23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/12/2016, 13.38

    BANGLADESH

    Vescovi del Bangladesh agli amministratori cristiani: Diffondete i valori del Vangelo nella politica

    Sumon Corraya

    La Conferenza episcopale ha promosso un seminario dedicato ai politici. A livello parlamentare, c’è un solo rappresentante cristiano; a livello locale, meno di 100 cristiani su un totale di 4554 unità amministrative. Card. D’Rozario: “Non votate leggi che vanno contro la religione e la morale”.

    Dhaka (AsiaNews) – Diffondere i valori del Vangelo in politica e operare per il bene dei cittadini. Con questi obiettivi la Conferenza episcopale del Bangladesh (Cbcb) ha organizzato un seminario rivolto ad amministratori cristiani locali. Rivolgendosi ai partecipanti, il card. Patrick D’Rozario ha detto: “La presenza di fedeli cristiani nella vita sociale possa essere simbolo di amore. Essi devono promuovere politiche per il benessere. Devono agire in nome della pace e della giustizia”.

    Il seminario è stato organizzato dalla Commissione episcopale per i laici e si è svolto nei giorni scorsi a Dhaka. Vi hanno partecipato 58 politici cristiani, in maggioranza cattolici, esponenti delle Union Parishad, le più piccole unità amministrative del Paese. Su un totale di 4554 unioni, i membri cristiani sono meno di 100. A livello parlamentare invece, vi è solo un rappresentante cristiano.

    La necessità di un maggiore coinvolgimento dei cristiani nella politica locale si è accentuata con gli anni. Per questo le gerarchie ecclesiastiche hanno iniziato a spronare i laici ad operare in politica per assicurare uguali diritti a tutti i cittadini e prendersi cura dei fedeli delle altre religioni testimoniando Cristo.

    Chayon H. Rebeiro, segretario della Commissione, spiega ad AsiaNews: “Il seminario vuole educare i politici ai valori cristiani e ispirarli a diffondere in profondità le linee guida della Chiesa cattolica”.

    A tal proposito, il card. D’Rozario ha detto che “i legislatori cristiani non devono sostenere leggi che vanno contro la religione e la moralità”. “Molti politici – ha aggiunto – credono che il voto della maggioranza possa stabilire ciò che è vero, anche se una legge è sbagliata. I governanti cristiani devono conoscere i valori autentici e la verità quando votano una legge”.

    Shipra Haru Mohanta, esponente cattolica dell’unione di Gopalgonj, commenta: “Con questa formazione a livello nazionale, la Chiesa ha voluto riconoscere la nostra importanza, anche se rappresentiamo una parte minuscola del governo. Per me il seminario è stato fonte di grande ispirazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/03/2007 FILIPPINE
    I vescovi filippini: “non abbiamo candidati per le elezioni”
    Il presidente della Conferenza episcopale nazionale spiega in un documento ufficiale che i vescovi, in quanto pastori, non hanno il compito di plasmare la vita politica dei fedeli, ma solo quello di sottolineare i principi da sostenere.

    15/01/2007 LIBANO
    Sfeir torna a criticare le interferenze straniere
    Prosegue l’iniziativa dei vescovi per trovare una piattaforma comune tra i politici maroniti. Alla vigilia della conferenza di Parigi dei Paesi donatori, il primo ministro, Fouad Siniora, inizia un giro nelle capitali dei Paesi arabi per allargare il consenso internazionale verso il suo governo. Il leader di Amal, Nabih Berri, definisce Parigi, “la conferenza che impoverirà il Libano”.

    18/11/2006 INDONESIA
    Nuovo presidente della Conferenza episcopale in Indonesia

    Mons. Situmorang è stato eletto a capo dei vescovi nel più grande Paese musulmano al mondo: "lavorerò duramente per la pace e la giustizia sociale". Nominato anche il nuovo Segretario generale.



    18/05/2010 INDIA
    La Chiesa indiana studia un “codice anti-abusi”
    La Conferenza episcopale, insieme ai superiori delle congregazioni religiose indiane, si riunisce per studiare le norme da applicare in caso di crimini di natura sessuale. Il vescovo di Pune spiega: “Tolleranza zero per chi sbaglia. Il Papa ha indicato la via, sbagliato criticarlo”.

    18/01/2007 LIBANO
    I vescovi mirano a linee guida comuni di tutti i politici cristiani
    L’iniziativa dei presuli, che ieri hanno incontrato Gemayel, vuole realizzare un incontro presieduto dal patriarca Sfeir, che elabori un documento comune. Ad una settimana dalla conferenza di Parigi l’opposizione minaccia una escalation di manifestazioni di protesta.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®