prima l'esercito", che prevede il meglio del poco a disposizione per i militari, e ha esortato il figlio a seguirlo sulla strada del controllo del potere attraverso le armi. Nonostante sia sempre in bilico con il crac economico, la nazione mantiene uno degli eserciti permanenti più numerosi del mondo in proporzione alla propria popolazione.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/05/2015 COREA
    Pyongyang: con un missile aereo, giustiziato il capo delle Forze Armate
    I Servizi segreti di Seoul confermano l’arresto e l’esecuzione di Hyon Yong-chol, potentissimo capo dei militari nordcoreani, accusato di aver “disobbedito” al giovane dittatore Kim Jong-un e di essersi addormentato mentre lui parlava. La morte è avvenuta davanti a centinaia di spettatori in un poligono della capitale.

    16/07/2012 COREA DEL NORD
    Pyongyang, rimosso il capo dell’esercito
    Il generale Ri Yong-ho lascia il suo posto “per malattia”. Considerato un alleato chiave del nuovo dittatore Kim Jong-un, lo ha sostenuto durante la transizione al potere dello scorso dicembre. Attesa per il suo rimpiazzo.

    31/05/2016 08:02:00 COREA
    Pyongyang testa un missile, ma il lancio fallisce

    I militari sudcoreani: “Pronti per qualunque evenienza”. Incertezza sul tipo di tecnologia sperimentata. Il nuovo vice presidente del Partito nordcoreano dei Lavoratori arriva in Cina per una visita “ufficiale ma non annunciata”.



    30/07/2012 COREA DEL NORD
    Mentre Kim Jong-un gioca al parco, lo zio si prende il Paese
    Continua l’Amleto a Pyongyang. Kim Jong-un, giovane dittatore, si fa fotografare mentre gioca sulle giostre e sorride alla moglie; lo zio Jang Song-taek guida le purghe e si afferma sempre di più ai vertici del potere. Ma rischia grosso, perché i coreani permettono soltanto alla famiglia Kim di governarli.

    15/02/2005 corea del nord
    Kim Jong-il prepara la successione del figlio o rafforza se stesso?
    Ipotesi diverse ma analisi comune sul fatto che qualcosa sta accadendo a Pyongyang.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®