29 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/12/2011, 00.00

    COREA

    Vescovo coreano: La morte di Kim è una strada per il dialogo. Con qualche attenzione

    Joseph Yun Li-sun

    Mons. Lazzaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon e presidente della Commissione episcopale per la cura dei migranti, racconta ad AsiaNews: “Ora si apre un periodo di grande confusione per tutta la penisola. Noi dobbiamo privilegiare il dialogo per la pace, ma senza andare alla cieca. Il Natale ci spinga a pregare per un miglioramento della situazione”. Il dolore e la speranza di Thomas Han, ambasciatore coreano presso la Santa Sede.
    Daejeon (AsiaNews) – La morte del dittatore nordcoreano Kim Jong-il “apre la strada a un periodo di grande confusione. Ci sarà uno scontro interno al regime fra Partito ed esercito, e la giovane età dell’erede designato non aiuterà un passaggio di poteri tranquillo. Ora dobbiamo pregare per la pace, in Corea e nel mondo, e usare il periodo natalizio per mantenerci vigili e con la mano tesa verso i nostri fratelli del Nord”. Lo dice ad AsiaNews mons. Lazzaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon e presidente della Commissione episcopale per la cura dei migranti.

    Secondo il presule, che cura diversi programmi per l’integrazione dei profughi dal Nord, “ora nella parte nord della penisola ci sarà molta confusione. Il figlio ed erede designato del dittatore ha 28 anni: non ha l’esperienza politica per traghettare il Paese nei rapporti con la Cina, con gli Stati Uniti e con la Corea del Sud. Io spero e prego affinché tutti gli attori di questa situazione non si muovano troppo in fretta: bisogna privilegiare il dialogo, ora che si apre uno spazio per farlo”.

    A questo proposito, il vescovo racconta anche della diatriba che si è aperta in Corea del Sud: “Abbiamo avuto la notizia della morte soltanto 8 ore fa, ma l’opposizione sudcoreana ha già chiesto al governo di inviare una delegazione ufficiale ai funerali di Kim Jong-il. Il governo invece temporeggia. Io penso che lo si debba fare, perché in questo modo facciamo capire di volere pace e dialogo. Poi attenderemo la loro risposta, ma dobbiamo provarci. Certo, non deve essere fatto in maniera sterile: tante volte abbiamo provato e siamo stati presi in giro”.

    Il problema, sottolinea ancora mons. You, “è che ora si aprirà un conflitto aspro fra il Partito, in mano allo zio dell’erede, e i militari che rispondono a Kim Jong-un. Ma in questo scenario a pagare sarà la popolazione, che continua a morire di fame: dobbiamo impegnarci al massimo per riprendere l’invio di aiuti umanitari e scongiurare nuove vittime di questa situazione. È troppo presto per dire cosa succederà nella penisola coreana, ma noi dobbiamo pregare e operare affinché vinca la pace”. 

    Intanto, da Roma, Thomas Hongsoon Han, ambasciatore della Sudcorea presso la Santa Sede, ha espresso alcuni suoi pensieri personali sulla morte di Kim Jong-il: "Mi auguro - ha detto ad AsiaNews - che questa morta possa aprire una possibilità di pace. Il Sud e il Nord stanno vivendo un momento molto critico dal punto di vista economico. Abbiamo bisogno di un periodo di pace. Io spero che questo lutto porti una prospettiva migliore rispetto al passato".
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/05/2011 COREA DEL NORD
    Nel regime dei Kim “vivono ancora dei cristiani. E sono stimati”
    Pastore protestante sudcoreano: “In Corea del Nord ci sono ancora circa 40mila cristiani: torturati e chiusi nei campi di lavoro, ma un esempio per tutti”. La Chiesa cattolica non conferma queste cifre ma loda l’atteggiamento di chi riesce a fuggire, “missionario di speranza per tutti noi”.

    29/08/2013 COREA DEL NORD
    Kim Jong-un fa fucilare in piazza la sua ex fidanzata
    Lo scorso 8 agosto il dittatore era in platea ad applaudire Hyon Song-wol, cantante dell’Orchestra nazionale Unhasu. Nove giorni dopo l’ha fatta arrestare con un gruppo di artiste accusate di “pornografia” e il 20 agosto le ha fatte fucilare tutte in piazza, condannando le famiglie al lager. Alcune di loro erano cristiane. Gli analisti: “Una vittoria dell’attuale moglie, anche lei un tempo in quell’orchestra, che vuole consolidare il potere del marito e la successione del figlio”.

    16/03/2010 COREA DEL NORD
    Pyongyang prepara il primo ritratto del “Terzo Kim”
    Il 15 aprile si festeggia la nascita di Kim Il-sung, “Presidente eterno” della Corea del Nord. Per l’occasione verrà esposto in pubblico il ritratto di Kim Jong-un, terzogenito e delfino di Kim Jong-il.

    16/02/2011 COREA DEL NORD
    Compleanno di Kim: grandi feste, ma quest'anno niente cibo alla popolazione
    A Pyongyang sono stati organizzati eventi di ogni tipo - dall’esposizione delle “kimjongilie”, begonie create in suo onore, alle recite teatrali dei bambini - ma per la prima volta da più di un decennio non sono state distribuite razioni alimentari gratuite alla popolazione. La mancanza di questo gesto sottolinea la grave crisi economica che colpisce il Paese.

    26/06/2010 COREA DEL NORD
    La Corea del Nord avrà presto un nuovo leader
    La scelta avverrà in settembre con una sessione straordinaria dei dirigenti del Partito dei lavoratori. L’annuncio è stato dato in occasione dell’60mo anniversario della guerra tra le due Coree e avviene dopo la recente riapertura delle tensioni con la Corea del Sud. Il futuro della nazione sarà nelle mani di Kim Jong- un, figlio dell’attuale dittatore Kim-Jong-il da tempo in gravi condizioni di salute.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®