24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/08/2011, 00.00

    INDONESIA

    Velo e digiuno obbligatorio: Indonesia “islamizzata” per il Ramadan

    Mathias Hariyadi

    Il capo del distretto di Pamekasa impone alle donne della pubblica amministrazione lo jilbab. Per tutto il mese ristoranti chiusi sino al tramonto. Sospesa l’attività dei locali notturni, raid dei fondamentalisti contro quanti violano le norme. Nell’isola di Sumatra licenziamento in tronco per gli impiegati che non rispettano il digiuno.
    Jakarta (AsiaNews) – Velo obbligatorio per le dipendenti della pubblica amministrazione e licenziamento in tronco per chi viene sorpreso a mangiare durante la giornata. Nel mese sacro del Ramadan, alcune zone dell’Indonesia registrano una progressiva “islamizzazione” delle norme, sempre più ispirate alla Shariah (la legge islamica). Le direttive coincidono con l’inizio del mese di digiuno e preghiera, in cui ogni musulmano dovrebbe astenersi da cibo e liquidi dall’alba fino al tramonto.

    Il capo del distretto di Pamekasan, isola di Madura, nella provincia indonesiana di East Java, ha stabilito che le donne impiegate nella pubblica amministrazione devono indossare lo jilbab, il velo islamico che copre il capo lasciando scoperto il volto. Per promuovere una maggiore adesione ai precetti dell’islam, la norma varrà per quante lavorano negli uffici distrettuali e per le donne che vendono cibo in strada. Kusari, capo del distretto di Pamekasan, conferma che questa scelta servirà a “rafforzare la fede” fra le musulmane.

    Durante il Ramadan è previsto un giro di vite anche nei confronti di ristoranti e locali notturni. In Indonesia i locali pubblici sono chiusi durante il giorno, per riaprire dopo il tramonto. Club, bar e altre attività legate all’intrattenimento notturno chiuderanno i battenti per un mese. Alcuni esponenti del Fronte di difesa islamico (Fpi), un movimento filo-estremista indonesiano, compiono dei raid notturni per colpire quanti violano le “direttive” e tengono aperti i locali.

    Nel distretto di Bengkulu, isola di Sumatra, il sindaco Ahmad Kanesi ha stabilito che verranno licenziati in tronco tutti gli impiegati pubblici che non rispetteranno l’obbligo del digiuno. Il funzionario ha inoltre messo una taglia di un milione di rupie (circa 118 dollari) come premio a tutti i cittadini, che denunceranno un pubblico ufficiale di Bengkulu sorpreso a mangiare durante la giornata di digiuno.

    l'Indonesia, con i suoi 231 milioni di abitanti secondo stime del 2009, è il Paese musulmano più popoloso al mondo. Tuttavia, vi sono presenze sigificative fra i gruppi etnici e le minoranze religiose. I fedeli dell'islam sono circa l'87% della popolazione (in grande maggioranza sunniti), i protestanti il 6,1%, i cattolici attorno al 4%, mentre induisti e buddisti l'1% circa.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/03/2009 INDONESIA
    East Java, le donne poliziotto devono indossare il velo islamico
    Il nuovo capo della polizia ha emanato una direttiva “non vincolante” per tutte le donne in divisa. Ai poliziotti si chiede anche di pregare cinque volte al giorno. La sede centrale di Jakarta approva la normativa e dice che gli agenti sono “liberi” di seguirla.

    10/07/2013 INDONESIA – ISLAM
    Ramadan a Jakarta, gli estremisti annunciano raid "contro alcool e pornografia"
    Il Fronte di difesa islamico (Fpi) annuncia attacchi contro bar e locali “peccaminosi” durante il mese sacro dell'islam. La polizia sequestra a manda in fumo bevande e dvd, in un clima di maggiore intolleranza. Leader Fpi: "I nostri attivisti per le strade della capitale, assicureranno il rispetto delle regole". Allerta fra le minoranze religiose e i musulmani non ortodossi.

    05/11/2004 VATICANO
    Santa Sede e islam difendano i diritti dei bambini

    Messaggio per la fine del Ramadan



    14/09/2007 ISLAM
    È Ramadan per 1,2 miliardi di musulmani nel mondo
    Il nono mese sacro nel calendario islamico è iniziato ieri per la maggior parte dei Paesi musulmani. Ristoranti chiusi durante il giorno, divieto di mangiare in pubblico, mentre nelle città in guerra si allenta il coprifuoco notturno per permettere alle famiglie di riunirsi dopo il tramonto.

    05/11/2004 LIBANO
    Il Ramadan, un grande business per Beirut




    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®