20/10/2009, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Vescovo anglicano: lo Sri Lanka faccia i conti col passato per guarire le sue ferite

di Melani Manel Perera
All’apertura della riunione nazionale della Chiesa anglicana di Colombo, il rev. Duleep de Chickera chiede giustizia e libertà per i profughi tamil. Il 2009/2010 sarà dedicato alla “Riconciliazione e alla guarigione della nazione”. Fondamentale il ruolo delle religioni per il bene del Paese ed in particolare la collaborazione tra le confessioni cristiane.
Colombo (AsiaNews) - Non dimenticare gli oltre 200mila rifugiati tamil che vivono nei campi profughi, operare per la riconciliazione del Paese, “fare i conti con gli errori del passato” e collaborare con tutte le confessioni religiose e le Chiese cristiane per “guarire” le ferite che affliggono la società dello Sri Lanka.
 
Sono queste le preoccupazione principali del rev. Duleep de Chickera, vescovo anglicano di Colombo (foto). Alla riunione annuale della diocesi, iniziata il 16 ottobre, la sua voce si è alzata ancora una volta a chiedere aiuto, libertà e uguaglianza per i rifugiati tamil. Il rev. de Chickera da tempo chiede giustizia per le migliaia di persone che da mesi vivono nei campi profughi in condizioni tragiche (vedi AsiaNews, 29/09/2009, “Vescovo anglicano: Basta menzogne sui profughi tamil, a casa subito”).
 
L’incontro di clero e fedeli della diocesi di Colombo ha dato occasione al reverendo per ricordare le 125 famiglie di cristiani anglicani del Vanni relegate nei campi. “Non dobbiamo mai dimenticare che tutti coloro che sono fuggiti [nei campi] sono cittadini dello Sri Lanka – ha ricordato de Chickera- e che lo hanno fatto perché il governo gli ha invitati ad essere liberati”.
 
Nel Paese non si placano le polemiche sulle condizioni di vita dei campi profughi ed i continui ritardi nel reinsediamento dei rifugiati nelle loro terre di origine. Il prelato afferma che la liberazione promessa loro significa “uguali opportunità di educazione, sviluppo e crescita”. Chiede che “essi non siano ostacolati o oppressi da nessuna ideologia o potere che possa sfruttarli e sopprimerli di nuovo”.
 
Per il rev. de Chickera “la disfatta militare del Liberation Tigers of Tamil Eelam(Ltte) non può rappresentare la soluzione della crisi nazionale”. Lo Sri Lanka ha bisogno di essere “guarito” da ferite profonde che segnano la sua storia sin dal raggiungimento dell’indipendenza. “Violenze inimmaginabili”, l’approfondirsi di divisioni etniche, “costanti fenomeni di “intimidazione discriminazione hanno generato una società segnata dal sospetto e dall’antagonismo”.
 
Il 2009/2010 per la Chiesa anglicana sarà dedicato alla “Riconciliazione e alla guarigione della nazione”. Davanti all’urgenza di una rinascita morale e civile del Paese il vescovo invita la Chiesa anglicana ad intensificare i rapporti con le altre religioni poiché “esse hanno un ruolo da svolgere in questo programma”. Di particolare importanza è la collaborazione fra le confessioni cristiane presenti sull’isola, tema che il reverendo ha sottolineato auspicando una cooperazione serrata . Ad ascoltarlo c’era mons. Thomas Savundaranayagam, vescovo cattolico di Jaffna ed invitato speciale all’appuntamento.
 
De Chickera chiede a fedeli e clero di farsi promotori nella società e nelle comunità di un processo di “confronto con gli errori del passato” e invita a “coltivare comportamenti che rispettino e accolgano la presenza degli altri”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo anglicano : Basta menzogne sui profughi tamil, a casa subito
29/09/2009
Tornano a casa 100mila profughi musulmani vittime della pulizia etnica delle Tigri
07/12/2009
Lo Sri Lanka ricorda i caduti. La Chiesa: non dimentichiamo i profughi
09/11/2009
Vescovo anglicano: non tutti i Tamil sono guerriglieri
08/05/2009
La Chiesa dello Sri Lanka: ora uguaglianza e unità perché la guerra finisca davvero
19/05/2009