28 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/07/2012
COREA DEL NORD
Uno “sconosciuto” è il nuovo capo dell’esercito nordcoreano
Kim Jong-un nomina Hyon Yong-chol al posto del rimosso Ri Yong-ho. Sconosciuto ai più, ha raggiunto anche il grado di vice maresciallo nonostante sia stato nominato generale soltanto nel settembre del 2010: insieme a lui venne promosso anche l’attuale dittatore, che continua nella sua manovra per prendere in mano il potere.

Seoul (AsiaNews/Agenzie) - A meno di un giorno dall'annuncio della rimozione di Ri Yong-ho dalla guida dell'esercito nordcoreano "per motivi di salute", il regime guidato da Kim Jong-un ha nominato il suo successore. Si tratta di Hyon Yong-chol, che come nuovo capo di Stato Maggiore dell'Esercito ha raggiunto la carica di vice maresciallo. L'unico maresciallo del Paese è il dittatore, figlio del defunto "caro leader" Kim Jong-il.

La decisione, secondo quanto riferito dall'agenzia ufficiale Kcna, è stata presa dalla Commissione militare centrale e dalla Commissione nazionale di Difesa ed ha sorpreso molti analisti: Hyon è divenuto generale soltanto nel settembre del 2010 e non ha una carriera di vicinanza ai vertici del regime.

Tuttavia, la sua è stata fortemente voluta dal leader Kim Jong-un e rientra nel suo piano di prendere in pieno il controllo dell'enorme potere dei militari in Corea del Nord. In occasione della promozione di Hyon a generale, infatti, con lui vennero nominati anche lo stesso Jong-un e la zia, Kim Kyong-hui, che ha assunto il ruolo di tutrice del nipote. Questa circostanza potrebbe spiegare il perché della decisione a suo favore.

Secondo la Juche, la dottrina autarchica e militarista del padre della patria Kim Il-sung, soldati e contadini sono l'ossatura del Paese. Il figlio Jong-il ha lanciato nel 2000 la campagna "prima l'esercito", che prevede il meglio del poco a disposizione per i militari, e ha esortato il figlio a seguirlo sulla strada del controllo del potere attraverso le armi. Nonostante sia sempre in bilico con il crac economico, la nazione mantiene uno degli eserciti permanenti più numerosi del mondo in proporzione alla propria popolazione.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/07/2012 COREA DEL NORD
Pyongyang, rimosso il capo dell’esercito
30/07/2012 COREA DEL NORD
Mentre Kim Jong-un gioca al parco, lo zio si prende il Paese
di Joseph Yun Li-sun
15/02/2005 corea del nord
Kim Jong-il prepara la successione del figlio o rafforza se stesso?
di Pino Cazzaniga
13/07/2012 COREA DEL NORD
Non solo Topolino: il nuovo dittatore coreano ama la cultura pop
05/01/2010 COREA DEL NORD
Aumenta il potere del “terzo Kim”, tra i timori della popolazione

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate